Print this page
Martedì, 10 Marzo 2020 23:50

Petrolio: l'Arabia Saudita aumenta la produzione a vantaggio degli Stati Uniti contro la Russia

Written by Virgilio Violo
Rate this item
(0 votes)
 
 Tiberio Graziani

Per Tiberio Graziani, direttore dell'Italian International Vision e Global Trends Institute for Analytical Studies, la decisione dell'Arabia Saudita di aumentare la produzione e quindi ridurre il prezzo del petrolio è a vantaggio degli Stati Uniti e rende il mercato del petrolio più caotico.

 

 

 

Roma - "Credo che la decisione unilaterale dell'Arabia Saudita di ridurre il prezzo del petrolio sia stata una manovra tattica diretta principalmente contro la Russia", ha detto Graziani e ha aggiunto: "Quando si tratta di qualsiasi tipo di fonte di energia, sia dal punto di vista dello sviluppo della tecnologia o dei miglioramenti delle infrastrutture o, come in questo caso, dal punto di vista del mercato o delle transazioni in questo, si agisce sempre consapevolmente o  no, in un contesto geopolitico. Pertanto, la decisione dell'Arabia Saudita ha una chiara dimensione geopolitica.  Il comportamento di Riyad potrebbe aiutare a contrastare i tentativi della Russia di aumentare i suoi sforzi in Medio Oriente e Nord Africa". Graziani ha spiegato: "Attualmente, il "colpo di testa" dell'Arabia Saudita avvantaggia gli Stati Uniti in quanto punisce la Russia e crea problemi indiretti per la Cina, il che significa che colpisce due paesi, Russia e Cina, con i quali l'amministrazione Trump ha dichiarato la guerra commerciale già   da molto tempo. Il capo dell'istituto ha concluso che "a causa di questa decisione, il mercato petrolifero è diventato più caotico, rispetto a prima". E domenica scorsa i prezzi dei futures sul petrolio sono scesi di oltre il 20 percento, dopo che l'Arabia Saudita ha ridotto il prezzo ufficiale della vendita di greggio, dando il via alla guerra dei prezzi dopo che nei colloqui dell'OPEC con la Russia non si è riusciti a raggiungere un accordo sulla riduzione della produzione.

Il mercato del petrolio rimarrà probabilmente in ribasso nei prossimi mesi, dato che i tagli dell'Arabia Saudita avranno un effetto combinato con l'arresto della crescita economica globale causato dal coronavirus, che ha ridotto la domanda di oro nero. L'obiettivo dell'Opec e dell'Arabia Saudita sembra dunque essere uno e uno soltanto: togliere quote di mercato alla Russia scatenando una guerra dei prezzi la quale avrà ripercussioni sul mondo intero. Riad è pronta, scrive il Financial Times, ad annunciare mega sconti ai clienti dell'Europa nord-occidentale, un mercato chiave per gli ex alleati russi. Gli sconti in arrivo sono senza precedenti: oltre 8 dollari al barile rispetto a marzo. Ciò potrebbe comportare ripercussioni anche nella guerra commerciale tra Usa e Cina in quanto il petrolio è legato a molti settori dell'economia globale.

Read 1882 times Last modified on Mercoledì, 11 Marzo 2020 00:06

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information