L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

NO AI "DESERTIFICANTI", SI ALL' AGROECOLOGIA - GLIFOSATE, PESTICIDI E PRINCIPIO DI PRECAUZIONE

By Giuseppe Altieri July 02, 2021 2179
 
In merito alla notizia Ansa secondo cui le autorità nazionali di Francia, Olanda, Svezia e Ungheria, che han preparato un parere preliminare per l'Efsa, riterrebbero il Glifosate non pericoloso per la salute ( https://www.ansa.it/sito /notizie/topnews/2021/06/15/autorita-nazionali-ue-glifosato-non-e-cancerogeno_a63cafa3-39c1-4d69-89e1-8dc60d2ebbf1.html) bisogna affermare con decisione che Il disseccante chimico totale in questione è in primis incompatibile con gli obblighi di produzione integrata vigenti in tutta europa dal 2014 e pertanto vietato di fatto già da quella data. In quanto i disseccanti totali devastano la biodiversità funzionale utile agli agro-ecosistemi e possono essere tranquillamente sostituiti dalle lavorazioni meccaniche di taglio dell'erba o interramento pre semina, tecniche alternative prioritarie e obbligatorie, sovvenzionate dalla politica agro-ambientale europea. Anche se il Glifosate si è continuato ad usare, inserendolo incomprensibilmente nei disciplinari di Produzione Integrata, illegittimamente sovvenzionati coi fondi pubblici altresì destinati alle tecniche agro-ecologiche (agroclimatico-ambientali) e all'agricoltura biologica,
Questa sostanza, un aminoacido artificiale modificato, interferisce su tutti gli esseri viventisi a sostituire nel normale funzionamento delle sintesi, da cui insieme Dgli enzimi biologici e le funzioni vitali, creando il "caos biologico", con ricussioni epigenetiche sulna, Rna e disfunzioni ormonali pericolosissime. Oltre a numerosi danni che via si evidenziano nel tempo...
Il principio di precauzione europeo e Costituzionale imporre che la sostanza sia innocua per la salute ambientale e non di abbassare che il glifosate sia cancerogeno, mutageno, teratogeno, ecc. per poterlo revocare dall'uso e commercio. 
Prima di immettere nel mercato prodotti chimici che da 70 anni si dimostra puntualmente pericolosi e, dopo decenni di usi devastanti, vengono poi revocati… "quando il danno è fatto ormai"… alla faccia del principio di precauzione.
Le nuove patologie indotte dalle sostanze chimiche sintetiche, che a diverse condiscono le nostre pietanze come residui invisibili che si bioaccumulano nostri organi e nelle catene alimentari di tutto il pianeta, sono per definizione "precedentemente sconosciute"… 
Ed è proprio per questo che tra due pareri scientifici, quello dell'EFSA (basato sui dati prevalenti delle multinazionali) e quello autorevole dello IARC (OMS) che dimostra la cancerogenicità del glifosate, induttore del linfoma non Hodgkin e di altre patologie oltre a tutti i danni sopracitati, con effetti ancora per lo più sconosciuti, è necessario tener conto di quello che garantisce la massima cautela, sulla base del principio di prevenzione.
Soprattutto quando in ballo ci sono almeno 20.000 miliardi di dollari in risarcimenti dei danni per almeno 100.000 cause intentate solo negli USA dagli ammalati di Linfoma non Hodgkin contro BAYER-MONSANTO, molte delle quali già passate in giudicato con risarcimenti di almeno 200 milioni di dollari alle vittime. Ultima in ordine di tempo una class action intentata in California contro la multinazionale. ( https://www.cambialaterra.it/2021/06/bayer-effetto-valanga/?utm_source=Newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=NewsletterCLT) Per arginare i danni e risolvere le richieste delle vittime, nei mesi scorsi la Bayer aveva proposto un accordo da 2 miliardi di dollari con risarcimenti ridicoli e offensivi della dignità umana, dai 10 mila ai 200 mila euro, e la possibilità per quattro anni di effettuare screening diagnostici. L'accordo è stato però giudicato inaccettabile dal giudice Chhabria. Le persone esposte, se al momento ancora sane, se si può lasciare la rinuncia oncologica potrebbero chiedere risarcimenti solo sui danni “compensativi”, che rappresentano la parte più rilevante. 
Pertanto, che il Glifosate sia cancerogeno è ormai una certezza, stabilita dai tribunali competenti, i quali hanno avviato lo smantellamento dell'industria agrochimica obsoleta, anacronistica e nociva alla salute, in presenza di tecniche agroecologiche molto più efficienti… risarcendo le vittime di una storia che non doveva realizzarsi.
Bayer-Monsanto, già condannata a Norimberga per crimini nazisti, sono cruciali e segneranno il destino dell'Umanità. Che non potrà di certo essere deciso dal'EFSA, ente tecnico, ma dalla Giustizia e dalla Politica. Vietando tutti i pesticidi chimici ei disseccanti dall'Agricoltura, in linea con quanto indicatore dall'Enciclica "Laudato sì" di Papa Francesco.
E se volete seccare un pò d'erba sul vostro piazzale di casa… usate un pò di sale e aceto… funziona anche meglio del Glifosate, e ci potete condire anche l'insalata…
Rate this item
(0 votes)
Last modified on Friday, 02 July 2021 22:45
© 2022 FlipNews All Rights Reserved