L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Anno 2024:il caos geopolitico, da Trump alle guerre…e alla pace?

By  Lisa Biasci   February 15, 2024 263

Il mondo di adesso, a febbraio 2024, è davvero difficile da vivere e da raccontare.

Partiamo dalle prossime elezioni americane, il 5 novembre prossimo.

E partiamo da questa domanda. Il ruolo guida degli Usa nel mondo è destinato a terminare? Gli Usa hanno il 6% della popolazione mondiale ma come diceva JF. Kennedy “ non può esserci una soluzione americana per tutto e ad ogni costo”.

Il problema c’è, è vero, e si è aggravato da quando gli Usa hanno iniziato a confrontarsi solo con se stessi.

La dottrina Monroe, come sappiamo, predicava un isolazionismo attivo: “cooperiamo con tutti, ma non ci alleiamo con nessuno”.

E se pensiamo a Trump, lui sì che è un isolazionista! Biden è un internazionalista, pensa davvero che gli Usa abbiano il dovere di rivolgersi al resto del mondo.

 

Spesso gli americani, hanno promosso unioni con “il diavolo e l’acqua santa” ma in cui hanno dimostrato di non saper sempre risolvere i conflitti. E adesso che abbiamo quattro “focolai” sullo scenario internazionale, cosa accadrà ancora?

 

La crisi Ucraina- Federazione Russa; Hamas-Israele; il Mar rosso e Taiwan. Questo è l’esordio dell’anno 2024 che stiamo vivendo.

Gli Usa e l’Europa, il mondo Arabo, la Cina sono tutti protagonisti a vari livelli sullo scacchiere internazionale.

 

Partiamo dall’ultima crisi. Taiwan, è forse la prosecuzione della guerra in Vietnam? Gli Usa sono da un lato, partner commerciale della Cina, e la Cina detiene gran parte del debito americano. Ma la competizione tra Cina e Usa è di tipo commerciale, non ideologica come negli anni ‘ 70.

 

Nel mar Rosso, invece, gli Usa non hanno interesse a quel mare per la commercializzazione perché usano l’oceano Pacifico. Quella crisi- in Mar Rosso- riguarda tutta l’Europa, perché sono inglesi, spagnole, francesi e italiane le navi che passano da lì per entrare in Europa attraverso il mar Mediterraneo. La crisi con gli Houti quindi dovrebbe essere risolta dagli europei.

 

L’Europa dovrebbe parlare da sola e, da sola, difendere i propri interessi. Ma l’Europa non ha capacità produttiva e di difesa all’altezza del caos geopolitico del momento. Dopo la seconda guerra mondiale, infatti l’Europa, ha smantellato tutta l’industria bellica di difesa anche perché c’era lo “zio americano” in grado di risolvere per lei. E altrove, al suo posto.

 

Il fronte che si è aperto a Gaza, e intorno nell’area, poi è tutto molto complicato. Lo scenario iracheno, quello siriano, libanese: abbiamo un peggioramento di sicurezza in tutta l’area mediorientale.

Uno dei grossi temi che Israele dovrà affrontare è il tema della sicurezza che la sua popolazione chiede e che il governo di Netanyahu non sa affrontare.

C’è una grande sfiducia nei confronti del governo israeliano, sostenuto solo dal 15% della popolazione. La popolazione sostiene lo sforzo bellico ma non sostiene il governo. Questo è il punto.

Ma lo diciamo ancora una volta, questa non è un guerra tra Israele -che è uno stato e la Palestina- che non lo è. E’ una guerra tra due popoli che condividono la stessa terra.

 

E l’Ucraina?  Ormai a due anni dall’inizio della guerra, un massacro senza fine, morti, bombardamenti, intere città rase al suolo, e di contro, appelli, aiuti da parte di tutti i paesi terzi sia per l’Ucraina che per la Russia, sanzioni fallite contro Putin, l’intervento della Nato, della diplomazia di tutto il mondo, siamo ancora qui a scrivere di guerra.

 

L’unica parola che vorremmo scrivere a proposito di questo conflitto è la parola PACE, Pace Umanitaria, fine delle ostilità, ripristino del rispetto reciproco e dei confini tra i due paesi.

 

Difficile prevedere, ancora oggi, quando questo sarà possibile.

Ma, davanti a tutto il caos geopolitico del momento, lo ribadiamo, mettiamo avanti ancora la parola Pace che non è mai divisiva.

 

Rate this item
(3 votes)
Last modified on Thursday, 15 February 2024 13:48
© 2022 FlipNews All Rights Reserved