Print this page
Mercoledì, 29 Gennaio 2020 10:46

Alta Moda a Rome Fashion Week Gennaio 2020

Written by di Lady Fiorella Bellagotti - per le foto Roberto Marian e Gianfranco Lovisolo
Rate this item
(0 votes)
 
 Natasha Pavluchenko

Alta Roma ed Alta Moda:un binomio indissolubile che in queste giornate invernali battezzate dal sole mediterraneo si snocciola in una citta' ancora assopita dai torpori del disgelo: e'una primavera di eventi e passerelle che raccolgono le esigenze e le innovazioni di una societa'

 
Il dr. Silvio Smeraglia con Barbara Castellano e la dott.ssa Rossella Rizzi della Rosspharma

ambientalistica in cerca del nuovo ecosostenibile desiderio di piacere e piacersi.

In una location eccezionale dove spazi multimediali ed interattivi danno adito a performance e statiche di rilevante importanza, gia' emergono nomi e brands che incuriosiscono e gettano le basi ad un proselitismo che ha reso la Moda una icona di successo e personalita'.
Grazie al coordinamento di una delle giornaliste di Moda piu rilevanti della capitale Mariella Valdiserri ed il suo Fashion Team sempre corretto ed adeguato,ho auto modo di assistere all'International Couture Fashion Show dove ho apprezzato la collezione di Natasha Pavluchenko dedicata alla Vergine di Anglona, una linea molto clericale con tagli asimmetrici e lineari su velluti,pizzi e organze che si alternano con disinvoltura su telai del nero esultando in finale alla purezza del bianco; passsando ad A'biddikkia vediamo l'influenza isolana su di una sposa che fra scollature generose fluttua al vento su di un mare di spiaggie madreperlate,particolari i tagli a raggiera dei gowns rigogliosi e rigorosi,arricchiti da ricami e pietre preziose;quindi dall'Armenia ma naturalizzato libanese, Missaki Couture esplode in una crema di luci e domina con colori tenacemente delicati una passerella fatta di regole e semplicita' ma impreziosita da cascate di

 
 Nino Lettieri

Svarowsky che la incoronano: tutto regolarmente fatto a mano,body shaped,' mette in evidenza il seno, il fondo spalla ed il giro vita tanto accentuato in un corpo acerbo da odalisca aleatoria coperta di soli petali che si dimena tra nuvole di cipria e di mistero. In Baroqco che presenta " Stairways to Heaven", il gioiello e' il punto focale, esso

 
 Giada Curti performance al St. Regis

riveste il collo, come un abito aderente e luminescente, incorona la testa con regalita' ed avvolgente si distribuisce un po dovunque a tela di ragno donando fluorescenze multicolori. Tra le molte accademie di moda che aderiscono a questa iniziativa e' emersa l'Accademia Internazionale di Alta Moda e d'Arte del Costume Koefia che ha esordito insieme al corso di Laurea in Scienze della Moda e del Costume all' Università della Sapienza,qui esordisce "La petite robe Blanche",un sogno di bianco tra calchi di gesso ed opere raffiguranti le molte statue classiche presenti nella Gipsoteca dell'Universita';una raccolta di 40 tubini bianchi che narra una evoluzione tessile intorno a questa semplice forma, il

 
 Stefania Orlando con Pinda e team

tubino, immortalato per la prima volta da Coco Chanel nel 1926 sulla Copertina di Vogue "Petite robe noir"e, per seguire,quello ideato da Givenchy ed indossato da Haudrey in "Colazione da Tiffany".


Mentre imperversavano nella citta' mostre semivirtuali e surrealiste nel contesto di questo ingranaggio con la moda,interessante e' stata quella promossa dal Polo Museale del Lazio e da Alta Roma presieduta da Silvia Venturini Fendi, di Ginevra Odescalchi/Hendrik Christian Andersen al Museo Andersen dove Ginevra ci presenta sei abiti a struttura architettonica e monocromatici nelle tonalita' del nero e del bianco che danzano tra i capolavori e nell'ambito della Casa del grande Andersen; i gioielli indossati e tanto ammirati sono di Bulgari.

 
 Missaki Couture


In un atmosfera da sogno ha sfilato al Saint Regis Giada Curti, attirando un vasto pubblico blasonato tra cui i VIPs ne facevano schiera.
Con molto interesse mi sono affacciata al progetto Green di Marina Valli e della sua Associazione Officine Talenti Preziosi(OTP) con designs di gioielli ecosostenibili, materiali organici, argento e bronzo e in parte bagnati in oro, dove la tracciabilita' ed a volte il riuso sono un must; con Marina si apre una collaborazione con i designers professinisti del settore ma in questa occasione anche con giovani imprenditori disabili, da sindrome Down, che presentano le loro creazioni insieme alla

 
 Isabella Caposano

presentazione dei nuovi modelli del Green Bijou. Nella sfilata di Sabrina Persechino l'architetto della Moda si nota una costruzione accurata redatta da un insolita geometria di vuoti e di spazi squadrati a guisa di un ipotetica citta' dell'antico impero Romano,Tellenae,ricca di incroci e grafiche incise con laser a mo di trine originali aldifuori della creazione virtuale.Sabato ha regnato indisturbata la collezione di Sylvio Giardina quale vero appuntamento di rilievo per tutti coloro che aspirano ad un total Jumping flash back, sempre inverosimili ed attuali questi capi ingegnosi che danno spazio a multiplici fantasie da quelle erotiche alle spirituali e dalle platoniche alle metafisiche virtu' della donna.


Entrando nel vero clou dell' Haute Couture Nino Lettieri ha presentato la sua Capsule Collection di dieci abiti per l'anniversario decennale di Alta Roma dove i gioielli De Parme Design disegnati dalla Principessa D'Olanda S.A.R. Margherita di Borbone Parma ricca di rubini,Smeraldi e zaffiri,corredavano questi ampollosi abiti da gran soirée sempre piu' lavorati e sofisticati; Lettieri e' stato poi insignito del world Fashion Award in serata al Palazzo Brancaccio.

 
 Nino Lettieri


Molto applaudito e' stato il defile di Gian Paolo Zuccariello, che con maestria e designs a colpi di pennello interseca i tessuti in un puzzle caledoiscopico;dopodiche' mi recavo nell'indiscutibile bellezza del Palazzo Brancaccio dove sempre grazie all'invito di Mariella Valdiserri che aveva in gestione anche questo evento fuori calendario, il World Fashion Award, hanno sfilato stilisti italiani e stranieri in nome dell'eleganza e del Bon Ton, un artista molto apprezzato e' stato l'Olandese Addy Van Den

 
 Gian Paolo Zuccarello

Krommenacker,premiato piu'volte,ed anche quest' oggi e' stato sbalorditivo e regale,esibendo tinteggiature pastello illuminate da sfere di cristalli su tessuti superleggeri e semitransparenti. Un Azzurra di Lorenzo ci presenta invece una Sposa odierna pratica nella sua modernita ' dove il corto della Hepburn prevale sul lungo e dove innumerevoli cocktail dress in tema le fanno da seguito. Premiata anche Pinda4Grot,un trend giovane in versione giocosa e clownesca, come quelle donne che sfilano in parate con in volto il trucco da clown per difendere i propri diritti e le proprie liberta'.Tres chic anche la sfilata della Cerrone basata su capi intriganti coinvolti in un fashion system che evidenzia tutte le sinuosita' del corpo, non poco provocatori alcuni e piu romantici altri, permeati di fascino ed originalita''.

Termino con questa rassegna di Moda all'ex Caserma Guido Reni, con l'ultima sfilata sul "The look of the year", il trionfo di tendenze a camouflage con pantomime come negli abiti di Giovanna Campisi e cigni e leonesse nella Sposa di Isabella Caposano. Ma mentre mi accingo a lasciare alle spalle questa Rome Fashion Week, un incontro casuale con la giornalista Barbara Castellani mi proietta in un ultimo evento relativo alla bellezza sia dell'uomo che della donna, una

 
 Azzurra Di Lorenzo

conferenza presentata dalla stessa Barbara dove uno dei piu' quotati maghi della chirurgia estetica presentava un suo ultimo libro " Il bisturi della felicita", il prof. Silvio Smeraglia accompagnato dal suo inseparable Collaboratore nonche'

 
 Cerrone

fratello, Davide. Nella sala riunione della Mediolanum che si presta spesso per convegni del genere, Silvio Smeraglia ci ha erudito da capo a piedi su tutti i metodi,sistemi e segreti della chirurgia estetica, spiegandoci tutti i miglioramenti che essa puo' apportare, con un minimo rischio e senza dolore, infatti nel suo trattato spiega tutte le tecniche degli interventi che avvengono senza espletare sintomi di dolore usando un macchinario da lui brevettato che ci consente ora di affrontare queste operazioni chirurgiche senza paure. Il libro ci da una conoscenza a 360 gradi su questo campo molto richiesto ma che ancora incute timori, vi consiglio di leggerlo. In concomitanza e' stato inoltre presentato dalla Rosspharma un siero antieta' completamente organico il cui principio attivo si ricava infatti da un alga dell'Atlantico,dal forte effetto lifting risolve tutti gli inestetismi dovuti all'invecchiamento del collo e del volto, ridonando freschezza e sicurezza.

Read 1100 times Last modified on Mercoledì, 29 Gennaio 2020 11:56

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information