L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

ARRIVA IL VACCINO ANTI COVID 19 E INSIEME L’ULTIMA MUTAZIONE DEL VIRUS DI MATRICE BRITANNICA

By Emilia Di Piazza December 22, 2020 2604

La promessa messianica del vaccino è stata mantenuta. E già! Qualche volta accade che il Governo mantenga i suoi impegni, soprattutto se alla base vi è un ritorno economico non indifferente (e magari non solo quello!) Così finalmente, il nuovo Salvatore dell’umanità è arrivato. Forse non a caso proprio a ridosso del Natale. Mentre nelle chiese non si svolge celebrazione e i credenti non possono trovare conforto in una voce che plachi le loro ansie, in questo momento, cruciale per la storia dell’umanità, arriva il nuovo Messia. E con lui i nuovi Evangelisti, media e social, divulgatori della buona novella. Ci è voluto quasi un anno per un vaccino… sembra tanto ma in realtà è molto poco. Si sarebbe potuto fare anche prima, a dire il vero, mese più mese meno, poco importa ai fini di un vaccino contro un virus che non si conosce (ricordiamo che il virus non è ancora stato isolato) approntato con una tempistica che del protocollo di sperimentazione se n’è a dir poco fregata. Prova ne sia che il vaccino attualmente è stato testato solo su 45 soggetti umani in 63 giorni, che il tempo del passaggio tra le varie fasi è stato eccessivamente accelerato e che una sperimentazione che dovrebbe durare anni, si è ridotta a pochi mesi. Ma se i miracoli compiuti da Gesù posiamo leggerli nelle Sacre scritture, dei miracoli vaccino anti COVID 19 al momento purtroppo conosciamo solo le reazioni avverse. Effetti collaterali sistemici rilevati anche a somministrazione di dose ridotta sono gli effetti a breve termine. E non sappiamo ancora di quelli a lungo termine. Autorevoli studi medici stimano che la sterilità femminile e gli aumentati casi di autismo del nostro tempo siano gli effetti a lungo termine dei vari vaccini “canonici” somministrati negli anni addietro. Ora, nel caso del vaccino anti COVID 19 ci troviamo di fronte ad un prodotto che utilizza RNA modificato e DNA modificato. Questo significa che il vaccino potrebbe cambiare il nostro genoma, ossia ciò che ci rende umani, il nostro codice, provocando difetti alla nascita e malattie. Tecnica della trasfezione, si chiama ed è praticamente identica a quella utilizzata per gli OGM, una tecnica che produce organismi sostanzialmente non sani.

Oggi, dopo mesi di spietata campagna terroristica mirata a diffondere panico e terrore, via libera dell’Ema, agenzia europea di controllo dei farmaci che ha sede ad Amsterdam, al vaccino Pfizer-Biontech. L’approvazione consentirà l’avvio della campagna vaccinale in tutta Europa a partire dal 27 dicembre. Col suo imprescindibile corredo, tanto di patentino che sarà lo zoccolo duro della politica, l’arma del ricatto messa a disposizione di qualunque ente possa utilizzarla. Primo fra tutti il comparto dei trasporti aerei. Non ci si potrà più spostare se non si è vaccinati. Non si potranno fare concorsi. E la lista potrebbe continuare di molto... Di fatto sarà reso obbligatorio anche se non lo è in teoria. Questo l’escamotage messo a punto dai centri di potere per imporre un trattamento sanitario senza intaccare la tanto abusata nostra Costituzione.

Ma perché si sta pressando con tale aggressività mediatica verso il vaccino anti COVID 19? Perché per quasi un anno pieno, l’informazione sull’argomento è stata polarizzata esclusivamente sulle misure di contenimento del contagio, quasi fosse l’unico mezzo a disposizione per combattere il virus? Perché è stato disposto quasi un embargo a nominare i farmaci anti COVID 19 e una reale censura verso la clorochina? AIFA (Agenzia italiana del farmaco, lo ricordiamo) mette fuori uso la clorochina dopo la dichiarazione di pericolosità annunciata da un’autorevole rivista scientifica. Eppure la clorochina è usata da anni per la malaria, il lupus e non è mai morto nessuno. Anzi non è neanche l’unico farmaco oggetto delle promettenti terapie “sperimentali” contro il COVID 19, ci sono anche il siero iperimmune e sostanze che attivano l’immunità. E non sarà neanche un caso che in Africa dove il COVID 19 pare non avere attecchito, nonostante il va e vieni di milioni di cinesi, la tanto diffamata clorochina sia un antimalarico di uso universale! Delegittimare ogni farmaco che ha dimostrato efficacia nel trattamento perché scomodo a quelle elites di potere che guarda caso coincidono con chi sta “allestendo” un vaccino a tempi di record, è stata la strategia.

Cosa sta accadendo? Siamo di fronte a dei falsi epocali! Riviste scientifiche inquinate dalla logica del profitto. E’ la prima volta che accadono fatti di tale gravità!

Molti si stanno chiedendo perché non è stato ancora trovato un vaccino contro l’HIV, il virus responsabile dell’AIDS che pure si conosce da quarant’anni, mentre si sta “imponendo” un vaccino in maniera autoritaria senza che siano state dimostrate le prove di tossicità, efficacia, stabilità, tutte caratteristiche che si richiedono ad un farmaco per essere sicuro. E poi almeno che sia efficace, per quanto tempo dura? Alla prima mutazione che succede? I recenti fatti made british sono già la risposta. La variante inglese, infatti, a detta del professor Calum Semple, scienziato dell’attuale Comitato scientifico britannico, diventerà il ceppo dominante per via della sua capacità di trasmettersi più rapidamente.

Uno studio interessante ha rilevato che il 95% degli anziani che non ce l’hanno fatta nella battaglia contro il COVID 19 fossero tutti plurivaccinati (influenza, meningite, ….) E’ ovvio che una campagna che per mesi prospetta una malattia con rischi molto superiori al reale provochi terrore. E uno terrorizzato è uno che non ragiona. E non è alquanto strano che in uno scenario dell’imprevedibilità qual è quello COVID 19 ad essere previsti con estrema precisione siano state solamente le date del vaccino e dei picchi? Possibile che le nuove ondate di virulenza siano “provocate” dai virus vaccinali antinfluenzali che stanno facendo da mesi? Cosa contengono i vaccini antinfluenzali? Qualcuno li ha fatti analizzare? E se compromettessero il sistema immunitario impedendoci paradossalmente di combattere il COVID?

Potrà mai il capitalismo garantire quell’istanza di libertà che, insieme ad altri diritti, è il fondamento della nostra Costituzione?

Sarà proprio vero … esplode oggi la favola messianica della Pfizer ma, come spesso avviene, un sistema corrotto alla base viene minato nelle sue fondamenta proprio da se stesso. Amen!

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Tuesday, 22 December 2020 10:30
© 2022 FlipNews All Rights Reserved