L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

“La teoria del virus è anti scienza di primo livello”  di Giuseppe Reda.

By Virgilio Violo December 21, 2023 1128

 “Si parla di teorie pseudoscientifiche, medicine alternative, OGM, radiazioni, e altri argomenti di “attualità” scientifica. Si cerca di discutere proponendo il parere della comunità scientifica, di spiegare perché non siamo d’accordo, e si finisce per sentirsi dire che non abbiamo il rispetto per le opinioni altrui, che ognuno dovrebbe essere libero di pensarla come vuole, secondo il suo modo di vedere le cose. È difficile a quel punto convincere le persone che non stiamo parlando di politica, di musica o di cinema ma di scienza. È che non ci sono punti di vista. C’è il punto di vista della scienza. Purtroppo però l’incomprensione che si genera a questo punto  è dovuta solo perché non si capisce a fondo il metodo scientifico, come lavora, quali sono i suoi presupposti, e perché possiamo considerarlo affidabile. È abbastanza grave a mio parere che non sia chiaro a tutti”.

Ing. Giuseppe Reda, già ricercatore presso Dipartimento di Chimica UNICAL, membro del Patto Vera Scienza.

 

L’autore narra di come sia stato coinvolto, a causa degli eventi attuali, nella teoria del “VIRUS” e del “CONTAGIO”, e si sia riproposto di trovare risposte che si adattassero alle osservazioni dei suoi pensieri. Si è reso conto che tutto era sbagliato e contro la logica del creato, che inizialmente si è generata una falsificazione scientifica che poi si è trasformata in una frode mediatica e politica. Tante cose neanche riusciva a crederle all’inizio, e che anche per lui è stato difficile rendersi conto che ci fosse tanta menzogna e tanta malvagità.

Nel libro l’autore si propone di esporre la natura fraudolenta del termine “Virus”, del fatto che nessuno mai ha dimostrato la sua esistenza dal punto di vista della Scienza Galileiana o della Medicina Galileiana.

La scienza galileiana, con la sua totale innovativa indagine sulla "Logica del Creato", si basa su tre diversi livelli di credibilità.

Il primo livello è quello del rigore matematico e degli esperimenti riproducibili.

Galilei utilizzava le misurazioni e le formule matematiche per descrivere le sue esperienze scientifiche, e a chi gli chiedeva perché perdesse tempo con gli esperimenti, rispondeva che quello era il modo per porre domande al creatore e per avere in risposta la logica usata per il creato.

Il secondo livello di credibilità della scienza galileiana si riferisce ai fenomeni su cui non possiamo avere un controllo diretto; su cui è impossibile fare esperimenti “in loco”. È il regno dell’astrofisica, lo studio dei fenomeni naturali nell’universo.

Il terzo livello di credibilità riguarda gli eventi che accadono una sola volta, fenomeni che non possono essere osservati mentre succedono, né possono essere sperimentati.

I tre diversi livelli di credibilità della scienza galileiana hanno però in comune le formule matematiche. Anche gli avvenimenti che accadono una sola volta possono essere descritti con il linguaggio delle formule e tenuti ancorati alle sicurezze raggiunte al primo livello.

Esempio di terzo livello è la teoria sull’origine e sull’evoluzione del cosmo, dal big bang, la grande esplosione primordiale che diede inizio all’universo fino ad ora.

L'insegnamento galileiano è anche la chiave interpretativa per un altro tema di ineludibile attualità: il ruolo della Scienza oggi.

E qui Reda si propone di esporre la natura fraudolenta dei termini “batteri” e “microbi”, oltre che della teoria cellulare.

Si propone di esporre una credenza così consolidata nella nostra cultura e istruzione da essere diventata una certezza, l’establishment medico considera il cuore una pompa.

Considera l’ipotesi dell’essenza dell’energia che, sulla base delle conoscenze della fisica delle particelle, mette in evidenza come questa entità, programmata e coordinata dall’informazione, costituisca aspetto essenziale di ogni forma di vita e quindi della realtà.

Da per scontate, senza riserva alcuna, le proprietà macroscopiche della materia mentre essa è costituita di entità che obbediscono a leggi fisiche completamente diverse da quelle che regolano il mondo macroscopico. La descrizione del mondo microscopico richiede una logica profondamente diversa da quella che ci basta per ragionare sui fatti della nostra vita quotidiana.

Si suppone che l’energia esista secondo due tipi: Energia Potenziale ed Energia Cinetica. Ciascuno dei due tipi di energia si suddivide in una forma ordinata e in una forma disordinata.

Il nostro espone una credenza così consolidata nella nostra cultura e istruzione da essere diventata una certezza, il dogma dell’innocuità e dell’efficacia dei vaccini.

Si fa un’analisi dei grafici prodotti da alcuni enti internazionali di statistica sui Vaccini.

Espone la natura fraudolenta della teoria dell’immunità di gregge.

Illustra il 5G che definisce “illegittima sperimentazione sull'umanità e sull'ambiente”.

Fa considerazioni su quella che possiamo definire la “FRODE MEDIATICA”, un’operazione appunto mediatica e politica, del suo uso opportunistico, perseguendo fini non scientifici per mezzo della scienza, e facendo credere che gli interessi siano esclusivamente scientifici. Denunzia che si è utilizzata la “politica” sostanzialmente per vincere l’esitazione dei cittadini, obbligandoli con le leggi, ad accettare una idea irreale di medicina. Questo non è solo semplicemente ingannevole ma è una follia e un crimine.

Mette in luce l'evidenza di come si sia portata avanti una campagna di falsificazione medico-scientifica, oltre che di discriminazione e persecuzione delle persone non vaccinate, nonché istigazione all’odio tra le classi sociali. Denunzia l’anomalia di tale sistema comunicativo e di informazione che si accanisce immotivatamente, ma con uno scopo ben preciso, contro tutti coloro che, dotati di piena capacità di intendere e di volere e di raziocinio, hanno avuto l’ardire di porre domande e che per questo sono stati tacciati, etichettati, scherniti ed addirittura ghettizzati. Queste “categorie” di persone che non aderiscono sic et simpliciter a ciò che gli viene imposto (con atti amministrativi, illegittimi perché incostituzionali) in quanto non ne comprendono il senso e talora finanche la logica, diventano “negazionisti”, “complottisti”, “no vax”, “dissidenti”, insomma: gente da tenere alla larga. Queste persone, untori della collettività, devono essere “controllate” e “punite”.

L'anarchia è un modo per prendere distanza dal potere e mettersi dalla parte degli esclusi e dei vinti, dalla parte della bellezza, dalla parte della vita, dalla parte della verità, dalla parte della scienza, dalla parte della logica del creato. 

Osservando una umanità ignorante, incapace di senso critico, che non usa la ragione, l’ing. Giuseppe Reda ha sempre sposato la causa di chi viaggia in direzione ostinata e contraria.

Ci si ritrova allora a condannare il sistema politico ed economico, a prendere distanza da tutti coloro che si autoproclamano "potere" e che stabiliscono regole e codici della "normalità" o "anormalità", che decidono sulla vita o sulla morte.

 

 

La teoria del virus è anti scienza di primo livello

Autore:  Giuseppe Reda
Editore: Il Cerchio
Data di Pubblicazione:  Gennaio '2024
Genere: scienze mediche. medicina
Pagine: 364
Dimensioni mm: 240 x 0 x 19
ISBN-10: 8884746841ISBN-13: 
9788884746849

 

Rate this item
(1 Vote)
Last modified on Thursday, 21 December 2023 22:14
© 2022 FlipNews All Rights Reserved