L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

MUSEI VATICANI E FS ITALIANE: PARTE IL TRENO DELLE VILLE PONTIFICIE

By Gabriele Garagnani September 14, 2015 10366

Grazie alla collaborazione tra Musei Vaticani e Gruppo FS Italiane, ogni sabato, turisti e appassionati avranno la possibilità di salire a bordo di un treno dedicato in partenza dall’antica Stazione Vaticana, all’interno dello Stato Pontificio, e arrivare alle stazioni di Castel Gandolfo e Albano Laziale.

Il nuovo collegamento ferroviario intende idealmente unire i “due Vaticani” e concretamente avvicinare due scrigni di cultura e bellezza quali sono i Musei Vaticani e le Ville Pontificie di Castel Gandolfo, luogo magnifico e segreto dove lo splendore dell’arte e la gloria della natura convivono in mirabile equilibrio.

Qui, per la prima volta, sarà possibile avere accesso al Palazzo Apostolico, da sempre riservato solo al Papa e ai suoi più stretti collaboratori, per visitare i nuovi spazi museali della Galleria dei Ritratti dei Pontefici.

Il nuovo servizio, pensato anche in vista del Giubileo straordinario della Misericordia, è stato inaugurato l’11 Settembre con uno speciale treno storico con locomotiva a vapore della flotta della Fondazione FS Italiane, che ha ospitato a bordo Antonio Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani, Osvaldo Gianoli, Direttore delle Ville Pontificie e Michele Mario Elia, Amministratore Delegato del Gruppo FS Italiane.

In tal proposito ““Nei nostri 110 anni di storia – ha dichiarato l’AD del Gruppo FS Italiane, Michele Mario Elia – abbiamo accompagnato numerosi Pontefici in giro per l’Italia, con veri e propri bagni di folla nelle stazioni e lungo le linee”.

Tra i viaggi storici, vale ricordare il pellegrinaggio che San Giovanni XXIII intraprese per Assisi nel 1962: fu il primo pontefice ad usare la stazione ferroviaria della Città del Vaticano inaugurata nel 1932 e il primo Papa a viaggiare in treno, dopo l’unità d’Italia, varcando i confini del Lazio.

Il pellegrinaggio avvenne ad una settimana esatta dall’apertura del Concilio Vaticano II: il “Papa Buono” trascorse quasi tutto il tragitto affacciato al finestrino , raccontano le cronache dell’epoca, e al ritorno, sceso dal treno disse : “contento di aver fatto un buon viaggio”, frase che riempì di orgoglio tutti i ferrovieri.

“Le Ville Pontificie, per secoli inaccessibile segreta dimora estiva dei Papi di Roma – ha commentato il Direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci – dal 12 settembre sono aperte al pubblico e ci si arriva con il treno, il più popolare, il più democratico fra i mezzi di trasporto. È un fatto che stringe in emblema con plastica evidenza la politica di Papa Francesco; un Papa che ha rinunciato alla sua residenza estiva per aprirla alla gente. Se non è questo un segno dei tempi! ...

Io, da storico dell’arte, Direttore dei Musei Vaticani, penso all’emozione e allo stupore dei visitatori quando nel parco di Villa Barberini vedranno il geometrico splendore dei giardini all’italiana, quando entreranno nel criptoportico di Domiziano e avranno l’impressione di essere dentro una stampa delle rovine di Piranesi, quando, dalla terrazza della Villa di Castel Gandolfo vedranno l’occhio azzurro del lago dopo aver percorso la Galleria che raccoglie i ritratti dei romani Pontefici. Penso all’emozione e allo stupore, ma anche alla gratitudine che ciascuno dei visitatori proverà per questo imprevisto regalo del Papa.”

Per venire in possesso del biglietto del Treno delle Ville Pontificie, l’ingresso agli spazi museali del Palazzo Apostolico e per consultare l’intero ventaglio delle nuove offerte di tours, itinerari e soluzioni di mobilità,è agevole consultare il sito dei Musei Vaticani www.museivaticani.va.

Gabriele Garagnani

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Tuesday, 11 October 2022 08:04
© 2022 FlipNews All Rights Reserved