Print this page
Lunedì, 08 Aprile 2019 04:04

Il gasdotto Eastmed: un ponte energetico nel cuore del Mediterraneo.

Written by Lelio Antonio Deganutti
Rate this item
(2 votes)

Nonostante le proteste del ministro degli esteri libanese Gebral Bassil, che recentemente ha accusato il governo di Tel Aviv di violare per circa 860 km le acque territoriali del Libano, verrà costruito il gasdotto più lungo e profondo della storia (1900 km di lunghezza).

Tale gasdotto che collegherà lo stato di Israele con l’Italia, passando per Cipro e la Grecia, è un progetto per buona parte finanziato dall’Unione Europea tramite l’ European Energy Program for Recovery. La società che ha preso in gestione tale costruzione è la Igi Poseidon, società di diritto greco che si trova sotto l’egida dell’italiana Edison s.p.a. .

L ‘ Eastmed che dovrà ultimarsi entro il 2025, costerà ai 4 paesi all’incirca 7 miliardi di euro, 2 miliardi in mezzo in più rispetto al Tap (Trans Adriatic Pipeline), gasdotto che partendo dall’Azerbaijan dovrebbe avere l’Italia come suo terminale. Il nostro paese produce solo l’8% del gas naturale che consuma , dipendendo enormemente da paesi terzi, in particolar modo dalla Russia (40 %) ed Algeria (25 %).

L’Unione Europea grazie a tali progetti sta cercando in ogni modo di diversificare l’approvvigionamento di gas, considerando che è il più grande importatore del mondo di fonti energetiche. E’ evidente che questi gasdotti rappresentano delle pedine che vengono mosse nello scacchiere geopolitico Euroasiatico, in una partita tra diversificati ed imprevedibili attori.

 

Read 1315 times Last modified on Lunedì, 08 Aprile 2019 00:09

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information