L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

MILANO MODA DESIGN: SUCCESSO MONDIALE DELLA RASSEGNA - I GURU DELLA MODA: DALL’ABITO AL MOBILE “SU MISURA”

By Elisa Starace Pietroni April 18, 2016 10124

Si è appena conclusa l’ultima affollatissima tornata del Salone del Mobile di Milano. Una settimana di autentica passione che - tra funzionalità, creatività e fantasia – ha affascinato e conquistato gli oltre 370mila visitatori (86% gli stranieri) provenienti da tutto il mondo. Oggi, spenti i riflettori, si tirano le somme – questa volta veramente e strepitosamente positive – e ci si inchina davanti all’alto livello delle proposte che designer e artigiani-quasi-artisti hanno presentato ribadendo, ancora una volta, che sono cambiati i valori del pentagramma dell’ apparire. Oggi, di fronte ad una scelta “basilare”, all’abito firmato dai guru dell’abbigliamento (da indossare nelle grandi occasioni) si preferisce il pezzo firmato del famoso designer (da sfoggiare in salotto) magari con la medesima noncuranza alla Lord Brummel.

Dati di fatto emersi nel corso delle appena concluse calde giornate del Salone del Mobile che hanno letteralmente sconvolto i ritmi, sia pure sempre tumultuosi, della città. Migliaia gli espositori, innumerevoli i designer, gli sperimentatori di nuovi stili e materiali, sparpagliati, oltre che negli stand di Fieramilano Rho, nel Salone Satellite di via Tortona e livingslvdintorni e nelle animate performance/installazioni del Fuori Salone sparse in città. Tutti Insieme appassionatamente hanno presentato concreti od onirici stili di vita di un futuro più o meno possibile che spesso arrivano da un passato decisamente più vivibile. Solide proposte di pezzi d’arredo che ricordano quelli di alcuni decenni or sono di funzionalità e aspetto “comune” ma che oggi, attualizzati e firmati da grandi designers e stilisti stellari, si sono rifatti la faccia e l’anima, diventando bio sostenibilmente ed ecologicamente corretti. Ecco quindi materiali soprattutto di origine naturale, legno in primis, forme altrettanto naturali funzionalmente e anatomicamente perfette e, soprattutto “vivibili” ed esteticamente quasi senza tempo. Poi spazio ai giovani designer che con le loro idee di “ritorno al futuro” hanno sorpreso e qualche volta persino incantato, per le coraggiose, e spesso seducenti idee. E tanto, tanto (troppo?) spazio alla tecnologia futuristica e spesso inquietante che dominerà – a breve - la nostre case e i nostri “spazi vitali”.
Discorso a parte sulla creatività fantasticamente poliedrica di cui sono naturalmente dotati i nostri grandi della moda, e che ne fa anche splendidi designer di mobili e accessori e, pur cambiando i parametri, i risultati sono rimasti magicamente invariati. Si è creata una perfetta osmosi tra moda e arredamento che, iniziata diversi anni or sono e via via cresciuta nel tempo, ha avuto lusinghieri consensi. Perciò, a immagine e somiglianza di “Milano Moda Donna” e “Milano Moda Uomo”, la Camera della Moda ha dato vita alla manifestazione “Milano Moda Design” progetto/vetrina voluto per valorizzare e promuovere il “design d’arredamento d’alta moda”.

Giorgio Armani è l’icona – con la sua linea “Armani Casa” - degli stilisti-designer d’alta moda. Ribadiscono il suo stile sofisticato, ma rigorosamente inconfondibile le proposte di quest’anno declinate sulle ali della leggerezza. E della trasparenza. Diafani come un sogno... e attraverso un percorso onirico, quasi trasportati dalle ali di una farfalla, i “pezzi” di Casa Armani ripercorrono i parametri dell’ ultima collezione d’abbigliamento. Trasparenze e leggerezze che, con dolcezza, catturano una luce soffusa riflettendo le sfumature d’oro bianco e d’argento dei ricami che impreziosiscono tessuti di rafia, velluti preziosi, disegni di antichi foulard ripresi su lampi di seta. Gentili espressioni di un’arte che fonde – tra raffinata eleganza e funzionalità – il dna di un poliedrico creativo che ha saputo creare una perfetta corrispondenza tra abiti e abitabilità.
Donatella Versace – per Versace Home – nel segno della comodità raffinata, ha presentato il bellissimo divano “Via Gesù Palazzo Empire” un pezzo di design unico che si ispira alla eurocucinaalmoamomonima It-Bag Versace.
Nella grande e preziosa collezione Fendi Casa Contemporary spicca il nuovo divano Soho Lite disegnato da Toan Nguyen stilista francese di fama mondiale.. E’ sorretto da un a struttura minimalista ed elementi di sostegno in acciaio con grandi cuscini che ne sottolineano e amplificano l’ elegante comodità.
Roberto Cavalli amplia la sua già grande gamma di proposte d’arredamento – comodissimi i divani, le “sedute” tigrate, i tavolini, i letti ... faraonici - e annuncia l’ultima novità : la collaborazione con “La Murrina” artistica azienda del vetro di Murano per la creazione e la distribuzione mondiale di prodotti di illuminazione, vetri, specchi ed vari elementi d’arredo realizzati unicamente in vetro di Murano.

Lineare ed essenziale la linea delle proposte Trussardi che ricalcano la sobria raffinatezza delle linee d’abbigliamento del marchio. Deliziosa ed unica la collezione di Marella Ferrera “Trame Mediterranee” che riprendono suggestivi “segni scritti sulle pietre”.

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Monday, 18 April 2016 17:35
© 2022 FlipNews All Rights Reserved