L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Dare voce a chi non ne ha: in piazza per i diritti violati degli animali

By Alma Daddario December 10, 2015 10407

Malgrado la malaugurata coincidenza con il grave attentato terroristico di Parigi, si è svolta con successo la manifestazione organizzata a Roma dall’associazione animalista Tara Green World, tra le più attive nel Paese, lo scorso Novembre.

La manifestazione, organizzata per rivendicare e sbloccare la messa in atto di leggi e decreti per la tutela e i diritti degli animali, fortemente caldeggiate da tempo da varie associazioni, voluta in particolare da Giuliana Mangnano della Tara Green World, è partita dalla sede del Ministero della Salute, con lo scopo di contrastare e combattere gli orrori che vedono come protagonisti gli animali, da nord a sud.

La Tara Green World ha individuato e posto all'ordine del giorno della manifestazione i principali punti da trattare e presentare alle istituzioni preposte, condivisi e approvati da tutti i partecipanti:

1) Guardie eco-zoofile specializzate in ogni Provincia: il compito di tutelare gli animali dovrà essere riservato a questo nucleo speciale;

2) Punizioni molto severe per chi maltratta o non denuncia casi di maltrattamento, divieto di detenzione di animali per coloro che hanno già ricevuto denunce in tal senso;

3) Medici veterinari e Asl veterinarie, dovranno essere sanzionati o radiatidall'albo in caso (secondo la gravità del fatto) di mancata denuncia verso clienti che non hanno utilizzano il microchip, animali maltrattati o abusati;

4) Sterilizzazione anche per i cani padronali. La sterilizzazione sarà pagata dal comune per il 60% dell'importo totale. I proprietari che si opporranno a sterilizzare il proprio cane dovranno pagare al comune una tassa di 30,00 euro l'anno. Esenzione da tasse di sterilizzazione per gli allevatori;

5) Obbligo dell'anagrafe felina con sterilizzazione e microchippatura;

6) No agli animali commercializzati, cioè venduti nei negozi o da privati cittadini, No agli animali utilizzati nei circhi e negli spettacoli a uso di lucro;

7) Riqualificazione degli attuali canili e realizzazione di Oasi;

8) Qualsiasi Ente pubblico o privato, e associazione che non rispetti e non applichi le normative a tutela degli animali, sarà sanzionabile penalmente;

9) Ogni comune della Sicilia applichi la legge 15/2000 sulla prevenzione al randagismo;

10)Tutte le Regioni a statuto speciale dovranno adeguarsi a tali regolamenti.

Nel corso della manifestazione era presente in prima fila la palermitana Laura Girgenti, per l’associazione animalista UGDA, testimone dell'assenza costante delle istituzioni nel contrastare il fenomeno del randagismo nel sud della penisola, e in particolare in Sicilia. Laura Girgenti, con la portavoce dell’associazione Tara Green World, ha sottoposto i vari punti proposti durante un incontro accordato nella giornata della manifestazione, al segretario del Ministro.

E’ un dato di fatto che in Italia i volontari e i privati amanti degli animali debbano far fronte personalmente, sia dal punto di vista economico che fisico, alla straziante e continua corsa in difesa dei randagi vaganti sul territorio, spesso vittime di avvelenamenti, incidenti stradali, o sottoposti asevizie di ogni genere.

Tra i più attivi testimonial presenti, il presidente di “Cuore Randagio OnlusAntonio Borrello, animalista tra i più attivi soprattutto per la sua battaglia contro la zooerastia, lo sfruttamento sessuale, per realizzare video porno o vendere gli animali a strutture, soprattutto all’estero dove vengono stuprati, torturati e uccisi. Un abominio poco noto all’opinione pubblica italiana, gestito da un vero e proprio rackett internazionale del malaffare, che si avvale di finti gruppi animalisti, finti canili, finte adozioni, in Italia e all’estero. Antonio Borrello ha presentato, in occasione della manifestazione svoltasi a Roma, una petizione che oltre a spiegare ulteriormente in cosa consiste questa ignobile pratica, ne cita e testimonia diversi episodi di cronaca avvenuti sul nostro territorio, e insiste affinchè la proposta di legge già presentata nel Luglio del 2013 (l’iter del decreto è fermo all’assegnazione alla II Commissione Giustizia, al parere della I Commissione Affari Istituzionali e XII Commissione Affari Sociali) sia finalmente votata e approvata.

Sempre a questo proposito, i deputati del Movimento 5 Stelle: Loredana Lupo, Silvia Benedetti, Massimiliano Bernini, Filippo Gallinella, Chiara Gagnarli, Giuseppe L’Abbate, Paolo Parentella,hanno presentato un Ddl alla Camera: "Modifiche al codice penale - titolo IX del libro II del codice penale".

“La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali” (M. Gandhi)

È bene tenerlo a mente.

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Thursday, 10 December 2015 23:21
© 2022 FlipNews All Rights Reserved