L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

… E NON SE NE PARLA: TAMPONI FALLACI MAI VALIDATI E SOPRATTUTTO NON DIAGNOSTICI

By Emilia Di Piazza January 04, 2021 2856

Riportiamo di seguito le statistiche che i media nascondono a proposito della pandemia da Covid19;
1) Il 90% degli individui Covid-positivi è asintomatico.
2) Il tasso di diffusione dei Covid-positivi è pari allo 0,7%
3) Il tasso di sopravvivenza è del 99,82% per i soggetti di età compresa fra 0 e 69 anni e del 94,6% per quelli oltre i 70 anni
4) Qualunque individuo morto col Covid viene comunque catalogato fra i morti di Covid. A dichiararlo la dott.ssa Deborah Birx e funzionari sanitari statali. Le stime sono estremamente falsate per via degli enormi falsi positivi (punto che esamineremo di seguito)
5) Solo il 6% delle mortalità il Covid come unica causa di mostra morte
6) E 'scientificamente provata la totale inefficacia della mascherina contro i virus. L'85% delle persone positive era portatore di mascherina
7) Da 350. a 650.000 i decessi stimati ogni anno per virus influenzali con 195 decessi pediatrici e 810.000 ricoveri nella stagione 2017/18. Ad oggi i morti per SARSCOV2 sono 370.000 (errata corrige dei milioni stimati a monte). Eppure si continua a parlare di Pandemia.
8) Nessun campione SARS-CoV-2 è stato mai isolato e purificato. Molti scienziati, fra cui anche l'inventore della PCR sostengono che la PCR non deve essere utilizzata a fini diagnostici poiché producono troppi falsi positivi. A confermarlo il dott Fauci, immunologo statunitense, che ha apportato contributi fondamentali nel campo della ricerca sull'AIDS e altre immunodeficienze.


Su cosa si basano quindi i provvedimenti restrittivi dei vari DPCM da marzo ad oggi? Diagnosi di Covid 19 effettuate con 78 tamponi diversi di cui nessuno validato sarebbe già stato l'oggetto di un esposto depositato fra varie Procure in Sicilia. I risultati dei tamponi sarebbero del tutto inattendibili e l'inaffidabilità sarebbe addirittura certificata dalla Commissione Europea e dall'Istituto Superiore di Sanità. La denuncia arriva dal CODACONS e dall'Associazione Italiana Diritti del Malato. L'utilizzo dei tamponi finalizzato esclusivamente a ricavare dati utili per determinare proclami sullo stato d'emergenza, quarantene individuali o di gruppo, per imporre restrizioni ad ogni livello della scala sociale è praticamente senza alcun fondamento scientifico.
Secondo il dott. Stefano Scoglio i tamponi Covid 19 produce fino al 90% di falsi positivi come certificato dall'Istituto Superiore di Sanità il quale dichiara altresì che ad oggi non esiste alcun marker specifico del virus, nessuno standard che possa rendere i tamponi affidabili. Dietro l'alto numero di falsi positivi rilevati, un grosso business ospedaliero come dichiara l'ex capo della protezione civile, Bertolaso. La sanità non si priva dei malati Covid 19 per via dell'alto indennizzo che ne riceve.
A dimostrazione di quanto detto, l'esperimento condotto in laboratorio dal dott. Mariano Amici, in collaborazione col dott. Stefano Scoglio. Il tampone è stato testato su materiale non umano. Se il tampone ha aspettative di funzionamento dovrebbe produrre risultati tutti negativi.
L'esperimento è stato eseguito in laboratorio dal dott. D'Angelo, perito chimico, e riguarda i test rapidi antigenici. Il risultato prodotto su 10 tamponi è di 4 positivi certi e 3 incerti che peraltro i laboratori danno come positivi nell'essere umano.
Come ha ammesso, pochi giorni fa, l'OMS i troppi falsi positivi prodotti dai tamponi PCR sarebbero da attribuire ai troppi cicli che richiedono.
L'esperimento dimostra che il tampone è assolutamente inattendibile e che quindi non può essere preso come base per dire che esistono nuovi focolai e che aumentano i ricoveri. Perché chi è positivo al Covid non è detto che abbia il Covid e viceversa. Quindi su questa base non possono essere applicati protocolli terapeutici o misure di restrizione nei confronti dei cittadini e delle attività commerciali che sono in ginocchio ormai da mesi. Con ogni probabilità, si smetterà di parlare di emergenza sanitaria non appena prenderà il sopravvento quella economica e sociale. E visti gli altri dati ... troppo e purtroppo taciuti ... ahimè! diffidiamo che questa possa tardare ad arrivare! Ma, tornando ai laboratori, l'analisi dei campioni di virus dei soggetti asintomatici ha provato che i campioni, posti sotto coltura in laboratorio, non hanno portato alla generazione di alcun virus trasmissibile per via della bassa carica virale. Questo dato ribalta tutta la letteratura medica finora vigente circa i rischi di trasmissibilità. Questa è la vera scoperta! A causare la mortalità elevata della prima fase (non ci stancheremo mai di ribadirlo!) Sono state le gravi incompetenze terapeutiche adottate. Ora, invece, sarebbe l'interazione con la somministrazione dei normali vaccini antinfluenzali, cosa che avrebbe procurato shock postvaccinale. Infatti il ​​virus COVID19 subisce un'attivazione per via del vaccino antinfluenzale e antimeningococco. A detta del dott Mike Yeadon già vicepresidente e Chief Science Officer di Pfizer per 16 anni, la soglia per l'immunità di gregge potrebbe essere molto più bassa di quanto non si pensasse inizialmente. Sempre secondo il dott Yeadon, attualmente ci sono 4 ceppi che circolano liberamente in tutta la popolazione, il più delle volte legate a comune raffreddore. La popolazione dovrebbe possedere già un certo livello di immunità delle cellule T, ossia il gruppo dei globuli bianchi che ha il compito di memorizzare un breve pezzo di qualsiasi virus con cui siamo stati infettati in modo che il tipo di cellule giusto possa moltiplicarsi rapidamente e proteggerci se dovessimo venire a contatto con un'infezione correlata. Almeno il 30% della popolazione, su controlli a campione, aveva già il riconoscimento immunologico di questo nuovo virus prima che arrivasse. Una casistica che, da sola, basta a dimostrare che, stando ai dati, la pandemia potrebbe essere già finita. Per il resto ... profilo di rischio, garanzie di immunità, dati sul contagio, interazioni, effetti collaterali ... tutto tace nell'inconsapevolezza più totale da parte dei magnati della scienza che nel bugiardino rimandano al semplice operatore saniatrio di quartiere le decisioni da prendere caso per caso. Intanto, a scanso di equivoci, anche per i vaccinati rimangono invariate le norme di condotta ... Adesso sì ... è il caso di dirlo ... "Tutto cambia perché nulla cambi" ... il Bavaglio è per sempre .. .

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Monday, 04 January 2021 14:31
© 2022 FlipNews All Rights Reserved