L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Il punto sulla 37/a giornata del campionato di calcio di Serie A

By Rino R. Sortino May 29, 2023 354

L’Inter batte 3-2 l'Atalanta dimostrandosi in grande forma. L’inizio per i nerazzurri è devastante e nessuno immaginava tale condizione a qualche giorno dalla vittoria  nella finale di Coppa Italia contro la Fiorentina.  Al 39", Lautaro lancia Lukaku. che scarta il portiere Sportiello e deposita il pallone  in porta. Dopo pochi minuti e precisamente al 3', Lautaro s’inventa un lancio geniale per Dimarco: il portiere ospite si supera due volte ma non può nulla sul tiro al volo di Barella Un uno-due micidiale che determina il match. Il gol di Pasalic al (36') in mischia sugli sviluppi di un calcio d'angolo tiene viva le ambizioni degli orobici.  Nella ripresa al 77' l’Inter realizza il terzo gol: Lukaku spalle alla porta fa un passaggio incredibile per Brozovic che è lesto a passare il pallone a Lautaro che realizza a porta vuota. Big Rom è in grande forma e dimostra di essere bravo anche con la palla tra i piedi.  Nel finale autogol di Onana (92') su un bolide di Muriel. Con la coppia di attaccanti nerazzurri LuLa in queste condizioni è una vittoria che dà fiducia e morale,  in vista della finale di  Champions di Istanbul contro il Manchester City.

 

La Fiorentina batte in rimonta 2-1 la Roma. Partono forte i giallorossi (nonostante l'ampio turnover) e sbloccano il match all'11': Belotti scatta e lancia in area Solbakken,  che  di sponda di testa serve El Shaarawy che da pochi passi batte il portiere Cerofolini   I giallorossi  nel corso del primo tempo vanno più volte vicino a realizzare nuovamente, con la Viola salvata dal suo portiere. Nella ripresa  con grande carattere la Fiorentina  riesce  a ribaltare il risultato nel finale del match nel giro di 3': all'85' Kouamè crossa in mezzo, stacco di Mandragora che  serve  Jovic  che comodamente appoggia in rete.  All'88' è l'assist di testa di Kouame  a servire  Ikoné che  segna a porta vuota. Per i toscani è una vittoria importante ma entrambe le squadre già pensano alle loro prestigiose finali europee.  La Roma  la giocherà mercoledì prossimo contro il Siviglia per conquistare l’Europa League, la Fiorentina  invece  il 7 giugno a Praga contro il West Ham nella finale di Conference League.

Bologna Napoli finisce 2-2. Al termine di una partita spettacolare e ricca di emozioni,  gli emiliani strappano un pareggio in rimonta ai Campioni d’Italia. Al 14' Skorupski sbaglia un appoggio e serve Victor Osimhen, che indisturbato appoggia in rete di destro. Al 54' lo stesso centravanti raddoppio con un bel diagonale su assist di Bereszynski . Il Napoli a questo punto della partita abbassa il ritmo, arretra di qualche metro e gioca di rimessa.  Nella seconda parte della ripresa i rossoblù più alti e aggressivi, costringono il Napoli a rimanere quasi esclusivamente nella loro metà campo.  Al 63' Sansone entra in area e calcia trovando la respinta corta di Gollini. La respinta in gol di Ferguson, vale l'1-2. All’ 84' a seguito di un corner per il Bologna, De Silvestri stacca indisturbato a centro area e di testa realizza il 2-2. Al termine  il pareggio è un risultato che non accontenta nessuna delle due squadre. 

 

il Milan batte 1-0 la Juventus  al termine di una partita molto fisica che ha regalato poche emozioni al pubblico presente. Il match dell'Allianz Stadium è deciso da Giroud al 40' che su cross di Calabria,  con uno splendido colpo di testa  batte Szczesny. L’esperto centravanti francese giunto a quota 12 gol in questo campionato, a dispetto dei suoi 36 anni, conferma  il suo istinto realizzativo in area di rigore. La Juventus tenta il tutto per tutto in attacco con  il suo forcing confuso  e sfiora il pareggio al 92' con Danilo, la cui girata da pochi passi è respinta dal piede di Kalulu. La Juve nel match contro i rossoneri  conferma il suo gioco prevedibile, senza accelerazioni e la mancanza di un finalizzatore in attacco. Massimiliano Allegri   non vede l’ora che termini questa  stagione che ha portato solo   delusioni sotto tutti i punti di vista. In ogni caso senza penalizzazione, la Juve sarebbe a quota 69 punti come l'Inter e dunque in Champions League.

La Lazio supera all'Olimpico (3-2) la Cremonese, davanti a  oltre 60mila spettatori. La squadra di Sarri inizia bene l’incontro e  al 4' è già in vantaggio: Luis Alberto trova  Immobile che di prima intenzione fa proseguire Hysaj, lucido nel battere Sarr in uscita. Al 37' Milinkovic-Savic anticipa tutti e realizza sul cross basso dalla destra di Pedro. Nella ripresa la Cremonese reagisce   con il cileno Galdames  che dal limite scarica un destro potente, leggermente deviato da Casale.  Al 58' i grigiorossi ottengono  il pareggio di 2-2: cross dalla destra all'apparenza innocuo e Lazzari lo tocca maldestramente nella sua porta.  I biancocelesti reagiscono e sul filo di lana si aggiudicano l’incontro. Sul corner calciato da Luis Alberto,  il portiere Sarr  sbaglia il tempo dell'uscita, così ne approfitta Milinkovic-Savic  di testa da due passi nel ribadire in porta la rete del 3-2. Nel recupero il pubblico festeggia   Radu  che da l'addio al calcio  dopo 427  presenze con la maglia della Lazio.

 

Nelle gare che interessano la retrocessione in Serie B, il Lecce dopo la vittoria contro il Monza raggiunge la matematica salvezza. E’ stata una partita dalle mille emozioni, dove prima i brianzoli  falliscono un calcio di rigore all’83, poi il Lecce conquista il suo tiro dal dischetto al 99′ e Lorenzo Colombo realizza, al termine di una partita infinita. Tracollo dello Spezia nell’importantissima gara contro il Torino. I granata vincono con un clamoroso 4-0, ma  il Verona nel suo incontro contro l’Empoli non ne approfitta. I veneti riescono ad ottenere soltanto un punto contro i toscani che realizzano il gol del pareggio con Stojanovic, nei minuti di recupero al 96′. Un grande applauso per la matricola toscana già salva che non ha regalato nulla ed ha onorato lo Sport. Ricordiamo diversi finali dei campionati passati dove non c’è stato lo stesso spirito sportivo. Adesso Spezia e Verona appaiate a 31 punti, si giocheranno la salvezza negli ultimi 90 minuti della stagione

 


Di seguito  i risultati della 37/a giornata del campionato di calcio di Serie A

SAMPDORIA-SASSUOLO 2-2   SALERNITANA-UDINESE 3-2  SPEZIA-TORINO 0-4

FIORENTINA-ROMA 2-1  INTER-ATALANTA 3-2    VERONA-EMPOLI 1-1

BOLOGNA-NAPOLI 2-2     MONZA-LECCE 0-1       LAZIO-CREMONESE 3-2  

JUVENTUS-MILAN 0-1

 

Rate this item
(0 votes)
© 2022 FlipNews All Rights Reserved