L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Il punto sulla 21/a giornata del campionato di calcio di Serie A

By  Rino R. Sortino February 08, 2023 410

Il Napoli vince anche a Spezia per 3-0, sale a 56 punti in graduatoria e fa un altro  passo  in avanti verso lo scudetto. La squadra ligure largamente rimaneggiata per  l’assenza di nove titolari , nel primo tempo  riesce a restare bassa e chiude  bene gli spazi  nel  tentativo di frenare  la manovra degli azzurri. La ripresa inizia con l’ingresso in campo di Politano al posto di uno spento Lozano e questo cambio  contribuisce a fornire maggior vigore alle manovre offensive del Napoli. Ma  a cambiare volto alla partita, sono soprattutto  gli svarioni della difesa dello Spezia che concede tre reti a seguito di una serie di  errori difensivi.  Dopo soli dieci secondi  del secondo tempo,  il difensore dello Spezia Reca, nel tentativo di accompagnare un pallone in fallo di fondo, tocca di mano forse abbagliato dal sole. Rigore, che Kvaratskhelia realizza malgrado Dragowski  avesse intuito il tiro.  Poi sale in cattedra il bomber  Osimhen al  (69′ e 73′) che realizza una doppietta. La prima a seguito  di un rimpallo al centro dell’area di Ampadu  che nel tentativo di liberare, fa rimbalzare il pallone in alto.  Dragowski, salta fuori tempo e  non riesce ad intercettare la sfera, così Osimhen è più lesto   a colpire di testa e a realizzare (69′). Pochi minuti dopo è Caldara che si fa sottrarre il pallone da  Kvaratskhelia,  questi  è svelto a servire  Osimhen (74′) che non sbaglia davanti alla porta. A seguito di questa sconfitta, lo Spezia continua a rimanere  impantanato  nella parte bassa della classifica.  Ma le sfide che contano per i liguri sono altre e già dalla prossima settimana contro l’Empoli  sarà importante ricominciare a fare punti.

L’Inter batte 1-0  un Milan sempre più in crisi e  consolida il secondo posto in classifica. I  rossoneri in questo incontro si  rivelano  troppo rinunciatari, con solo il 36% di possesso palla , al punto da non riuscire ad effettuare alcun tiro  in porta . Per tutto il primo tempo è  l’Inter ad esercitare  un  assoluto dominio, con gli avversari  chiusi dietro  per provare a ripartire in contropiede . Il derby numero 178 in Serie A si decide  al 34′: a seguito di un  Corner di Calhanoglu, Lautaro Martinez  stacca  di testa  e batte l’incolpevole Tatarusanu. Il Milan del secondo tempo  mostra un diverso atteggiamento  con  maggior  grinta e determinazione, ma non incidono più di tanto  e nel finale  sono  sempre i nerazzurri  a rendersi pericolosi al punto da sfiorare il raddoppio all’89’ quando  un fuorigioco di pochi centimetri  nega  la doppietta a Lautaro.  A seguito di questa sconfitta,  il Milan prosegue  la sua striscia di risultati  negativi, considerato che nel 2023 ha trovato solo una vittoria, il 4 gennaio scorso contro la Salernitana. Leao il calciatore rossonero  che fece la differenza l’anno scorso  nella cavalcata verso lo scudetto, è ancora una volta partito dalla panchina  e sembra un altro giocatore rispetto al passato. Invece Tatarusanu, il portiere romeno che non è tenuto in grande considerazione da parte della critica, contro l’Inter è stato il migliore della sua squadra e con tre belle parate ha evitato  un passivo peggiore.

La Roma batte 2-0 l’Empoli e si riscatta dopo la brutta eliminazione in Coppa Italia contro la Cremonese. A decidere il match dell’Olimpico sono due calci d’angolo nei primi 6′ di gioco: entrambi battuti da Dybala e trasformati in gol dai colpi di testa di Ibanez e Abraham.  Gli ospiti a  quel punto provano reagire mettendo in campo le proprie qualità nel palleggio e nella manovra,  ma è sempre la Roma a sfiorare il terzo gol, con una serie di occasioni. In una  circostanza il portiere empolese Vicario si supera  effettuando  tre grandi parate in sequenza, prima su  un tiro di El Shaarawy, poi sulle conclusioni ravvicinate di Matic ed Abraham. Nel secondo tempo l’Empoli è  più propositivo rispetto alla prima frazione di gioco , ma non crea particolari pericoli alla difesa giallorossa.

Il Sassuolo batte per  1-0 l’Atalanta Al Mapei Stadium, in una partita condizionata dall’espulsione di Maehle al 30′ per grave fallo di gioco, i neroverdi di Dionisi sono riusciti a dare  continuità al successo contro il Milan raccogliendo la seconda vittoria consecutiva in campionato. Dopo le occasioni del primo tempo, la giocata decisiva  porta la firma di Laurienté che al 55′ dopo essersi accentrato dalla sinistra e rientrato sul destro, conclude  nell’angolo la rete dell’1-0 alle spalle di Musso. Per l’Atalanta, che chiude l’incontro in nove dopo il rosso a Muriel nel recupero è il secondo ko consecutivo in pochi giorni,  dopo quello in Coppa Italia. La vittoria del Sassuolo allontana gli emiliani  dalla zona retrocessione e al tempo stesso rallenta la rincorsa Champions ad una opaca Atalanta, apparsa poco brillante già prima di rimanere in inferiorità numerica.

 Finisce 1-1 Verona-Lazio. Dopo un primo tempo piuttosto equilibrato proprio all’ultimo minuto arriva la rete laziale: Pedro dopo aver ricevuto il pallone  da Cataldi, si gira su Coppola e si inventa una parabola strepitosa che si infila all’incrocio, dove Montipò non può arrivare. Una vera prodezza tecnica.  Ad inzio ripresa, l’immediata  risposta dei padroni di casa: su un calcio di punizione  di Lazovic,  Ngonge recente acquisto, di gran lunga il migliore in campo dei suoi, anticipa tutti e di testa batte Provedel per l’1-1. Un pari che non cambia la classifica dei veneti, sempre terz’ultimi, ma è un segnale che per l’Hellas Verona la salvezza è ancora un obiettivo possibile

Nel posticipo che chiude la 21.ma giornata di Serie A la Juve torna a vincere e batte 3-0 la Salernitana, Massimiliano Allegri il tecnico bianconero alla vigilia aveva definito la partita di Salerno come uno scontro salvezza. La Juventus non sbaglia partita e così aggancia  Empoli e Monza.  A Salerno è Dusan Vlahovic il grande protagonista del match: nel primo tempo il bomber bianconero segna per primo su rigore al 26′. Di Maria inventa per Miretti che entra in area e viene agganciato da Nicolussi alla caviglia. L’arbitro indica il dischetto e dagli undici metri Vlahovic realizza. Lo stesso centravanti in grande forma  poi offre un assist  per il raddoppio di Kostic (45′).  Nella ripresa è sempre  Vlahovich  che chiude la gara realizzando una doppietta (47′):Fagioli inventa per il centravanti, che  di potenza deposita la sfera alle spalle di Ochoa.  La formazione campana è alla  terza sconfitta su quattro partite casalinghe disputate nel 2023: in ogni caso conserva un margine di 7 punti sul Verona (terzultimo) che il prossimo  lunedì incontrerà in uno scontro salvezza.

Di seguito i risultati della 21/a giornata:

CREMONESE-LECCE 0-2      ROMA-EMPOLI 2-0       SASSUOLO-ATALANTA 1-0

SPEZIA-NAPOLI 0-3      TORINO-UDINESE 1-0    FIORENTINA-BOLOGNA 1-2

INTER-MILAN 1-0        VERONA-LAZIO 1-1          MONZA-SAMPDORIA 2-2

SALERNITANA-JUVENTUS 0-3

 



 

Rate this item
(0 votes)
© 2022 FlipNews All Rights Reserved