L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.


Warning: Creating default object from empty value in /home/medismxz/public_html/flipnews.org/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 743

Sport (262)

 

Rino R. Sortino

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

Juventus, Inter, Milan, Carpi, Lazio e Napoli (insieme a Spezia e Alessandria, quest’ultima clamorosamente una delle prossime semifinaliste di coppa Italia, ndr), in settimana avevano speso ulteriori fatiche per il turno dei quarti di finale di Coppa Italia e a farne le spese sono state in primis i nerazzurri milanesi che pareggiano in casa e si allontanano dalle posizioni che contano. Nessun problema invece per Napoli e Juventus che vincono e, seppur distanti fra loro di soli punti, si staccano dalle inseguitrici. In fondo alla classifica, a parte il Verona quasi spacciato, Carpi e Frosinone stanno tentando di raggiungere il duo tutto genovese Genoa e Sampdoria, scivolate pericolosamente in basso.

Al Frosinone servivano assolutamente tre punti per continuare a sperare nella salvezza ma contro l’Atalanta non è riuscito ad andare oltre il doppio zero e alla fine, quel punto che muove la classifica potrebbe rivelarsi assai utile.

Nel secondo anticipo della giornata il Milan cercava ad Empoli una vittoria per alimentare le speranze di un recupero in prospettiva europea ma di fronte aveva una squadra in forma e ben organizzata. Ne è scaturita una gara piacevole e incerta fino all’ultimo secondo, finita in parità e la conseguente spartizione della pota che fa più piacere ai toscani che ai rossoneri. Reti di Zielinski, Maccarone, Bacca e Bonaventura.

Con un gol per tempo la Fiorentina batte il Torino e dopo due sconfitte consecutive ritrova la vittoria. brutta sconfitta per i granata, ai quali non riesce di sfatare la “maledizione” che non li vuole vincenti al Franchi da oltre quarant’anni e buon passo in classifica della viola che rimane nei quartieri che contano. Reti di Ilicic e Rodrìguez.

Ancora una volta l’Inter subisce una rete nei minuti finali e quella subita oggi contro il Carpi costa ai neroazzurri la “retrocessione” in classifica al quarto posto, a ben sei lunghezze dalla capolista. Buona la prova degli ospiti che aggiungono un piccolo tassello alla lotta per la salvezza. Reti di Palacio e Lasagna.

Bella impresa del Bologna che batte a domicilio il Sassuolo e fa un grosso passo in avanti in classifica. La squadra di Donadoni si è dimostrata ancora una volta in ripresa, al contrario degli emiliani che, eppur in ottima posizione di classifica, un po alla volta scivolano verso il basso. Reti di Giaccherini e Floccari.

Meritata vittoria della Lazio che contro il Chievo va subito sotto ma col passare dei minuti trova la forza di rimontare e rifilare un poker di reti che confermano i biancoazzurri ben saldi a metà classifica, esattamente come il Chievo. Reti di Candreva (2), Keita, Cataldi e Cesar.

Partita dai volti quella disputata fra Verona e Genoa. Primo tempo di marca rossoblù e seconda frazione di dominio scaligero. Alla fine in pareggio è il risultato più giusto anche se serve solo agli ospiti perche i locali hanno ormai poche speranze di salvezza. Reti di Coppola e Pazzini.

Sampdoria e Napoli disputano una partita densa di emozioni e di reti ma inevitabile il risultato finale a favore dei partenopei che hanno in Higuain un giocatore che in questo momento appare imprendibile. Buona anche la prova dei blucerchiati che rimangono pericolosamente in zona pericolosa. Reti di Correa, Eder, Higuain, Insigne, Hamsik e Mertens.

Il Palermo cambia ancora allenatore e questa volta porta bene perché ai siciliani, contro l’Udinese, gli riesce d’infilare quattro reti ai friulani e raggiungere proprio gli stessi in classifica. Reti di Quaison, Hiljemark, Lazaar, Aleksander e Thereau.

Nel posticipo serale la Juventus affronta fra le mura amiche la Roma con la possibilità di rafforzare la seconda posizione e gettare ufficialmente il guanto di sfida al Napoli. Evidentemente ciò ha condizionato le squadre che hanno disputato una partita mediocre bloccata solo da un lampo a pochi minuti dal termine. Rete di Dybala.

Risultati

Inter-Carpi 1-1; Frosinone-Atalanta 0-0; Empoli-Milan 2-2; Fiorentina-Torino 2-0; Sassuolo-Bologna 0-2; Lazio-Chievo 4-1; Verona-Genoa 1-1; Sampdoria-Napoli 2-4; Palermo-Udinese 4-1; Juventus-Roma 1-0

Classifica

Napoli 47; Juventus 45; Fiorentina e Inter 41; Roma 35; Milan 33; Sassuolo* ed Empoli 32; Lazio 31; Chievo 27; Torino*, Atalanta e Bologna 26; Udinese e Palermo 24; Sampdoria e Genoa 23; Carpi 18; Frosinone 16; Verona 10.

* Sassuolo e Torino una partita in meno

Prossimo turno

Carpi-Palermo; Atalanta-Sassuolo; Roma-Frosinone; Chievo-Juventus; Napoli-Empoli; Genoa-Fiorentina; Torino-Verona; Udinese-Lazio; Bologna-Sampdoria; Milan-Inter.

 La prima giornata di ritorno ha ribadito e confermato il Napoli in cima alla classifica grazie all’importante vittoria (in rimonta) sul Sassuolo, alle sue spalle perdono terreno l’Inter, fermata sul pareggio dall’Atalanta e la Fiorentina, sconfitta da un ritrovato Milan. Non perde terreno invece, anzi ne recupera, la Juventus, che batte a domicilio l’Udinese conquistando la decima vittoria di fila, che vale la seconda posizione a due sole lunghezze dal Napoli.  

A metà classifica il Milan si affaccia in zona Europa League mentre Empoli e Atalanta ribadiscono il loro stato di salute. In fondo alla classifica perdono Palermo, Frosinone e Verona (ormai spacciato) mentre avanza il Carpi che batte la Sampdoria e la risucchia pericolosamente in zona “rossa”.

Ancora una piccola battuta d’arresto per l’Inter, la squadra di Mancini non va oltre il pareggio e perde l’occasione di superare in classifica il Napoli. Contro l’Atalanta il migliore in campo dei neroazzurri milanesi è stato il portiere Handanovic, il che la dice lunga su quella che alcuni iniziano a chiamare “crisi”. Reti di Murillo e Toloi.

Il Torino rifila un “poker” al Frosinone e in sul colpo fa pace col pubblico e…, con se stesso. Forse il ritorno in granata di Ciro Immobile è stato fondamentale ma oggi tutti hanno dato il meglio. Sottotono la retroguardia ospite oggi apparsa, in talune occasioni, abbastanza imbarazzante. Reti di Immobile, Belotti (2), Benassi, Sammarco e Avelar.

Il Napoli affronta il Sassuolo con l’obiettivo di mantenere la vetta della classifica, consapevole che l’avversario gioca il miglior calcio del campionato infatti, dopo soli due minuti si trova in svantaggio e poco dopo rischia addirittura di subire il raddoppio. Da quel momento in poi è solo Napoli. I partenopei iniziano a macinare azioni su azioni e alla fine il risultato ribadisce la grande forma degli azzurri. Reti di Callejon, Higuain (2) e Falcinelli.

Genoa contro Palermo era partita “quasi” salvezza o meglio, vincere significava tirarsi fuori dalla pericolosa zona retrocessione e “l’impresa” è riuscita alla squadra di Gasperini che gioca un miglior calcio, contro una squadra apparsa in balia delle onde, e travolge i rosanero che ora si trovano al quart’ultimo posto. Reti di Pavoletti (2), Suso e Rincòn.

Chievo ed Empoli viaggiano tranquille a metà classifica e la spartizione della posta al termine di novanta minuti giocati fra alti e bassi soddisfa entrambe. Reti di Paloschi e Tonelli.

Il ritorno di Spalletti alla Roma non basta non basta per superare in casa il Verona, fanalino di coda del campionato. A fine gara risulteranno decisivi i troppi errori sottorete delle punte giallorosse. Reti di Nainggolan e Pazzini.

La Juventus travolge l’Udinese e grazie alla decima vittoria consecutiva supera l’Inter e si porta a meno due dal Napoli capolista. Fondamentali, anche e non decisivi, gli svarioni difensivi dei friulani. Reti di Dybala (2), Khedira e Alex Sandro.

Bologna e Lazio si affrontano a viso aperto e il risultato finale conferma la spettacolarità della gara. I locali vanno a riposo sul doppio vantaggio ma nella ripresa gli ospiti compiono il miracolo ed escono dal campo con un punto meritato in tasca. Reti di Giaccherini. Destro, Candreva e Lulic.

Il Carpi vince sorprendentemente contro una Sampdoria che ultimamente sembrava avesse ritrovato una miglior condizione ma agli emiliani è bastato giocare con più tenacia e voglia per conquistare l’intera posta e avvicinarsi alla quart’ultima posizione. Reti di Lollo, Mbakogu e Correa.

Il Milan supera la Fiorentina e si porta a ridosso della zona Europa League mentre la viola si allontana dalle prime posizioni e mettere momentaneamente nel cassetto il sogno dello scudetto. Salva quindi per ora la panchina di Sinisa Mihajlovic. Reti di Bacca e Boateng.  

Risultati

Atalanta-Inter 1-1; Torino-Frosinone 4-2; Napoli-Sassuolo 3-1; Genoa-Palermo 4-0; Chievo-Empoli 1-1; Roma-Verona 1-1; Udinee-Juventus 0-4; Bologna-Lazio 2-2; Capi-Sampdoria 2-1; Milan-Fiorentina 2-0.

Classifica

Napoli 44; Juventus 42; Inter 40; Fiorentina 38; Roma 35; Milan 32; Empoli e Sassuolo* 31; Lazio 28; Chievo 27; Atalanta e Torino* 25; Udinese 24; Sampdoria e Bologna 23; Genoa 22; Palermo 21; Carpi 17; Frosinone 15; Verona 9.

* Sassuolo e Torino una partita in meno

Prossimo turno

Inter-Carpi; Frosinone-Atalanta; Empoli-Milan; Fiorentina-Torino; Sassuolo-Bologna; Lazio-Chievo; Verona-Genoa; Sampdoria-Napoli; Palermo-Udinese; Juventus-Roma.

 La diciannovesima giornata di campionato, l’ultima del girone d’andata e utile per decretare la squadra campione d’inverno (che al novanta per cento è quella che poi vincerà lo scudetto ndr), ha visto il harakiri della Fiorentina in casa contro la Lazio e il pareggio casalingo della Roma contro il Milan che ridimensiona entrambe. Perde clamorosamente in casa contro il Sassuolo l’Inter, che perde anche la testa della classifica a favore del Napoli di Sarri che a Frosinone dilaga e sale al primo posto. Ma la vera sorpresa è la nona vittoria consecutiva della Juventus che vince contro la Sampdoria e ora si trova seconda a sole due lunghezze dalla capolista. A metà classifica si fa avanti l’Empoli che batte il Torino mentre in fondo alla classifica, a parte il Verona, praticamente spacciato, coltivano qualche speranza ancora Carpi e Frosinone.

Carpi e Udinese, entrambe alla ricerca di punti salvezza si danno battaglia fino all’ultimo secondo e al termine ad avere la meglio sono i ragazzi di mister Castori che conquistano la terza vittoria della stagione e, soprattutto, tre preziosi punti che la tengono ancora in corsa verso la salvezza. Reti di Pasciuti, Lollo e Zapata.

La Fiorentina, che quando sente profumo di vetta s’inebria e cade, contro la Lazio aveva la possibilità, vincendo, di conquistare la testa della classifica ma evidentemente non aveva fatto i conti con i biancocelesti, bravi a sfruttare al meglio la rete realizzata a pochi secondi dalla fine del primo tempo, per poter giocare di rimessa e fare male. Reti di Keita, Milinkovic, Felipe Anderson e Roncaglia.

Roma contro Milan voleva dire anche Mihajlovic contro Garcia, due tecnici giunti alle battute finali (secondo gli addetti ai lavori) e “dipendenti” dal risultato di questa partita. Forse solo il pareggio avrebbe potuto prolungare la permanenza sulle rispettive panche e pareggio è stato. Un tempo per una e un gol per parte determinano il risultato finale. Reti di Rùdiger e Kucka.  

Inter e Sassuolo si affrontano a viso aperto dando vita ad una gara densa d’emozioni e colpi di scena. Belle giocate da una parte e l’altra e palma di miglior giocatore ai due portieri, capaci di autentici miracoli. Non riesce però, al portiere dell’Inter, di neutralizzare un rigore decretato nei secondi di recupero che determina il risultato finale. Rete di Berardi.

Il Genoa si sveglia dal lungo letargo e dopo la scoppola nella stracittadina risorge a Bergamo dove, contro l’Atalanta, ritrova quei tre punti che servono per allontanarsi dalla zona pericolosa. Primo tempo giocato meglio dai locali e secondo a favore dei rossoblù. Reti di Dzemail e Pavoletti.

Battuta d’arresto del Bologna dopo una lunga serie positiva contro il Chievo. Decisivo è stato il calcio di rigore fallito dal Bologna nel primo tempo (battuto da Destro) che ha rivitalizzato i clivensi i quali, grazie ai tre punti, adesso viaggiano tranquillamente a metà classifica. Rete di Pepe.

Il Napoli travolge il Frosinone e si laurea campione d’inverno. Dopo la solita fase di studio gli uomini di Sarri hanno preso in mano la situazione e meritato con mai la vittoria. Reti di Sammarco, Albiol, Higuain (2), Hamsik e Gabbiadini.

 Al Palermo basta una sola rete per avere la meglio su un Verona spuntato e ormai, vista la posizione di classifica, ormai quasi rassegnato. Tre punti che portano i siciliani un po più lontano dalla zona pericolosa. Rete di Vazquez.

L’Empoli dei miracoli espugna anche il campo del Torino e adesso viaggia in piena zona Europa League. Piena crisi invece per i granata che da oggi avranno a che fare anche con una dura contestazione dei tifosi. Rete di Maccarone.

La Sampdoria aveva tanta voglia di ripetere l’impresa compiuta contro il Genoa ma alla Juventus serviva una vittoria per raggiungere l’Inter e mettersi a due punti dal Napoli. Operazione andata a buon fine per i bianconeri che pur soffrendo sul finire di gara, riescono ad espugnare il Ferraris e continuare a sognare il tricolore. Reti di Cassano, Pogba e Khedira.

Risultati

Carpi-Udinese 2-1; Fiorentina-Lazio 1-3; Roma-Milan 1-1; Inter-Sassuolo 0-1; Atalanta-Genoa 0-2; Bologna-Chievo 0-1; Frosinone-Napoli 1-5; Verona-Palermo 0-1; Torino-Empoli 0-1; Sampdoria-Juventus 1-2

Classifica

Napoli 41; Juventus e Inter 39; Fiorentina 38; Roma 34; Sassuolo* 31; Empoli 30; Milan 29; Lazio 27; Chievo 26; Atalanta e Udinese 24; Sampdoria 23; Torino* e Bologna 22; Palermo 21; Genoa 19; Frosinone 15; Carpi 14; Verona 8.

L’ultima giornata del 2015 si chiude con un gruppo di cinque squadre racchiuse in quattro punti, Inter, Napoli, Fiorentina, Juventus e Roma, tutte vittoriose tranne la capolista, che contro la Lazio lascia per strada tre punti e la tranquillità. Non molla la Juventus che continua ad avvicinarsi alla vetta ma soprattutto stupisce l’Empoli che grazie alla quarta vittoria di fila raggiunge meritatamente una posizione da Uefa League. In fondo alla classifica si fa sempre più critica la posizione del Genoa che gioca abbastanza bene ma perde da ormai troppo tempo. In ripresa Sampdoria e Lazio, entrambe vittoriose contro Palermo e Inter.

L’Empoli sbanca il dall’Ara e ferma la rimonta del Bologna grazie alla quarta vittoria di fila che proietta i toscani in ottima posizione di classifica, addirittura Uefa League, gli emiliani invece rimangono abbastanza distanti dalla zona pericolosa. Reti di Maccarrone (2), Pucciarelli, Brienza e Destro.

La Juventus vince anche a Carpi e continua ad avvicinarsi alla vetta della classifica, i bianconeri si sono complicati la vita a causa di qualche errore di troppo ma alla fine, nonostante il disappunti di Allegri, riescono a conquistare l’intera posta mentre il Carpi rimane ancora al penultimo posto. Reti di Borriello, Bonucci (autorete), Mandzukic (2) e Pogba.

Il Napoli soffre contro l’Atalanta ma alla fine di novanta minuti tiratissimi gli uomini di Sarri, grazie anche alle solite reti di Higuain, tornano a casa con tre punti in saccoccia e la seconda posizione in classifica, sempre braccetto della Viola. Reti di Gomez, Hamsik e Higuain (2).

Netta e rotonda vittoria della Fiorentina che con un risultato all’inglese si sbarazza del Chievo e mantiene la seconda posizione della classifica insieme ai partenopei. Risultato mai messo in discussione e gran possesso palla e di campo della viola. Reti di Kalinic e Ilicic.

Il Verona, che ancora in questo campionato non ha mai vinto, ci riesce anche in casa contro il Sassuolo e tanto basta par mantenere viva la fiammella della speranza. Buona anche la prova degli emiliani che da qualche gara vanno un po a rilento. Reti di Toni e Floccari.

La Roma esce dalla crisi e contro il Genoa trova quella vittoria che salva la panchina di Garcia e allontana gli spettri della contestazione, storia opposta per i rossoblu che rimediano la quarta sconfitta consecutiva e ora sono in piena zona retrocessione. Reti di Florenzi e Umar.    

Il Milan riesce e battere il Frosinone a domicilio e tornare a Milano con tre punti d’oro. Nonostante l’ottima prova dei frosinati i rossoneri hanno fatto valere il maggior tasso tecnico dei propri giocatori che raggiungono così una tranquilla posizione di classifica. Reti di Ciofani, Dionisi, Abate, Alex, Bonaventura e Bacca.

La Sampdoria di Vincenzo Montella ritrova la vittoria dopo tempo memorabile e contro il Palermo del neo Ballardini oltre alla fiducia sorpassa in classifica proprio i rosa nero. Reti di Soriano e Ivan.

Battuta d’arresto casalinga per il Torino che contro l’Udinese incappa in una giornata da dimenticare infatti, nonostante la superiorità numerica i granata chiudono in attacco ma senza raccogliere nulla, se non i fischi a fine gara. Rete di Perica.

Nel posticipo serale l’Inter scende in campo contro la Lazio con un solo obiettivo: vincere e mantenere le distanze dal duo Napoli-Fiorentina ma soprattutto dal prepotente ritorno della Juventus. Alla fine è Lazio che conquista l’intera posta grazie alla scarsa lucidità dei nerazzurri e alla doppietta di Candreva che annulla la rete realizzata nel frattempo da Icardi.

Risultati

Bologna-Empoli 2-3; Carpi-Juventus 2-3; Atalanta-Napoli 1-3; Fiorentina-Chievo 2-0; Verona-Sassuolo 1-1; Roma-Genoa; Torino-Udinese; Frosinone-Milan; Sampdoria-Palermo; Inter-Lazio

Classifica

Inter 36; Fiorentina e Napoli 35; Juventus 33; Roma 32; Milan 28; Empoli e Sassuolo 27; Atalanta 24; Lazio 23; Chievo e Torino 22*; Sampdoria 20; Bologna 19; Palermo e Udinese 18; Genoa 16; Frosinone 14; Carpi 10; Verona 8.

* Sassuolo e Torino una partita in meno

Prossimo turno

Chievo-Roma; Empoli-Inter; Genoa-Sampdoria; Juventus-Verona; Lazio-Carpi; Milan-Bologna; Napoli-Torino; Palermo-Fiorentina; Sassuolo-Frosinone; Udinese-Atalanta.

Riflettori puntati su Inter e Juventus, capaci di mantenere i nervi saldi nei momenti cruciali, bravi i neroazzurri a vincere in trasferta contro l’Udinese e mantenere la prima posizione e bravi i bianconeri, che “schiantano” la pur forte Fiorentina e, superando in classifica anche la Roma, ora si trovano a meno sei punti dalla vetta. Ottima anche la vittoria dell’Empoli che accarezza ora un sogno chiamato Europa League. In fondo alla classifica, il Verona raccoglie un punticino che non serve a nulla mentre Carpi e Frosinone rimangono sempre li. Livello di massima allerta per Genoa e Sampdoria, incappate in un periodo di risultati a dir poco “imbarazzanti”, rossoblù sconfitti in casa dal Bologna e blucerchiati che pareggiano contro la Lazio ma con fatica.

Il Bologna espugna il Ferraris e contemporaneamente supera il Genoa in classifica e si piazza in una posizione abbastanza tranquilla. Per la squadra di Roberto Donadoni si tratta di un record infatti con lui in panca in quattro partite sono arrivate tre vittorie e un pareggio. La squadra di Gasperini invece precipita, in piena zona retrocessione. Rete di Rossettini.

Netta e prima vittoria del Palermo “targato” Ballardini, i rosanero vincono lo contro diretto contro il Frosinone e si tirano leggermente fuori dalla mischia per non retrocedere. Brutta tegola per i frosinati che rimangono ssoli al terz’ultimo posto. Reti di Goldaniga, Vàzquez, Aleksandar, Trajkovski e Sammarco.

L’Inter scoppia di salute e contro l’Udinese dimostra quanto di buono sta facendo Roberto Mancini, quattro reti senza subirne alcuna la dicono lunga sullo stato di salute di entrambe. Anche e in chiara emergenza i friulani hanno pagato a caro prezzo la superiorità degli avversari. Reti di Icardi (2), Jovetic e Brozovic.

Sassuolo e Torino è stata rinviata a causa della nebbia.

Con una rete di Birsa e un calcio di rigore sbagliato il Chievo batte l’Atalanta e fa un grande passo in avanti verso una zona decisamente più tranquilla. Seconda vittoria consecutiva per i veneti mentre l’Atalanta paga cara alcune assenze.

L’Empoli rifila tre reti al malcapitato Carpi e ora sogna in grande, infatti adesso i toscani, che hanno ben sette punti in più rispetto all’Empoli di Sarri, si trovano in piena zona Uefa e, cosa ancor più confortante, grazie a un gioco bello a vedersi e redditizio. Reti di Maccarrone (2) e Saponara.

Il Milan non riesce più a vincere e contro il Verona, ultimo in classifica, non riesce ad andare oltre il pareggio. La squadra di Mihajlovic gioca a sprazzi e non si lascia sfuggire l’occasione la squadra di Del Neri che tenta un miracolo impossibile ma audace. Reti di Bacca e Toni.

  

Finisce in parità lo scontro al vertice fra Napoli e Roma. Più attivi e pericolosi i partenopei che pur creando almeno sette otto palle gol non trovano lo spiraglio giusto, i giallorossi giocano e puntano tutto sulle ripartenze ma a parte un gol annullato (giustamente) si rendono pericolosi rarissimamente.

La Fiorentina, in visita alla Juventus, vincendo aveva la possibilità di staccare il Napoli, appaiata con essa in seconda posizione, e contemporaneamente avvicinarsi all’Inter, ma allo Juventus Stadium e con la Juve di questi tempi l’impresa è più che ardua. Infatti il tre a uno finale ribadisce la ritrovata forza dei bianconeri e la scarsa lucidità dei viola quando si tratta confermarsi in alte sfere. Reti di Cuadrado, Mandzukic, Dybala e Ilicic.    

Lazio e Sampdoria s’incontrano in un momento di estrema difficoltà dovuta agli scarsi risultati e al malcontento della piazza. Alla fine di novanta minuti poco entusiasmanti, entrambe portano a casa un punto che serve, soprattutto ai doriani che dopo tre sconfitte trovano il pareggio nei minuti di recupero. Reti di Matri e Zukanovic.

Risultati

Genoa-Bologna 0-1; Palermo-Frosinone 4-1; Sassuolo-Torino rinviata; Udinese-Inter 0-4; Chievo-Atalanta 1-0; Empoli-Carpi 3-0; Milan-Verona 0-0; Napoli-Roma 0-0; Juventus-Fiorentina 3-1; Lazio-Sampdoria 1-1  

Classifica

Inter 36; Fiorentina e Napoli 32; Juventus 30; Roma 29; Sassuolo 26*; Milan 25; Empoli e Atalanta 24; Chievo e Torino 22*; Bologna e Lazio 19; Palermo e Udinese 18; Sampdoria 17; Genoa 16; Frosinone 14; Carpi 10; Verona 7.

* Sassuolo e Torino una partita in meno

Prossimo turno

Bologna-Empoli; Carpi-Juventus; Atalanta-Napoli; Fiorentina-Chievo; Verona-Sassuolo; Roma-Genoa; Torino-Udinese; Frosinone-Milan; Sampdoria-Palermo; Inter-Lazio

Il Napoli, forse sofferente di vertigini per l’alta posizione di classifica, a Bologna e dopo quindici partite utili consecutive, perde in sul colpo partita e primo posto, ne approfittano subito l’Inter che soffre batte il Genoa e riconquista la vetta, e la Fiorentina che “umilia” l’Udinese e si piazza dietro ai nerazzurri, la Roma rallenta contro il Torino ma, sopra tutte, onore e merito alla Juventus che continua a macinare punti e contro la Lazio conquista tre punti che valgono il quinto posto a soli sei punti dalla testa della classifica. A metà di questa si assestano dignitosamente Sassuolo, Milan, Atalanta, Torino ed Empoli, mentre Genoa e Sampdoria, si ritrovano inaspettatamente a un passo dalla zona retrocessione. Ancora una sconfitta e sempre più ultime e distanti dalla salvezza, Verona e Carpi.  

Continua imperterrita la “precisa e calcolata” marcia della Juventus verso la vetta della classifica, questa volta a farne le spese è stata una Lazio che mai ha messo in difficoltà gli avversari, apparsi in gran forma atletica e psicofisica. Piena crisi per i romani che ora sono, anche, alle prese con una precaria classifica. Reti di Gentiletti (aut.) e Dybala.

Rocambolesco pareggio fra Torino e Roma che per tutta la gara si sono annullate a vicenda fino al gol di Pjanic a sette minuti dal termine, che avrebbe rilanciato i suoi all’inseguimento della capolista, ma a quarto minuto di recupero Lopez trasforma un calcio di rigore e ristabilisce la parità.  

L’Inter soffre ma alla fine riesce a battere il Genoa col solito minimo scarto. Buona la partita degli ospiti che non approfittano di qualche errore di troppo della difesa neroazzurra e, invece, subiscono la rete su calcio piazzato battuto da Ljaljc. Inter in ripresa ma evidentemente tanto basta per rimanere lassù.

Contro il Bologna il Napoli aveva il non facile compito di confermarsi capolista e quando alla fine del primo tempo gli azzurri sono andati giù negli spogliatoi con due reti sul groppone, sembrava vivere un’altra realtà perchè quelli in testa alla classifica sembravano i rossoblù felsinei. Anche nella ripresa il gioco lo comanda il Bologna che infatti trova la terze rete. Il Napoli segna due gol negli ultimi minuti ma ormai la frittata è fatta. Reti di Destro (2), Rossettini e Higuain (2).

Netta vittoria dell’Atalanta contro un Palermo che, evidentemente, ha patito del cambio allenatore in corsa, ecco perché alcune voci di corridoio vedrebbero l’immediato ritorno in panca di Beppe Iachini, sicuramente più amato dalla folla rispetto il “foresto” Ballardini. Reti di Denis, Cherubin e De Roon.     

La Fiorentina “straccia” l’Udinese e, approfittando della contemporanea sconfitta del Napoli, si riporta in seconda posizione alle spalle dell’Inter capolista. Viola più determinati e capaci di imbrigliare le poche giocate dei friulani. Reti di Badelj, Ilicic e Rodriguez.  

Importante vittoria esterna del Chievo che batte nello scontro diretto per non retrocedere la neo promossa Frosinone. Padroni di casa sfortunati e imprecisi sotto porta mentre i clivensi hanno sfruttato appieno, a pochi minuti dal termine, le uniche occasione per colpire. Reti di Paloschi e Meggiorini.

Il Verona perde in casa anche contro l’Empoli e mette a serio rischio la permanenza in serie A, infatti ora all’ultimo posto la distanza comincia dalla terzultima comincia a farsi sentire pesantemente. Non è quindi servito agli scaligeri il cambio in corsa dell’allenatore, per Del Neri ci sarà solo la possibilità di un miracolo. Rete di Costa.

La Sampdoria prende una sonora scoppola dal Sassuolo e ora vede il baratro della zona retrocessione. Incredibile deblache casalinga che regala a Vincenzo Montella la terza sconfitta su tre partite da quando è arrivato, un ruolino di marcia deprimente che rilega momentaneamente i doriani a soli tre punti dalla terzultima. Ineccepibile e da incorniciare la prova degli emiliani, apparsi di gran lunga superiore ai più quotati avversari. Reti dsi Acerbi, Floccari, Vrsaljko e Zukanovic.  

Il Milan scende a Carpi con l’intento di vincere e inserirsi nel gruppo che conta ma gli emiliani, grazie a anche alle strepitose parate del portiere, riescono a uscire imbattuti e conquistare un punto che, vista la classifica e salvo qualche improbabile miracolo, serve solo alla morale e alla storia.

Risultati

Lazio-Juventus 0-2; Torino-Roma 1-1; Inter-Genoa 1-0; Bologna-Napoli 3-2; Atalanta-Palermo 3-0; Fiorentina-Udinese 3-0; Frosinone-Chievo 0-2; Verona-Empoli 0-1; Sampdoria-Sassuolo 1-3; Carpi-Milan 0-0

Classifica

Inter 33; Fiorentina 32; Napoli 31; Roma 29; Juventus 27; Sassuolo 26; Atalanta e Milan 24; Torino 22; Empoli 21; Lazio e Chievo 19; Udinese 18; Bologna, Genoa e Sampdoria 16; Palermo 15; Frosinone 14; Carpi 10; Verona 6.

Prossimo turno

Genoa-Bologna; Palermo-Frosinone; Sassuolo-Torino; Udinese-Inter; Chievo-Atalanta; Empoli-Carpi; Milan-Verona; Napoli-Roma; Juventus-Fiorentina; Lazio-Sampdoria  

La quattordicesima giornata del massimo campionato italiano regala lacrime amare alle città di Roma, Genova e Verona, infatti le rispettive squadre Lazio, Roma, Genoa, Sampdoria, Chievo e Verona hanno rimediato clamorose sconfitte le quali, ognuna a modo suo, hanno portato gravi conseguenze alla classifica. Roma e Lazio perdono momentaneamente la possibilità di rimanere nelle alte zone, Chievo, Genoa e Sampdoria si ritrovano a braccetto a tre soli punti dalla zona calda mentre il Verona, addirittura solo all’ultimo posto. Segni di ripresa per il Milan che umilia la Sampdoria e prima vittoria esterna nella massima serie del Carpi. La Juventus continua a macinare punti e ora si trova di nuovo in mezzo alla lotta per il tricolore, in vetta alla classifica, perde terreno la Fiorentina mentre il Napoli batte l’Inter e comincia a sognare in grande.

L’importante posticipo serale del lunedì metteva di fronte Napoli contro Inter, con in partenopei consapevoli che una vittoria li avrebbe proiettati soli in vetta alla classifica. Infatti la partenza è da brividi perché dopo pochi minuti grazie al solito e micidiale Higuain i partenopei si trovano in vantaggio e rischiano poco dopo, addirittura di raddoppiare. Nella ripresa ancora Higuain regala la gioia del raddoppio e la rete Ljajic illude i nerazzurri ma niente di più.

La Fiorentina pareggia contro il Sassuolo e, anch’essa, butta alle ortiche la possibilità di raggiungere la vetta della classifica. Gioco equilibrato nella prima frazione che, in virtù delle reti siglate da Borja Velero e Floccari si chiude sul pareggio, nella ripresa la viola spinge il pedale dell’acceleratore ma il Sassuolo resiste e conquista quel punto che gli permette di rimanere alle spalle delle migliori.  

Torino e Bologna: una contro l’altra entrambe alla ricerca di un risultato che possa permettere loro di dare ossigeno a una classifica abbastanza deficitaria, soprattutto quella felsinea. Risultato ottenuto però solo dai granata che concretizzano, con le reti di Belotti e Vives, una miglior organizzazione di gioco e idee.

La Sampdoria di Vincenzo Montella scende alla Scala del calcio italiano per affrontare il Milan di Sinisa Mihajlovic, un intreccio di ex giocatori ed ex allenatori che da alla gara quel fascino in più. Nessun problema per i rossoneri che si trovano con la strada spianata grazie a due svarioni difensivi degli ospiti che già alla mezz’ora quindi, si trovano sul doppio vantaggio. La stessa cosa si ripete nella ripresa e alla fine i doriani tornano a casa con una cocente e imbarazzante sconfitta che toglierà il “sonno” al neo allenatore Montella. Reti di Bonaventura, Niang (2), Adriano e ed Eder.    

Dopo la sonora batosta subita martedì scorso con il Barcellona, la Roma affronta in casa l’Atalanta col chiaro intento di salvare la faccia e risollevare il morale ma al termine esce dal campo con un’altra sconfitta meritata e la contestazione dei tifosi. Meritata la vittoria degli orobici che migliorano sensibilmente la già felice posizione di classifica, la Roma invece frena in prospettiva scudetto: le altre sembrano un gradino superiori. Reti di Gomez e Denis.

Seconda vittoria consecutiva dell’Udinese che espugna il campo del Chievo e bissa meritatamente la vittoria contro la Samp. Reti di Paloschi, Inglese, Frey e Thereau (2). Sensibile passo avanti dei friulani che in un sol colpo superano Genoa, Sampdoria e Chievo.  

Importantissima vittoria del Frosinone che batte il Verona e mette alle spalle tre squadre: Bologna, Carpi e appunto Verona. I frosinati si stanno adattando alla massima serie e proprio in casa stanno gettando le basi per costruire una difficile ma non impossibile salvezza. Notte fonda per gli scaligeri, ultimi e soli in fondo alla classifica. Reti di Ciofani (2), Dionisi, Viviani e Moras.

Prima vittoria esterna del Carpi che in casa del Genoa coglie la massima posta, castigando i rossoblù nei minuti di recupero e grazie a un po di fortuna. Non che la squadra di Castori migliori la classifica anzi, ma il morale alto a volte serve e gli emiliani ci provano. Reti di Figueiras, Borriello e Zaccardo.

Con una rete di Tonelli ad inizio gara, l’Empoli batte la Lazio e da una significativa svolta alla lotta per la salvezza. Infatti i toscani raggiumgono l’Udinese a metà classifica. Per i biancocelesti l’ennesima partita insignificante in trasferta.

La Juventus batte a domicilio il Palermo e si porta a ridosso delle “quattro” che si stanno alternando in vetta alla classifica dall’inizio del campionato, Inter, Napoli, Fiorentina e Roma. Ora i bianconeri, dopo una rincorsa durata qualche mese, tornano a pieno titolo in corsa per il tricolore. Reti di Mandzukic, Sturaro e Zaza.

Risultati

Torino-Bologna 2-0; Milan-Sampdoria 4-1; Chievo-Udinese 2-3; Frosinone-Verona; Genoa-Carpi; Roma-Atalanta; Empoli-Lazio; Palermo-Juventus 0-3; Sassuolo-Fiorentina 1-1; Napoli-Inter 2-1

Classifica

Napoli 31; Inter 30; Fiorentina 29; Roma 27; Juventus 24; Milan e Sassuolo 23; Atalanta e Torino 21; Lazio 19; Empoli e Udinese 18; Genoa, Sampdoria e Chievo 16; Palermo 15; Frosinone 14; Bologna 13; Carpi 9; Verona 6.

Prossimo turno

Torino-Bologna; Milan-Sampdoria; Chievo-Udinese; Frosinone-Verona; Genoa-Carpi; Roma-Atalanta 0-2; Empoli-Lazio; Palermo-Juventus; Sassuolo-Fiorentina; Napoli-Inter.

Mirko Di Mauro, unico romano della nazionale, del Trullo, della scuola “Obiettivo karate Roma” di via di Monte delle Capre 23, rappresenterà la FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali) nei Campionati Mondiali Giovanili WKF (Word Karate Federation) in Indonesia.

 

L’atleta era già parte della Nazionale Italiana Cadet e Junior, insieme ad altri due compagni di allenamento dell’O.K.R., sempre del quartiere Trullo: Augusto Salvati categoria junior, plurimedagliato in campo Nazionale ed Internazionale e Roberto Mariani. la commissione CNAG Federale lo riconferma titolare nella squadra Cadet, costituita da 5 elementi dei diversi pesi, selezionandolo per l’avventura mondiale dopo la prima convocazione con lo scudetto tricolore sul cuore per la VeniceCup, Open mondiale di alto livello tecnico svoltosi lo scorso ottobre dove ben 22 diversi team, di ambito europeo e mondiale, sono venuti a testare gli atleti per questo importante evento indonesiano.

Un sintetico profilo sul ragazzo merita di essere fatto. Il ragazzo che abita nel quartiere Trullo, in via Arcidosso del Settimo Lotto, è del 2000 ma nonostante abbia appena 15 anni, è un quasi un minigigante per la sua età, le sue proporzioni: 183 cm di altezza per 81 kg di peso gli hanno regalato un soprannome : ‘’Branda’’ . Ne parliamo con il suo maestro Angelo Cialente.

“Mirko sfida un sogno che mi sento di condividere con lui. Dopo le lezioni di prova in palestra, circa due anni e mezzo fa, quando decise di frequentare il corso agonistico di karate nel quale si evidenziarono le sue promettenti doti psicomotorie, ma anche le sue tendenze alla pigrizia da play station, o da bivaccata nei lotti (n.d.r. sono i caseggiati del quartiere Trullo a Roma), gli promisi avanti ai genitori che: se avesse mostrato l’impegno che gli avrei richiesto nelle nostre sedute di allenamento e avesse disputato il calendario agonistico disponibile per stabilire obiettivi agonistici intermedi di verifica per la realizzazione del nostro sogno, gli avrei garantito un posto sul podio del campionato italiano 2015. Proprio questo si è realizzato anzi, ancora..meglio: in ottobre Mirko ha conquistato prima il titolo regionale, poi quello italiano. La promessa è stata ampiamente superata. Il “Branda”, come lo chiamiamo affettuosamente, è Campione Italiano Esordienti B +78” dice il maestro, e continua: “Mirko è arrivato alla conquista del campionato Italiano, e della cintura nera, lo stesso giorno del suo compleanno, il 10 ottobre 2015, dopo aver vinto sei incontri per l’aggiudicazione del titolo , e aver disputato nei mesi precedenti competizioni regionali, nazionali e internazionali, che lo hanno visto sul podio in posizione di medaglia ben 13 volte su 15. Anche i suoi compagni di allenamento hanno ottenuto delle classificazioni eccellenti. La nostra scuola è nelle prime 10 posizioni negli eventi agonistici, di open internazionali con presenza media di 300 società sportive e rappresentanze di team nazionali di ambito europeo, circa 2000 gli atleti in gara nelle varie categorie. Dopo   questi ultimi tre anni agonistici, fatti di costanti risultati positivi dei nostri atleti, siamo mirkonazstati coniati come “Il Trullo che Vince” e noi ne siamo contenti e stimolati”

Belle soddisfazioni! Credo che da parte sua e della sua scuola, per arrivare ad un simile traguardo non sia stato facile.

assolutamente no,” prosegue il maestro,” a noi adulti ha ricordato e insegnato che in un sogno ci vuole passione, fiducia, competenza e umiltà. Che dobbiamo cercare di incoraggiare e sostenere i ragazzi e le ragazze verso un sogno, una sfida che può essere, al di là dell’ esito finale, una grande premessa formativa per gli uomini e le donne del nostro futuro”.

Per i ragazzi?

ai ragazzi ha insegnato forse, prima di tutto, che è giusto e lecito sognare. Che è giusto impegnarsi intensamente per un sogno da raggiungere ma, soprattutto, che un sogno rimane un sogno se non c’è il dovuto impegno per costruirlo, e ha insegnato che a volte i sogni si Realizzano! Per noi il sogno continua e si amplifica: stiamo lavorando per una nuova convocazione con il Team della Nazionale Italiana per il Campionato Europeo di febbraio che si svolgerà a Cipro …e poi vedremo…..”

La Roma fermata a Bologna sul pareggio lascia momentaneamente il trono all’Inter, stessa cosa per la Fiorentina, che pareggia contro l’Empoli e ora viaggia in seconda posizione a braccetto del Napoli, che vince a Verona e ora sogna in grande. Alle spalle cade il Sassuolo a Genova e i fa otto prepotentemente la Juventus, che batte e inguiaia il Milan. Ottima rimonta del Genoa che si conferma quasi imbattibile fra le mura amiche ed ennesima sconfitta della Sampdoria, contro l’Udinese, che invece si conferma fragilissima lontano da casa. Sempre più sole Verona e Carpi, a ben sette punti dalla “salvezza”.   

Nell’anticipo pomeridiano del sabato, il Bologna di Roberto Donadoni mette alle corde la Roma fin dai primi minuti e, nonostante il pesante campo, va a riposo con due reti siglate: una (però) annullata e una valida, segnata da Masina. Il pareggio giunge nei primi minuti della ripresa grazie al rigore trasformato da Pjanic e il vantaggio lo firma, ancora su calcio di rigore, Dzeko. Sembra fatta per la Roma ma l’ex di turno, Mattia Destro, la punisce con l’ennesimo calcio di rigore a due minuti dal termine.  

Juventus e Milan, una di fronte all’altra per ribadire a gran voce, e possibilmente a suon di gol, che sono in ripresa e in crescente rincorsa verso la cima della vetta: soprattutto i padroni di casa. Gara però inizialmente poco avvincente infatti il primo intervento lo compie Donnarumma alla mezz’ora, da li in poi una occasione per parte e tutti negli spogliatoi sullo zero a zero. Nella ripresa la musica cambia poco ma ci pensa Dybala a rompere gli equilibri e regalare ai suoi una vittoria importante. Traballante la panchina di Mihajlovic.   

Montella non porta fortuna alla Sampdoria che a Udine allunga negativamente la “striscia” di gare in trasferta. L’Udinese infatti ottiene il massimo risultato col minimo sforzo (un solo tiro in porta contro i zero della Samp) evitando di farsi risucchiare nelle ultime tre posizioni, per contro sono i blucerchiati che, adesso, intravedono la zona pericolosa della retrocessione. Di Badu la rete della vittoria.

Con la rete di Bovo ad inizio ripresa, il Torino batte a domicilio l’Atalanta e la raggiunge a metà classifica. Prima sconfitta casalinga per i bergamaschi che non hanno mai messo in seria difficoltà gli avversari mentre in casa granata ritorna, dopo tanto tempo, il sorriso, soprattutto sulla bocca di Ventura.

Importante vittoria esterna del Chievo che, dopo due mesi di astinenza, contro il Carpi trova una vittoria scaccia crisi. Facile la vittoria dei veneti che negli avversari, non hanno trovato nulla di impossibile, anzi. Reti di Gamberini, Inglese e Meggiorini. 

La Fiorentina pareggia il derby contro l’ Empoli e lascia momentaneamente la testa della classifica. Partono fortissimo gli empolesi che alla mezz’ora si trovano già in vantaggio per due a zero, e anche meritatamente. La viola cerca di uscire dallo “stordimento” inaspettato ma la reazione si compie nella ripresa quando la doppietta di Kalinic pareggia le reti iniziali di Livaja e Buchel.

Incredibile Genoa! Ancora una volta la squadra di Gasperini trova il gol della vittoria nei minuti di recupero e la stessa vale contro il Sassuolo, perché quando gli emiliani avevano trovato il pareggio a 30 secondi dal termine, mai nessuno avrebbe immaginato che tanto sarebbe bastato al Genoa per trovare il gol vittoria. Reti di Rincon, Pavoletti e Acerbi.  

Piccolo passo indietro della Lazio che in casa, contro il Palermo, non va oltre l’uno a uno. Poche idee e tanto nervosismo, soprattutto in panchina dove giocatori litigano con lo staff tecnico, permettono ai rosanero di fare un piccolo passo avanti. Reti di Candreva e Goldaniga.

Netta vittoria del Napoli a Verona grazie alla quale la squadra di Sarri conquista la seconda posizione in classifica e, anche lei, da oggi è ufficialmente candidata alla vittoria finale. Inutili le recriminazioni a fine gara dei veneti gialloblù circa qualche rigore non concesso: troppo forte il Napoli. Reti di Insigne e Higuain.

Come da copione, l’Inter batte il Frosinone e mantiene a due distanze di lunghezza Fiorentina e Napoli. Frosinati pericolosi nella prima parte ma Biabiany, alla mezz’ora, e nella ripresa Icardi, Murillo e Brozovi contribuiscono alla goleada che, anche se l’avversario era molto modesto, fa sognare i tifosi neroazzurri.

Risultati

Bologna-Roma 2-2; Juventus-Milan 1-0; Udinese-Sampdoria 1-0; Atalanta-Torino 0-1; Carpi-Chievo 1-2; Fiorentina-Empoli 2-2; Genoa-Sassuolo 2-1; Verona-Napoli 0-2; Lazio-Palermo 1-1; Inter-Frosinone 4-0.

Classifica

Inter 30; Fiorentina e Napoli 28; Roma 27; Sassuolo 22; Juventus 21; Milan 20; Lazio 19; Atalanta e Torino 18; Genoa, Sampdoria e Chievo 16; Palermo, Udinese ed Empoli 15; Bologna 13; Frosinone 11; Verona e Carpi 6.

Prossimo turno

Torino-Bologna; Milan-Sampdoria; Chievo-Udinese; Frosinone-Verona; Genoa-Carpi; Roma-Atalanta; Empoli-Lazio; Palermo-Juventus; Sassuolo-Fiorentina; Napoli

E’ un racconto – una Storia – lunga e appassionante che percorre quasi due secoli di vita dell’automobile, quella che Massimo Chierici racconta con puntigliosa dovizia di aneddoti “storici”, foto d’epoca e inedite curiosità, nel volume “4 ruote parmigiane” (edizioni MUP, euro 20.00).

Ma non solo “parmigiane” : oltrepassando i confini dell’ex Ducato di Maria Luigia, le pagine raccontando la storia della passione senza limiti o confini per l’automobile che segnò un periodo felice e irripetibile della produzione italiana del settore.

Il territorio di Parma e il Parmense, nel cuore dell’Emilia Romagna, sin dalla fine dell’Ottocento, ha rappresentato una fertile fucina, pionieristica e coraggiosa, di piccoli e grandi imprenditori che dalla creazione di prototipi di automobili (a due, tre o … quattro ruote!) talvolta fantasiosi ma spesso frutto di straordinarie intuizioni, arrivarono alla realizzazione di modelli le cui tecnologie genialmente avveniristiche dettero spesso vita ad autentici successi riconosciuti e ambiti a livello internazionale.

Nomi di risonanza internazionale quale ad esempio la Dallara, Casa automobilistica nella cui sede principale di Varano Melegari – Parma, vengono prodotti i super bolidi di Formula 3 oggi richiesti ed apprezzati in tutto il mondo. Come spiega Chierici nel capitolo dedicato alla Dallara : ”A partire dal 2005 la Formula 3000 viene sostituita dalla GP2, laviosa auto 5 copiacategoria propedeutica alla Formula 1 con gare che si disputano sugli stessi tracciati e nelle stesse giornate di gara della serie maggiore. Dalla sua istituzione fino ai giorni nostri, la Dallara è la fornitrice unica dei telai per tutte le squadre che prendono parte al Campionato. “

Ma non solo Dallara : Chierici racconta la storia di felici intuizioni e di basilari sperimentazioni che dettero radici e vita a particolari realizzazioni firmate da Attilio e Romano Bertolini (lamiere per auto da competizione), Giuseppe e Aldo Compiani, Carlo Laviosa l’ingegnere che costruì un prototipo d’automobile che venne esposto al Salone dell’auto di Torino nel 1906.

Certamente un volume originale, appassionante anche per chi non è schiavo della “febbre” automobilistica : una galleria storica tracciata da foto d’ epoca, da avvenimenti e personaggi che affascinano il lettore e lo trascinano sulle tracce della lunga storia dell’automobile, eterno desiderio in costante divenire dell’ uomo e della donna : di ieri e di oggi.                              

© 2022 FlipNews All Rights Reserved