L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Il punto sulla 13^ giornata del campionato di Serie A: 2023/2024

By Rino R. Sortino November 28, 2023 289

La tredicesima giornata di Serie A si è aperta con la vittoria in rimonta all’Arechi della Salernitana sulla Lazio. Gli ospiti passano in vantaggio al 41’: Gyomber dopo essersi fatto scavalcare dal pallone trattiene  in area Immobile e provoca il rigore. E’ lo stesso Ciro che lo realizza con un destro a incrociare spiazzando Costil. La squadra di Inzaghi reagisce nella ripresa e al 55′  trova il pareggio. Kastanos allarga sulla destra per Mazzocchi che  crossa e Candreva colpisce con una torsione di testa. Provedel  respinge non in modo perfetto e Kastanos è lesto a ribadire la palla in rete. A decidere la sfida è il classico gol dell’ex. Candreva realizza  il gol decisivo  al 66′ ed è un eurogol. Punizione dai trenta metri, Kastanos di tacco tocca per Candreva che dopo essersi  sistemato la sfera, fa partire un bolide centrale ma potentissimo che trafigge Provedel. La palla cambia direzione e prende una traiettoria che spiazza il suo portiere, che dimostra di essere in una di quelle giornate no. Da parte della Salernitana è un uno-due micidiale perchè in undici minuti è riuscita nell’intento di ribaltare il match   La Salernitana ritorna a sorridere perché i tre punti le mancavano dal 27 maggio 2022 dalla sfida con l’Udinese.

A Bergamo il Napoli  si impone per 2-1 contro l’Atalanta. Comincia con una vittoria la seconda avventura di Walter Mazzarri al Napoli che recentemente ha sostituito il francese Garcia. Il Napoli  inizia bene l’incontro, fronteggia  l’Atalanta e riparte in contropiede. Al 34′ Rahmani di testa batte Carnesecchi, ma il Var annulla la rete perché il difensore del Napoli è in posizione di fuorigioco sul cross di Raspadori. La più brutta notizia della serata si ha al 36′ quando Olivera si fa male da solo  al ginocchio. L’uruguaiano esce in barella e in lacrime con le mani sul volto. La rete del vantaggio arriva poco dopo al 44′ con Kvaratskhelia  che realizza  di testa su cross di Di Lorenzo  e batte Carnesecchi.  Nel secondo tempo  si assiste ad un’Atalanta molto più determinata che  pareggia al 53′:su cross di Hateboer, Lookman  di testa batte Gollini per l’1-1. Al 65′ c’è il ritorno in campo di Osimhen, a diverse giornate dall’infortunio e il bomber contribuisce immediatamente alla vittoria della sua squadra. Al 79′ c’è  un rinvio sbagliato di Carnesecchi, la palla arriva ad Osimhen che in spaccata serve Elmas che tutto solo realizza.  La squadra campione d’Italia riparte con una vittoria sofferta ma cinica e ottiene il vantaggio, proprio nel momento di maggior pressione dell’Atalanta.

Il Milan ritrova il successo  e batte la Fiorentina per 1-0. I rossoneri vanno a rete nel recupero del primo tempo: Parisi colpisce  in area Hernandez ed è calcio di rigore, dal dischetto lo stesso  francese tira e spiazza Carnesecchi. Nella ripresa i viola spingono alla ricerca del pari  ma i suoi attaccanti sono privi di precisione. Al 75′ i rossoneri hanno la grande occasione con Theo Hernandez che serve Jovic in area, ma l’attaccante tutto solo davanti a Terracciano non gli riesce meglio che tirargli addosso.  Al minuto 83’ Pioli toglie Jovic ed inserisce Camarda, 15 anni ed 8 mesi,  e questi diventa  il più giovane calciatore nella storia della Serie A. Il baby calciatore  purtroppo ha pochissimo spazio per mettersi in mostra, perché negli ultimi minuti la Fiorentina esercita un pressante forcing alla ricerca del pareggio. Ma è significativo il fatto che a volte può rendere più un giovanissimo di un supposto campione. Al 96′ i viola vanno molto vicino al gol su una conclusione da distanza ravvicinata di Mandragora, ma Maignan è strepitoso  nel suo tentativo e  riesce respingere di faccia sulla linea di porta. A volte serve anche la buona sorte per vincere le partite.  Per Pioli  si tratta di un successo preziosissimo, in attesa della decisiva sfida di martedì contro il Borussia Dortmund.

Il confronto di vertice Juventus-Inter  finisce 1-1. al termine di una partita intensa nel primo tempo e di pochi sussulti nella ripresa. All’Allianz Stadium  al 27′ del primo tempo passa la Juve:  Chiesa dopo aver ricevuto il passaggio da Vlahovich  rimette  il pallone in mezzo e il serbo che segue l’azione  conclude  di piatto in rete. Il vantaggio dura molto poco perché soltanto sei minuti dopo al  33′  ci pensa l’affiatata coppia nerazzurra Thuram-Lautaro a rimettere tutto in equilibrio: Il francese se ne va sulla fascia, dribbla Bremer e crossa per Martinez che è abile ad anticipare Gatti  e di destro batte Szczesny. Nel corso della gara l’Inter dimostra di pressare maggiormente i bianconeri, ma la fase difensiva della Juve si conferma molto efficace. Nel secondo tempo prevale la voglia di non rischiare. ed  entrambe le squadre dimostrano di accontentarsi del pareggio. Lautaro è sempre più simbolo della sua squadra e lo dimostrano i dati: con quello alla Juve sono 13 gol realizzati in 13 partite di campionato  e nell’anno solare 2023 sono 27 reti in Serie A.  Thuram il suo partner nell’attacco nell’Inter, arrivato solo questa estate. si è integrato in fretta, è ormai arrivato a sei assist e dimostra di essere sempre più pedina fondamentale nella formazione milanese. Tra i due attaccanti nerazzurri c’è  perfetta sintonia di affiatamento  e di gioco e ne beneficia tutta la squadra.

All’Olimpico la Roma  sconfigge l’Udinese per 3-1. ll primo tempo è di grande sofferenza per i friulani che hanno difficoltà a contenere il forcing dei giallorossi. I padroni di casa passano in vantaggio al 20′: Dybala batte un calcio di punizione e  il difensore Mancini con un grande colpo di testa realizza. Nella ripresa i friulani  esercitano una forte pressione  e il pareggio  arriva al 57: il cross di Payero trova sul secondo palo Thauvin, che  insacca di testa. Proprio quando l’Udinese sta per prendere il sopravvento sull’avversario, ecco  che si sviluppa un contropiede perfetto sull’asse Bove-Lukaku. Il belga con un perfetto assist serve l’accorrente  Dybala, che all’80’ trafigge il portiere Silvestri. A chiudere la partita è una ripartenza micidiale della Roma: Lukaku  passa a  Bove che è bravo a ritornare  la sfera  a Stephan El Shaaraw e questi  con un gran tiro a giro, sigilla il risultato finale.

Partita spettacolare con sette reti totali al Castellani, con il Sassuolo che torna al successo grazie al  rocambolesco 4-3 sul campo dell’Empoli. Il gol partita in pieno recupero è  realizzato da Berardi, che già prima aveva trasformato un rigore. Per gli emiliani a segno  anche  Pinamonti ed Henrique. I gol di Caputo Fazzini e Kovalenko non  evitano la sconfitta ai toscani.  Sale in classifica il Frosinone grazie al 2-stavolta ai danni del Genoa, Suolè porta in vantaggio i padroni di casa, Malinovskyi pareggia ma decide Monterisi nel finale della partita.  Nei posticipi del lunedì partita ricca di gol a Verona con il Lecce che si porta per due volte in vantaggio, ma la squadra di Baroni riesce a raggiungere il pari. 1-1 tra Cagliari e Monza: con padroni di casa avanti con Dossena e la  replica brianzola con Maric. Nell’ultimo match il Bologna batte il Torino e si porta in piena zona Europa.

Questi i risultati della 13^ giornata del campionato di Serie A:

SALERNITANA-LAZIO 2-1  ATALANTA-NAPOLI 1-2   MILAN-FIORENTINA 1-0

CAGLIARI-MONZA 1-1 JUVENTUS-INTER 1-1  VERONA-LECCE 2-2

EMPOLI-SASSUOLO 3-4   FROSINONE-GENOA 2-1  ROMA-UDINESE 3-1 

BOLOGNA-TORINO 2-0

 

 

 

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Tuesday, 28 November 2023 16:50
© 2022 FlipNews All Rights Reserved