Print this page
Domenica, 08 Novembre 2015 17:46

PER LO SCUDETTO “AFFARE” A QUATTRO

Written by
Rate this item
(1 Vote)

La dodicesima giornata del massimo campionato conferma Inter e Fiorentina appaiate in prima posizione, seguite da Roma e Napoli, rispettivamente a meno uno e due punti, il Sassuolo continua a tallonare questo super gruppo anche se non in giornata favorevole. Il Milan deve ringraziare il “baby” Donnarumma se non ha perso contro l’Atalanta, che ora viaggia tranquilla a metà classifica. A metà classifica fa capolino la Juventus che inanella un’altra vittoria e a piccoli passi ora si trova a nove punti dalla vetta: tanti ma non troppi. Dopo di essa un gruppo compreso in soli quattro punti formato da Sampdoria, Torino, Empoli, Palermo, Chievo, Genoa, Bologna e Udinese. In fondo alla classifica sempre più inguaiate Verona e Carpi.

Il Bologna conquista la seconda vittoria consecutiva contro il Verona e si allontana, abbastanza, dalla zona retrocessione. La squadra di Roberto Donadoni sembra che abbia ritrovato di colpo smalto e brillantezza, per gli scaligeri una brutta sconfitta che li rilega in fondo alla classifica. Reti di Giaccherini e Donsah.

Nel secondo anticipo del sabato, quello serale, il Milan giocava contro l’Atalanta per far suo il derby lombardo dando così seguito all’ottimo momento sei rossoneri, ma l’ottima impostazione sul terreno di gioco della squadra di Edoardo Reja ha messo in difficoltà i padroni di casa che alla fine, ringraziano il giovane Donnarumma per aver conquistato anche un solo punto.

L’Inter batte a domicilio il Torino ancora una volta col minimo scarto: ossia quell’uno a zero che spesso in questo campionato è valso ai nerazzurri la conquista dell’intera posta. Una vittoria che conferma la squadra di Roberto Mancini

capolista del campionato. Invece i granata con questo ennesimo stop rimangono un po più sotto la metà classifica. Rete di Kondogbia.

Nel classico e spettacolare derby della capitale, della serie “guai a chi perde”, il primo errore lo commette l’arbitro che fischia un rigore inesistente (fallo commesso ben fuori l’area di rigore) a favore della Roma che ringrazia, lo realizza e parte in vantaggio.

Parte forte il Genoa a Frosinone, dove a pochi minuti dall’inizio Pavoletti lo porta in vantaggio, i locali però reagiscono e chiudono il primo tempo in vantaggio grazie ai gol rimonta di Blanchard e Diakitè. Tentano i padroni di casa di chiudere andando più volte vicino alla terza rete ma a fare gol sono però i liguri che trovano la meritata rete del pareggio con Gakpe.

Juventus subito in svantaggio a Empoli ma pronta reagire, fino ad andare negli spogliatoi dopo i primi quarantacinque minuti in vantaggio per due a uno. Nei secondi quarantacinque i toscani mettono più volte in difficoltà i bianconeri che però trovano anche la rete della tranquillità. Reti di Maccarone, Mandzukic, Evra e Dybala.  

Partita equilibrata quella giocata da Sassuolo e Carpi, soprattutto nel primo tempo, conclusosi col vantaggio locale ma senza particolari demeriti degli ospiti. Nella ripresa il Carpi le prova tutte ma oggi, anche se il Sassuolo non era in splendida forma, è costretta a tornare a casa con le pive nel sacco. Rete di Sansone.

Palermo e Chievo giocavano per non perdere e alla fine del primo tempo tutto lasciava presagire il pareggio come risultato finale e gradito. Non la pensa allo stesso modo Gilardino che si ricorda di essere stato un bomber di razza e a metà della ripresa piazza il colpo vincente.

Contro l’Udinese, al Napoli è bastata una rete di Higuain per conquistare tre punti utili a mantenere la quarta posizione in classifica, alle spalle di Inter, Fiorentina e Roma, ma soprattutto a soli due punti dalla cima della vetta. La squadra di Sarri conferma che per lo scudetto c’è anche lei. Per i friulani una sconfitta che li confina ai margini della zona retrocessione.  

Chiudono la giornata calcistica Sampdoria e Fiorentina, impegnate nel posticipo serale. La viola passa subito grazie a un calcio di rigore trasformato da Ilicic, i blucerchiati tentano una reazione ma i toscani in contropiede rischiano di raddoppiare. Nella ripresa la reazione blucerchiata si affievolisce in poco tempo e la Fiorentina trova il tempo di raddoppiare con kalinic e uscire dallo stadio fra gli applausi della tifoseria di casa.

Risultati

Verona-Bologna 0-2; Milan-Atalanta 0-0; Torino-Inter 0-1; Empoli-Juventus 1-3; Frosinone-Genoa 2-2; Palermo-Chievo 1-0; Roma-Lazio 2-0; Sassuolo-Carpi 1-0; Napoli-Udinese 1-0; Sampdoria-Fiorentina 0-2.

Classifica

Fiorentina e Inter 27; Roma 26; Napoli 25; Sassuolo 22; Milan 20; Lazio, Atalanta e Juventus 18; Sampdoria 16; Torino 15; Empoli e Palermo14; Chievo e Genoa 13; Bologna e Udinese 12; Frosinone 11; Verona e Carpi 6.

Prossimo turno

Bologna-Roma; Juventus-Milan; Udinese-Sampdoria; Atalanta-Torino; Carpi-Chievo; Fiorentina-Empoli; Genoa-Sassuolo; Verona-Napoli; Lazio-Palermo; Inter-Fiorentina.

Read 18833 times

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information