L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Un approccio olistico - "Summa 16", l’evento biodinamico europeo a Magré in Alto Adige

By Urano Cupisti April 02, 2016 12206

 

Quando si parla di agricoltura biodinamica applicata alla viticoltura viene da pensare immediatamente alla Tenuta Alois Lageder in Alto Adige. Perché è un’azienda che da molti anni ha basato la sua produzione sulla visione antroposofica del mondo ovvero sulla base di quel percorso spirituale e filosofico imperniato sugli insegnamenti del filosofo ed esoterista Rudolf Steiner. L’approccio olistico, che spesso suscita confusione e scetticismo, in buona sostanza sancisce la necessità di intervenire per arrivare ad una unica finalità: un unico sistema costituito dal suolo e la vita che si sviluppa su di esso (in questo caso la crescita della vite).

Ogni anno, da ben 18 anni consecutivi con il nome Summa, Magré sulla Strada del Vino in Alto Adige ospita l’Evento Biodinamico più esclusivo a livello europeo se non mondiale. Appuntamento non solo per i 43187 lagedervignetibiodinamici cavallo“seguaci” di questa filosofia applicata alla produzione del vino ma per tutti i Wine Lovers che ricercano nelle stanze del Palazzo Casòn Hirschprunn le “chicche” da riportare come veri “trofei” del buon bere. Sì perché è il Buon Bere che unisce in quei tre giorni sia gli scettici che i fedeli.

Perché Summa? C’è un nesso con la Biodinamica? Perché 16 e non 18 visto che tale è il numero degli eventi con questo nome?

Partiamo da quest’ultimo interrogativo. 16 sta per 2016 e non credo possano esistere altre interpretazioni. Su il perché la Manifestazione si chiama Summa la risposta è molto più articolata. Bisogna ripercorrere la sua Storia, il progetto di Alois Lageder e di sua moglie Veronika fin dalle prime battute della loro narrazione.

Devo premettere che, inizialmente, avevamo battezzato l’evento con il nome di Vinal,con l’intento di creare un collegamento tra Vinitaly (Vin) e Alois Lageder (al) – così inizia il racconto di Alois – In seguito e per diversi anni la Manifestazione è stata chiamata Quintett poiché eravamo partiti dall’idea di invitare alla nostra Tenuta cinque vignaioli da altrettante zone di produzione diverse”.

Poi ogni anno la richiesta di partecipazione è aumentata e, di conseguenza, il nome Quintett risultava di fatto superato. Serviva qualcosa di diverso, non banale, non scontato. E come sempre accade fu un caso fortuito a suggerirlo ai coniugi Lageder.

Il racconto di Alois continua:“ Una sera, mia moglie Veronika ed io, entrambi appassionati di musica contemporanea, eravamo immersi nelle note del compositore estone Arvo Pärt e stavamo rimuginando proprio sul nuovo nome da dare all’evento. VeroniKa per combinazione, consultò la custodia del CD per leggere il titolo del brano che stavamo ascoltando. “Summa for Strings”: ci guardammo negli occhi e fu chiaro ad entrambi che avevamo finalmente trovato il nome giusto”.

“Il termine SUMMA deriva dal latino e significa somma o tonalità – continua Alois per dare l’interpretazione giusta e far capire il legame tra nome ed evento – Lo si può interpretare in due accezioni diverse: da un lato in senso enciclopedico, ossia come qualcosa che abbraccia tutto lo scibile e l’esistente, ma dall’altra anche il senso di coglierne e sintetizzare gli aspetti essenziali”.

Essenza; da lì la convinzione a scegliere quel nome, il collegamento con l’Evento ovvero incontro tra vignaioli che fanno emergere dalla loro produzione l’eccellenza tramite la ricerca delle varietà. Una somma oSumma14 Cason Hirschprunn SUMMA di aspetti essenziali. E si capisce la spiritualità e filosofia.

L’edizione 2016 assume una conformazione internazionale “sconfinando” dai limiti geografici europei. Ai vignerons provenienti da Italia, Francia, Austria, Germania si aggiungono alcuni provenienti da Australia e Nuova Zelanda. In tutto ben 60 produttori d’eccellenza a presentare il meglio della produzione biodinamica nel mondo.

Manifestazione certificata Green Event che propone come sempre un programma scandito da degustazioni di raffinate etichette, inclusi i vini certificati Demeter, verticali e seminari, gastronomia di pregio e visite guidate alla cantina Lageder ed ai suoi vigneti.

Non ultimo il progetto di solidarietà che la Famiglia Lageder porta avanti da quasi quindici anni: devolvere parte del ricavato all’associazione umanitaria “Casa della Solidarietà”. Un aiuto concreto per anziani, bambini e giovani provenienti da situazioni familiari difficili assicurando un posto decente dove vivere e continuare a credere nella vita.

Tutto questo è Summa 16 dal 9 all’11 Aprile a Magré in Alto Adige.

Dimenticavo di segnalare il consiglio di Alois Lageder. Summa 16 è certificata Green Event da parte dell’Agenzia Provinciale altoatesina dell’Ambiente. Necessaria la particolare attenzione alla mobilità sostenibile. Servizio navetta dai parking affidato agli innovativi veicoli a idrogeno dell’Istituto per Innovazioni Tecnologiche Bolzano, dalla Stazione ferrovioraria di Magré-Cortaccia-Cortina s.s.v, con corse da Bolzano, Trento e Verona e dallo speciale collegamento a.r tramite Bus con l’area fieristica di Verona. Info su tutto questo nel sito ufficiale

 urano alois 1
 Alois Lageder  (a sin:) con Urano Cupisti

del Summa 16.

C’è sempre un nesso, un fondamento nelle Storie miste a leggende. Musica, Vino, Arte, Creatività, Progettualità e Comunicazione universale. E Alois Lageder, con il suo SUMMA, ne è un interprete.

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Monday, 04 April 2016 21:35
© 2022 FlipNews All Rights Reserved