L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

La cultura è ponte tra i popoli: non va cancellata, tanto meno quella russa.

By Virgilio Violo May 17, 2022 900

 

                            video

Lo scorso 12 maggio  l’associazione culturale “Amici della Grande Russia” è scesa in Piazza Santi Apostoli, a Roma,  per diffondere il messaggio contro la cancellazione della cultura in generale, in particolare contro quella russa e contro ogni forma di discriminazione.

Leo Maria Galati, avvocato responsabile degli affari istituzionali per l’associazione, da sempre impegnato nel sociale per la difesa dei diritti così si è espresso: “La cultura è quanto concorre alla formazione dell’individuo sul piano intellettuale e morale e all’acquisizione della consapevolezza del ruolo che gli compete nella società. La cancellazione della storia e della cultura in generale rappresenta una degenerazione sociale che costruisce muri ideologici e non ponti di dialogo”.

 L’associazione è stata fondata nel 2014 dal Segretario Generale Yulia Bazarova e dal poeta, Vice-presidente della stessa, Paolo Dragonetti de Torres Rutili con l’obbiettivo di promuovere i rapporti culturali tra l’Italia e la Russia. L’associazione organizza diversi eventi a Roma tra i quali spiccano per rilevanza internazionale: il Premio Internazionale Pushkin, Il Grand Ballo Russo, diversi incontri con noti attori russi, “Dalla Russia: con arte, musica e bellezza”, salotti letterarie etc. Il Presidente onorario è la nota cantante di fama internazionale mezzosoprano Elena Zaremba. Per il segretario generale “la cultura non ha confini, né colore di pelle o differenze linguistiche. La cultura appartiene a tutte le nazioni.  Quella russa fa parte della cultura mondiale”. Mentre il Vice-presidente ha aggiunto: “solo con la ragione si può arrivare alla pace, la ragione ha bisogno di una profonda conoscenza culturale per esprimersi”. Inoltre, ha recitato la sua poesia dedicata alla Pace ed al suo scrittore preferito Lev Tolstoj.

Tra i relatori partecipanti : Dariya Pushkova, Direttrice del Centro russo di Scienza e di Cultura;  Gianfranco Vestuto, Direttore di Russian News, un osservatorio dello spazio euroasiatico, il volto dell’opinione sulla Russia nei talk show televisivi e Mons. Filippo Ortenzi, Arcivescovo metropolita della Chiesa Ortodossa Italiana il quale ha portato l’attenzione sul fatto che “non si possano discriminare Gorkij, Dostoevskij, Tolstoi ecc. quali  responsabili a posteriori di un’ operazione militare molti anni dopo”.

Durante la manifestazione si è esibita la soprano Maria Smirnova, che ha cantato alcune celebri romanze russe con la musica di noti compositori russi Nikolai Rimskji-Korsakov, Sergej Rachmaninoff nonchè  un’aria  del noto compositore Giacomo Puccini “O, mio babbino, caro”.

Hanno partecipato inoltre le associazioni culturali o legate alla cultura, scrittori, poeti, letterati, intellettuali. Nutrita la presenza di liberi cittadini. 

Per l’associazione scendere in Piazza ha significato “rappresentare il diritto fondamentale alla conoscenza.” E giustamente, aggiungiamo noi, rivendica il ruolo di unione e ponte tra i popoli, in questo caso tra il popolo russo e quello italiano, a prescindere dalla politica, nonché da scelte geopolitiche.

 

 

 

 

 

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Tuesday, 17 May 2022 08:55
© 2022 FlipNews All Rights Reserved