L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Il punto sulla 11/a giornata del campionato di calcio di Serie A

By Rino R. Sortino October 25, 2022 240

Continua la fuga solitaria  del Napoli in vetta alla classifica, dopo  l’ennesima vittoria della sua stagione, l’undicesima consecutiva. Il Napoli battendo 1-0 la Roma, si riporta a +3 sul Milan e nonostante la rotazione di  uomini e soluzioni, mantiene inalterata la qualità del suo gioco.  All’Olimpico a decidere una gara  con poche emozioni è una grandissima azione di Osimhen all’80’: il nigeriano va via a Smalling  e con uno splendido diagonale, batte il portiere Rui Patricio. Politano, il calciatore del Napoli subentrato a partita in corso,  ha fatto la differenza in questa partita: da lui è partito il lancio a seguito del quale Osimhen  è riuscito a fare quella  progressione per realizzare il gol decisivo. Tutte le  vittorie del Napoli  sono state ottenute tramite grandi individualità ma soprattutto attraverso un grande gioco e sarà davvero complicato fermare questa squadra nella corsa verso lo Scudetto. La Roma ha fallito per l’ennesima volta la prova decisiva al cospetto di una grande, anche se con un pizzico di buona sorte, avrebbe anche potuto portare a casa lo 0-0. I giallorossi però sono stati troppo rinunciatari e  una volta subito il gol, non sono riusciti mai a impensierire il portiere  Meret.

Vittoria facile per il Milan che batte 4-1 il Monza ed ottiene la quarta vittoria consecutiva. Pioli fa riposare diversi titolari in vista della decisiva sfida di Champions di martedì e si gode la grande prestazione di un Brahim Diaz ispiratissimo, che trascina i compagni. Lo spagnolo sblocca il risultato al 16′ con un’azione personale: riceve palla dal suo portiere  Tatarusanu a centrocampo e procede in  fuga solitaria, per poi battere Di Gregorio con un  morbido diagonale. Lo spagnolo firmava  anche  la sua doppietta al 41′.Ranocchia per il Monza su punizione accorciava le distanze,  c’è stato poi il terzo gol di Origi con un gran tiro dal limite dell’area. Leao infine realizzava il quarto gol dopo essere entrato in campo al posto di un compagno,   su assist di Hernandez.

Rispetto alle 11 giornate dello scorso campionato di Serie A, Udinese e Lazio sono tra le squadre che hanno incrementato maggiormente il proprio punteggio in classifica. La Lazio dopo aver  sconfitto  2 a 0 l’Atalanta a Bergamo, l’ha agganciata  in classifica a  24 punti. L’Atalanta incassa così  la prima sconfitta stagionale in una partita dove la Lazio ha meritato di vincere. I biancocelesti si ritrovano in una grande condizione psico-atletica, e sono capaci di sfruttare al meglio le qualità dei singoli. E’ da annotare la grande solidità difensiva dei biancoazzurri, dal momento che per la sesta partita consecutiva in campionato non subiscono reti. Nonostante l’assenza di  Immobile, il suo bomber per eccellenza,  i biancazzurri continuano ad ottenere risultati positivi  e il gioco di mister Sarri sta emergendo nei suoi aspetti positivi, dopo un anno di apprendistato.

Nel primo tempo Zaccagni (10′) sblocca il match su perfetto assist di Pedro, poi nella ripresa Felipe Anderson (52′) raddoppia i conti con un’azione irresistibile sugli sviluppi di un’azione in velocità di Marusic.

L’Inter battendo 3-4 la Fiorentina, ottiene la terza vittoria consecutiva in campionato. Anche in questo match è la solita pazza Inter: la Fiorentina riusciva a rimontare l’immediato doppio vantaggio nerazzurro che avevano realizzato  Barella e Lautaro con le reti di Cabral (rigore) e Ikone. Lautaro nuovamente  su  calcio di rigore realizzava il terzo gol a un quarto d’ora dalla fine, ma Jovic riportava in pareggio la viola  al 90′. Inzaghi nel finale ci ha messo del suo, togliendo  Lautaro ed inserendo Bellanova, una scelta che già non si era dimostrata felice a Barcellona, nonostante il risultato positivo. In questo match  la sostituzione dell’argentino si è rivelata ancora una volta deficitaria, perche  con quell’assetto,  la squadra ha pensato solo a difendersi fino al triplice fischio finale. Non sempre vanno bene certe decisioni, che sono molto rischiose. All’ultimo minuto di recupero  Mkhitaryan al 96′  trovava un incredibile gol-vittoria: Venuti provava a rinviare, ma il pallone centrava la gamba del nerazzurro  e trovava  una traiettoria che batteva Terracciano.  Per Simone Inzaghi  questa  è una  vittoria importante  a quattro giorni dall’appuntamento chiave di Champions contro il Viktoria Plzen.

Vittorie come quella di Firenze  possono dare carica e morale  a una squadra fragile come quella nerazzurra, che con i tre gol subiti a Firenze  ha raggiunto la quota di  17, troppi.  Per la Fiorentina è la terza sconfitta  nelle ultime quattro partite, ma in questa occasione contro l’Inter meritava  probabilmente miglior sorte.     ,

La Juventus continua a inanellare risultati positivi e riesce a vincere l’Empoli 4-0  sul suo campo all’Allianz Stadium. La squadra di Allegri per la prima volta ottiene   in campionato, due vittorie consecutive. A sbloccare  il match ci riusciva all’8′ di Kean, poi nella ripresa la Juventus sfruttava al meglio i corner di Cuadrado per dilagare. Al 56′ McKennie colpiva di testa  in area firmando il raddoppio, poi all’82’  Rabiot,  in pieno recupero siglava la sua seconda doppietta stagionale.

I risultati della 11 giornata di Serie A:

Udinese-Torino 1-2   Bologna-Lecce 2-0  Atalanta-Lazio 0-2:  

Roma-Napoli 0-1     Juventus-Empoli 4-0  Salernitana-Spezia 1-0:

Milan-Monza 4-1  Fiorentina-Inter 3-4    Cremonese-Sampdoria 0-1

Sassuolo-Verona 2-1

 

 

 

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Saturday, 05 November 2022 00:07
© 2022 FlipNews All Rights Reserved