L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

DALLA CITTA’ DI ROVERETO UN APPELLO PER LA PACE

By Roberto Fantini April 01, 2024 239
Rovereto Rovereto

In un momento storico in cui la compattezza degli schieramenti politici e degli ingranaggi mediatici sembrerebbe oramai condannare ogni tentativo di pensiero, parola e azione di natura pacifista alla totale irrilevanza e alla più sterile inutilità, risulta veramente rincuorante constatare che ci siano ancora gruppi di liberi cittadini e cittadine come le “Persone per la pace” di Rovereto che non intendono desistere dal denunciare come inaccettabile il clima bellicista imperante, con i relativi possibili (e purtroppo non improbabili) sviluppi, sempre più inquietantemente apocalittici.

E’ infatti senza alcun dubbio meritevole l’ Appello per la Pace da loro proposto e diffuso da qualche settimana, mirante a richiedere una immediata sospensione delle ostilità in atto. L’Appello è stato subito apprezzabilmente accolto e sostenuto dal Comune di Rovereto, in quanto Città della Pace e città sede della Campana dei Caduti, che si è anche assunto l’impegno di supportare l’iniziativa inviando il testo a tutti i Comuni del Trentino, invitandoli anche all’adesione.

 “Rovereto - ha dichiarato la sindaca reggente Giulia Robol - non può che sostenere questo appello e aiutarne la promozione diffondendolo a tutti i Comuni del Trentino come richiesto. L’iniziativa, nata dai nostri concittadini e dalle nostre concittadine, è coerente con la sensibilità del Consiglio comunale che si è già ampiamente espresso attraverso due mozioni sul tema e rappresenta fortemente l’identità di Rovereto quale città della Pace, il cui simbolo Maria Dolens con i suoi rintocchi richiama alla memoria la sofferenza e la morte causate dalla guerra.”

 

Di seguito il testo completo dell’  Appello per la pace, nella speranza che possa godere della più ampia condivisione e diffusione.

 

Basta massacri. Basta guerre. Fermare lo scontro atomico.

Pace e vita per i popoli israeliano e palestinese.

Chiediamo il rispetto dell’articolo 11 della Costituzione e un’Europa di pace e non di armi.

 

Ogni giorno un massacro, ogni giorno sofferenze su sofferenze. E nessuno tra governanti e potenti della Terra parla più veramente di pace, negoziati e soluzioni politiche. Armi e soltanto armi. Le diplomazie sono silenziate. Ogni giorno un passo avanti verso l'abisso.

Facciamo il presente appello in nome della nostra umanità; in nome del sogno dell'Onu, nato per "salvare le future generazioni dal flagello della guerra" e del diritto internazionale; in nome dell'obiettivo fondante dell'Europa: la pace. In nome dell'articolo 11 della nostra Costituzione; in nome di papa Francesco che ogni giorno invoca la pace come mai nessun papa. In nome delle centinaia di migliaia di vittime che hanno lasciato la vita su campi di battaglia che sognavamo di non vedere più dopo la seconda guerra mondiale.

Su queste basi condanniamo l'aggressione russa all'Ucraina come abbiamo condannato ieri le guerre e le aggressioni fatte dall'Occidente. Condanniamo tutti i terrorismi, le stragi del 7 ottobre contro il popolo israeliano e il massacro in atto del popolo palestinese e la politica di annientamento del governo israeliano a Gaza.

Massacri e guerre di una escalation che nessuno vuole fermare. Ogni giorno aumentano i rischi della terza guerra mondiale aperta e atomica. Ormai ne parlano come nemmeno nel periodo della guerra fredda. Mai, sul mondo, nubi così minacciose di una guerra mondiale. I sonnambuli non le vedono, come nel 1914.

Il sonno della ragione porta alla guerra; oscura la ragione e le ragioni della pace. Le propagande dettano legge. I popoli soffrono, i guerrafondai guadagnano soldi e potere. Nel 2022 secondo il Sipri di Stoccolma è stato raggiunto il massimo storico delle spese militari nel mondo, oltre 2.200 miliardi di dollari; l'Italia 29 miliardi. Tutti denari levati alla scuola, alla sanità, alla lotta alla fame, alla cura del Pianeta.

Non bisogna rassegnarsi alla guerra, né assuefarci. Ribelliamoci alla guerra. Sosteniamo i costruttori di pace. Riprendiamoci il diritto di dire la nostra, anche su questioni vitali come la guerra. L'attività più stupida, più criminale e inutile che può fare l'essere umano. Capirlo dopo non serve a niente. Pensiamoci prima. Ognuno può fare qualcosa. Indirizziamo intelligenza e volontà per salvare il Pianeta e abolire la guerra. Solo la mobilitazione dell'opinione pubblica e dell'umanità di buona volontà può spingere i potenti a fermare la corsa verso l'abisso.

Ripensiamo ad un coerente uomo di pace che tanto manca al pacifismo italiano, Gino Strada, medico e fondatore di Emergency: "Eliminare l'ipotesi della guerra dagli strumenti che regolano la convivenza umana è la scelta più razionale, realistica e sicura per i cittadini del pianeta, ma non possiamo aspettarci che lo facciano i Parlamenti del mondo, che hanno sempre e comunque votato a favore della guerra. Dovremo impegnarci noi in prima persona per buttare la guerra fuori dalla storia [...]" (Gino Strada, Una persona alla volta, pagg. 89 e 91).

Ripensiamo all'Appello Russell-Einstein del 9 luglio 1955: "In questa occasione parliamo non come membri appartenenti a questo o quel Paese, continente o credo politico o religioso, ma come esseri umani, la possibilità di sopravvivenza dei quali viene oggi messa in dubbio... Ricordate la vostra umanità e dimenticate tutto il resto..."

Riscopriamo Erasmo e Kant, Bertha Von Suttner e Rosa Luxemburg, Romain Rolland e Lev Tolstoj, Giacomo Matteotti e Maria Goia. Studiamo il grande patrimonio di testi e autori, esempi, contro la guerra, anche per cercare luci e supporto all'impegno in questi bui momenti.

 

 

Questi i contatti del Comune di Rovereto:

ufficio comunicazione

telefono - segreteria:
0464 452 604 - 0464 452 559

e-mail - istituzionale:

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

Rate this item
(4 votes)
Last modified on Monday, 01 April 2024 21:04
© 2022 FlipNews All Rights Reserved