L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Sport (205)

 

Rino R. Sortino

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

 Chievo, Sassuolo e Torino forse patiscono i brividi d’alta classifica perché tutte avevano la possibilità, con una vittoria, di conquistare o andare vicinissima alla vetta ma una pareggia contro il Verona e l’altre due perdono, contro Empoli e Carpi, quindi niente sogni e, nonostante la buona classifica, piedi ben piantati per terra. Prima vittoria del Carpi che in un sol colpo si mette alle spalle Verona, Frosinone e Bologna. Pareggiano le due genovesi contro Inter e Udinese mentre, udite udite, la Juventus vince e si tira fuori dalla zona retrocessione. Ancora uno stop per il Milan, messo sotto dal Napoli. Appuntamento per la prossima giornata a sabato 17 ottobre, visto che il campionato si ferma per far spazio alla nazionale di Antonio Conte.

Il Carpi conquista la prima storica vittoria nella sua prima serie A contro il Torino, che oltre a perdere la partita perde la possibilità di conquistare, anche se provvisoriamente, la vetta della classifica. Primo tempo da sbadigli ma nella ripresa passa il Carpi su autorete, raddoppia in contropiede ma al gol della bandiera non segue quello del pareggio. Reti di Padelli (aut.), Matos e Lopez.  

Botta e risposta nel derby veneto fra Chievo e Verona finito in parità. Vanno in vantaggio gli scaligeri a venti minuti dal termine con Pisano (rete contestata vivamente e forse a ragione) ma a poco dal termine i clivensi, con Castro, raggiungono un pareggio che li tiene nei quartieri alti della classifica. Verona invece ultimo in classifica.  

Il Sassuolo perde dopo undici turni consecutivi e a Empoli lascia la speranza di agganciare la prestigiosa prima piazza della classifica. Il miglior Empoli della stagione ha strameritato la vittoria che è giunta a pochi minuti dal termine grazie al solito colpo di testa di Maccarrone.

La Sampdoria ferma l’Inter in casa e rischia di vincere. Molto meglio la squadra di Zenga rispetto a quella di Mancini ma il pareggio alla fine non dispiace a nessuno. Doriani in avanti con Muriel e ospiti che trovano il pareggio grazie a una dormita difensiva dei blucerchiati, firmato da Perisic.  

Goleada della Roma in casa del malcapitato Palermo, i giallorossi di Roma segnano tre reti nei primi minuti riscattando in parte la brutta figura fatta qualche giorno prima in Champions League. Niente da fare per il Cagliari, troppo debole oggi. Reti di Gilardino, Gonzales, Pjanic, Florenzi e Gervinho (2).

Udinese e Genoa pareggiano conquistando rispettivamente il primo punto in casa e il primo punto in trasferta. Entrambe alla ricerca della forma migliore non disputano la miglior partita possibile. Reti di Di Natale e Perotti (rig).

La Juventus trova una vittoria netta ma sudata contro la neo promossa Bologna. Reti di Morata, Dybala, Khedira e Mounier.

La Lazio batte il Frosinone grazie alle reti segnate da Keita e Djordjevic negli ultimi dieci minuti. Ospiti sicuramente migliori dei biancocelesti che però, grazie alla maggior esperienza riescono ad avere la meglio contro una neopromossa che sta prendendo, ancora, le misure alla massima serie.

Il Milan soffre in casa contro il Napoli che passa subito in vantaggio con Allan mettendo in grave difficoltà i rossoneri, la reazione dei padroni di casa consiste in un maggior possesso palla che però non porta a niente, addirittura porta al raddoppio del Napoli ad inizio ripresa con Insigne, che praticamente chiude la gara e condanna il Milan ancora al purgatorio. Le altre reti, quella dell’apoteosi partenopea, sono state segante ancora da Insigne, che firma così la tripletta e si porta a casa il pallone della gara.

La Fiorentina sente profumo di testa della classifica e contro l’Atalanta (in dieci uomini dopo pochi minuti) non si lascia scappare l’occasione di conquistare l’intera posta e, di conseguenza, la testa in solitaria della classifica. Reti di Ilicic, Borja Valero e Verdù.

Risultati

Carpi-Torino 2-1; Chievo-Verona 1-1; Empoli-Sassuolo 1-0; Palermo-Roma 2-4; Sampdoria-Inter 1-1; Udinese-Genoa 1-1; Juventus-Bologna 3-1; Lazio-Frosinone 1-0; Fiorentina-Atalanta 2-0; Milan-Napoli 0-4.

Classifica

Fiorentina 18; Inter 16; Lazio 15; Roma 14; Torino 13; Napoli, Chievo e Sassuolo 12; Sampdoria e Atalanta 11; Milan 9; Juventus 8; Udinese, Genoa, Empoli e Palermo 7; Carpi 5; Verona e Frosinone 4; Bologna 3.

Prossimo turno

Roma-Empoli; Torino-Milan; Bologna-Palermo; Atalanta-Carpi; Frosinone-Sampdoria; Genoa-Chievo; Verona-Udinese; Napoli-Fiorentina; Sassuolo-Lazio; Inter-Juventus.

L’ennesima sconfitta della Juventus rilega la squadra bianconera nei bassifondi della classifica, cade anche l’Inter contro una Fiorentina che la umilia sul proprio terreno e la raggiunge in classifica, alle loro spalle si fanno largo Torino, Lazio e Sassuolo, seguite da Atalanta, Roma e Chievo. Scivolone anche per il Milan, sconfitto a Genova, Bologna e Palermo. In fondo alla classifica rimane statico, forse troppo, il Carpi, ancora troppo debole rispetto tutte le altre squadre, come ad esempio il Frosinone che, trovando la prima vittoria, ha trovato fiducia, morale e classifica.

La Roma rifila cinque reti al malcapitato Carpi dimenticando in fretta la confitta patita nel turno infrasettimanale contro la Sampdoria. Troppo facile per la squadra di Garcia contro una squadra alla ricerca della prima vittoria che, a questo punto, chissà quando arriverà… Di Borriello per gli ospiti e di Manolas, Pjanic, Gervinho, Salah e Digne le reti della partita.

Mai Napoli e Juventus si erano incontrate così in basso in classifica e con un bottino totale di soli undici punti in cinque gare. Incontro quindi importante per uscire dall’anonimato e incominciare a fare sul serio che alla fine ha visto vincere il Napoli, capace di giocare per novanta minuti ad alto livello. Ancora una gara opaca per i bianconeri che si allontanano “momentaneamente” dal sogno scudetto. Reti di Insigne, Higuain e Leminia.

Mihajlovic torna a Genova per affrontare il Genoa e torna a Milano con le pive nel sacco. Al Genoa è bastata una autorete sul tiro di Dzemail per avere la meglio su un Milan che si è affidato troppo alle risorse di Balotelli, il più attivo dei suoi.  

L’Udinese trova la seconda vittoria a Bologna e inguaia i felsinei in fondo alla classifica. Entrambe hanno giocato una bella partita la maggior convinzione degli ospiti ha permesso loro di conquistare l’intera posta. Reti di Mounier, Badu e Zapata.

Seconda vittoria consecutiva della Lazio che batte a domicilio il Verona e si ripresenta nei quartieri alti della classifica. I veneti accusano troppo, forse, le assenze di Luca Toni e Borriello ma oggi la Lazio è apparsa più concentrata e convinta dei propri mezzi.

Uno a uno fra Sassuolo e Chievo, due le miglior squadre del campionato fino a questo punto. Defrel porta subito in vantaggio ma Pepe pareggia meritatamente verso la mezz’ora. Ottimo terzo posto per gli emiliani con il Chievo a braccetto della Roma, subito dietro.

Il Torino vince di misura contro il Palermo e conquista sorprendentemente ma non troppo, la seconda posizione a due punti dal duo di testa Inter-Fiorentina. Ottima prova dei granata che nonostante le molte assenze sopperiscono con determinazione e volontà. Reti di Benassi, Gonzales (autorete) e Gonzales

La Fiorentina rifila tre reti nei primi minuti all’Inter e gli infligge una sonora e cocente sconfitta (quattro a uno il risultato finale) che riporta la squadra di Mancini un po più “normale”. Fatale quindi per i nerazzurri la sesta giornata ma magica per la Fiorentina che aggancia i nerazzurri i vetta alla classifica. Reti di Kalinic (3), Ilicic e Icardi.

Frosinone ed Empoli si sono studiate per tutto il primo tempo e nella ripresa si sono affrontate a viso aperto. Gara quindi piacevole, soprattutto per il Frosinone che conquista la sua prima storica vittoria in serie A grazie alla doppietta di Dionisi.

La Sampdoria perde contro l’ Atalanta e trova così la seconda sconfitta stagionale, fatto negativo che non gli permette di mantenere una certa continuità di risultati e di gioco. Bergamaschi in rete con autorete di Mosnaider e raddoppio di Denis, inutile la rete di Soriano a novantaquattresimo.  

 

Risultati

Roma-Carpi 5-1; Napoli-Juventus 2-1; Genoa-Milan 1-0; Bologna-Udinese 1-2; Verona-Lazio 1-2 Sassuolo-Chievo 1-1; Torino-Palermo 2-1; Inter-Fiorentina 1-3; Frosinone-Empoli 2-0; Atalanta-Sampdoria 1-0.

Classifica

Inter e Fiorentina 15; Torino 13; Lazio e Sassuolo 12; Atalanta, Chievo e Roma 11; Sampdoria 10; Milan e Napoli 9; Palermo 7; Udinese e Genoa 6; Juventus 5; Empoli e Frosinone 4; Verona 3; Carpi 2.

 

Prossimo turno

Carpi-Torino; Chievo-Verona; Empoli-Sassuolo; Palermo-Roma; Sampdoria-Inter; Udinese-Genoa; Juventus-Bologna; Lazio-Frosinone; Fiorentina-Atalanta; Milan-Napoli.

La quarta giornata di campionato giunge dopo un intenso ed emozionante turno infrasettimanale che ha visto impegnate Juventus e Roma in Champions League e Fiorentina, Napoli e Lazio in Europa League (vittoria bianconera in terra inglese, pareggio giallorosso contro il Barcellona; dilagano in Uefa Lazio e Napoli mentre la Fiorentina perde in casa contro il Basilea). Prima vittoria stagionale per Empoli, Napoli, Juventus e Bologna, ancora ferma a zero punti la neo promossa Frosinone mentre sembra non fermarsi l’Inter che coglie la quarta vittoria consecutiva. Ottimo il Torino che alle spalle dell’Inter ha iniziato come meglio non poteva.

L’Udinese contro l’Empoli era alla ricerca di una vittoria per non perdere terreno con le “troppe” squadre sopra e stessa cosa per i toscani, fermi al sol punto conquistato in tre gare. Hanno avuto la meglio, inaspettatamente e con merito, i ragazzi di Marco Gianpaolo che con le reti verso fine gara di Paredes e Maccarone, ha rimontato quella iniziale di Zapata. Prima vittoria per l’Empoli e “guai” eri per la panca di Colantuono.

L’Inter, grazie e Maurito Icardi, raccoglie la quarta vittoria di fila consolidando la prima posizione di classifica a punteggio pieno. Il Chievo gioca abbastanza bene ma sembra che in questo periodo alla squadra di Mancini giri per il verso giusto.

Milan e Palermo offrono tanti gol ma poco spettacolo: almeno quello atteso dai tifosi rossoneri. I rosanero rimontano per ben due volte le reti di Bacca e Bonaventura con la doppietta di Hiljermark, ma ancora una volta Bacca, a quindici dal termine, regala ai suoi compagni la vittoria che, per il momento, allontana i venti di crisi.

La Sampdoria gioca solo nel secondo ma non riesce a rimontare la doppietta dell’ex Quagliarella che ha chiuso il primo tempo. Buona prova del Torino che dopo un avvio fulminante ha contenuto la sfuriata degli avversari conquistando tre punti che la proiettano al secondo posto in classifica alle spalle della capolista nerazzurra.

Il Genoa oppone resistenza ma quando la sfortuna volta le spalle e di fronte hai una squadra che si chiama Juventus tutto può accadere. Come andare sotto a un minuto dal termine a causa di uno sfortunato rimpallo (autorete di Lamanna) e poi rimanere in dieci a causa di una espulsione. Di Pogba la rete del raddoppio bianconere che vale la prima vittoria della stagione.

Clamoroso, ma non troppo, pareggio fra Roma e Sassuolo. Emiliani per ben due volte in vantaggio con Defrel e Politano ma raggiunti quasi subito dalle reti di Totti e Salah. Giallorossi ancora incerti nonostante l’ottima prova degli avversari.

Il Verona acciuffa un pareggio insperato contro l’Atalanta al termine di una gara giocata diligentemente da ambo le parti. Quando a un minuto dal termine Moralez portava in vantaggio gli orobici pareva cosa fatta ma proprio a cinque secondi dal termine, al minuto novantasette, Pisano riequilibrava meritatamente le sorti.

La prima vittoria del Bologna di questo campionato giunge contro l’altra neo promossa, il Frosinone, che invece raccoglie la sua quarta sconfitta su quattro partire rimanendo pericolosamente ultima a zero punti. Ai felsinei è stata sufficiente la rete Mounier per avere la meglio su una squadra che forse sta ancora pagando lo “scotto” del salto di categoria.  

E’ un Napoli “compressore” quello che affronta e affonda la Lazio rifilando ai laziali ben cinque reti che difficilmente dimenticheranno. Tutto facile per la squadra di Sarni che oltre alla prima vittoria della stagione ritrova il feeling coi propri tifosi. Di Higuain (2), Allan, Insigne e Gabbiadini le reti del poker azzurro.  

La Fiorentina batte col minimo scarto e a domicilio il Carpi e conquista la terza piazza della classifica, alle spalle delle sorprendenti Inter e Torino. Una rete di Babacar è bastata alla viola per avere la meglio di una squadra ancora in fase di assestamento.

Risultati

Udinese-Empoli 1-2; Milan-Palermo 3-2; Chievo-Inter 0-1; Atalanta-Verona 1-1; Bologna-Frosinone 1-0; Genoa-Juventus 0-2; Roma-Sassuolo 2-2; Torino-Sampdoria 2-0; Carpi-Fiorentina 0-1; Napoli-Lazio 5-0

Classifica

Inter 12; Torino 10; Fiorentina 9; Roma e Sassuolo 8; Sampdoria, Chievo e Palermo 7; Milan e Lazio 6; Napoli e Atalanta 5; Empoli e Juventus 4; Genoa, Bologna, Udinese e Verona 3; Carpi 1; Frosinone 0

Prossimo turno

Udinese-Milan; Carpi-Napoli; Chievo-Torino; Fiorentina-Bologna; Inter-Verona; Juventus-Frosinone; Lazio-Genoa; Palermo-Sassuolo; Sampdoria-Roma; Empoli-Atalanta

 

 

Con la Juventus in fondo alla classifica e l’Inter che vince tre partite col minimo scarto e con un po di fortuna si trova a comandare la serie A, inizia a delinearsi, anche se davvero troppo presto, una sorta di classifica. Ottimo l’avvio di Chievo, Torino, Sassuolo, Sampdoria e Palermo posizionate alle spalle della “fuggitrice”, stentano Lazio, Fiorentina e Genoa che non riescono a trovare una continuità di risultati, profonda crisi per Juventus, Napoli, Milan, Bologna, Frosinone, Carpi ed Empoli, in fondo alla classifica ma, soprattutto, alla ricerca di un gioco migliore.  

La Juventus soffre anche contro il Chievo e grazie alla rete di Dybala, su calcio di rigore e sul finire di gara, conquista il primo punto dopo tre partite ma innesca la contestazione dei tifosi bianconeri. Ottima la gara dei veneti che fino a pochi minuti dal termine hanno accarezzato la vetta della classifica a punteggio pieno.

Il Genoa gioca bene anche a Firenze ma, come era successo a Palermo, alla fine torna a casa con le pive nel sacco, alla Fiorentina invece, anche se con un po troppa sofferenza, va tutto bene e conquista tre punti importanti che la posizionano a metà classifica. Di Babacar la rete della vittoria.

La Roma soffre a Frosinone ma alla fine riesce a portare a casa una vittoria utile al morale e all’ambizioso proseguo della società. I padroni di casa hanno più volte messo in difficoltà i più quotati avversari ma evidentemente non hanno ancora preso al meglio le “misure” alla massima serie. Reti di Falque e Iturbe.

Il Verona ha cercato la prima vittoria stagionale in tutti i modi ma il Torino, mai domo, la rimonta per ben due volte e rimane imbattuto. Veneti in vantaggio prima con Luca Toni e poi con Baselli, pareggiano i granata Gomez e Acquah.

Il Napoli esce da Empoli con la testa bassa e tanti problemi da risolvere. Ancora una prova brutta per gli uomini dell’ex di Turno Sarri che alla fine ringraziano anche per il “misero” punto. Ottima la prova dei locali che più volte hanno messo a dura prova la ballerina difesa dei partenopei. Insigne risponde a Saponara e Allan a Pucciarelli.

Dopo due sconfitte consecutive il Carpi stava per conquistare la prima vittoria della sua storia nella massima serie ma un gol al fotofinish di Djurdjevic permette al Palermo di acciuffare un insperato pareggio. Finalmente il Carpi trova una buona intesa, Vitiello e Borriello avevano firmato le reti ma i rosanero con Hiljemarc e Djurdjevic rimediano a una brutta figura.  

Pareggio per due a due anche nella sfida fra Sassuolo e Atalanta. Gli emiliani hanno accarezzato il sogno di vincere e conquistare la terza vittoria di fila e la testa della classifica ma la caparbietà degli orobici non permette di realizzarlo. Quattro reti, due cartellini rossi e due rigori sbagliati la dicono lunga sull’equilibrio della partita. Reti di Magnanelli, Floro Flores e Pinilla (2).

La Lazio cerca di fare pace coi tifosi e la vittoria rotonda contro l’Udinese, grazie alla doppietta di Matri, ci riesce per metà. Nel primo tempo i biancocelesti hanno faticato non poco e nella ripresa la storia sembrava la stessa fino a quando Pioli ha inserito Matri che nel giro di pochi minuti ha messo ko i friulani, alla seconda sconfitta di fila.

Nel primo derby della stagione, il calendario ha messo di fronte Inter e Milan. Entrambe alla ricerca della quadratura del cerchio e con due allenatori, Roberto Mancini e Sinisa Mihajlovic, chiamati a riportare le milanesi nel calcio che conta. Gioca meglio il Milan che però sbaglia qualche occasione di troppo, non sbaglia invece l’Inter che più spavalda e incosciente (forse), non sbaglia con Guarìn, miracolato da Mancini. Nerazzurri quindi a punteggio pieno e rossoneri alle prese con l’ira dei tifosi e della dirigenza.  

 

Sampdoria-Bologna, rinviata domenica causa dell’allerta forti piogge e giocata il giorno dopo, ha visto la squadra di Valter Zenga dai due volti: quello del primo tempo, timorosa e poco incisiva e quello della ripresa, spavalda e incisiva. Nei secondi quarantacinque i blucerchiati piegano i felsinei con ottime giocate e due perle dei suoi miglior giocatori: Eder, ora capocannoniere con ben cinque reti e Soriano.

Risultati

Verona-Torino 2-2; Empoli-Napoli 2-2; Palermo-Carpi 2-2; Sampdoria-Bologna 2-0; Sassuolo-Atalanta 2-2; Lazio-Udinese 2-0; Inter-Milan; Juventus-Chievo 1-1; Fiorentina-Genoa 1-0; Frosinone-Roma 0-2

 

Classifica

Inter 9; Sampdoria, Chievo, Roma, Torino, Sassuolo e Palermo 7; Lazio e Fiorentina 6; Atalanta 4; Genoa, Udinese, Milan 3; Napoli e Verona 2; Juventus, Empoli e Carpi 1; Bologna e Frosinone 0

Prossimo turno

Milan-Palermo; Chievo-Inter; Atalanta-Verona; Bologna-Frosinone; Genoa-Juventus; Roma-Sassuolo; Torino-Sampdoria; Carpi-Fiorentina; Napoli-Lazio

 

Palermo. Grazie alla prima e risicata vittoria del 2015 contro Malta giocata a metà settimana, la partita contro la Bulgaria assumeva un’importante banco di prova per gli azzurri: in primis per acciuffare la prima posizione del girone e poi per assestare gli schemi di Conte, alle prese con continui innesti e quindi alla ricerca di schemi convincenti.

Missione compiuta.

Al termine di una partita più vivace rispetto quella contro il Malta, gli azzurri conquistano la vittoria grazie al calcio di rigore trasformato nel primo tempo da De Rossi, espulso per fallo di reazione (condannato anche Conte) nella ripresa. Il risultato non rispecchia assolutamente l’andamento della partita perché a causa di qualche imprecisione di troppo e la bravura dell’estremo difensore bulgaro, almeno altre due reti mancherebbero all’appello ma considerando il miracolo di Gigi Buffon a pochi secondi dal termine senza il quale ora saremmo qua a scrivere di un pareggio e leccarci le ferite, la verità è che l’Italia conquista sei punti che gli permettono di superare prima Croazia e poi Norvegia e guidare in solitaria la classifica del girone. Un bel passo avanti verso Francia 2016.

Quella di questa sera è stata anche la 150esima presenza con la nazionale di Gianluigi Buffon, 37 anni e capitano degli azzurri. Il “portierone” è anche il giocatore italiano che, nella storia, ha giocato più partite in Nazionale (al secondo posto c’è Fabio Cannavaro, con 136 presenze).

Italia:Buffon, Darmian, Bonucci, De Sciglio, Chiellini, De Rossi, Parolo, Verratti, Pellè, Candreva, El Shaarawy.

Allenatore: Conte 

Classifica girone H

Italia 18; Norvegia 16; Croazia 15; Bulgaria 8; Azerbaijan 6; Malta 2

La Juventus perde la seconda partita consecutiva e per i bianconeri è dramma: ultimi in classifica insieme a Empoli e alle tre neo promosse Frosinone, Bologna e Carpi. Giornata da dimenticare anche per Napoli, Lazio e Fiorentina, sonoramente sconfitte (o fermate sul pari) da Sampdoria, Chievo e Torino. Si riprende il Genoa che dopo la sconfitta di Palermo supera agevolmente il Verona mentre a guidare la classifica adesso sono, a punteggio pieno, Inter, Carpi, Chievo e Sassuolo.

Colpo grosso del Sassuolo che dopo aver battuto i partenopei all’esordio si ripetono contro il Bologna e adesso guidano la classifica meritatamente a punteggio pieno.

Rete di Floro Flores.

Soffre ancora il Milan che però questa volta, contro l’Empoli, con un po’ di fortuna conquista l’intera posta e si appresta a giocare il derby domenica prossima contro l’Inter. Reti di Saponara, Bacca e Luiz Adriano.

Roma “capoccia”batte l’eterna rivale della Juventus relegando i pluri decorati campioni juventini all’ultimo posto in classifica a zero punti. Reti di Pjanic, Dzeko e Dybala.

Rotonda vittoria dell’Atalanta contro la neo promossa Frosinone, troppo esperta la squadra bergamasca per farsi imbrigliare dalla giovane squadra laziale. Reti di Stendardo e Gomez.

Dopo la scoppola contro la Sampdoria patita domenica scorsa, il Carpi gioca alla pari dell’Inter e meriterebbe almeno il pareggio ma la squadra di Mancini, seppur lontana dalla miglior forma, ancora una volta trova la rete della vittoria in estremis. Reti di Di Gaudio e Jovetic (2).

Seconda vittoria del Chievo che oggi rifila quattro “pappine” alla Lazio conquistando, seppur a pari merito, la testa della classifica. Crisi nera per la Lazio. Reti di Meggiorini, Birsa e Paloschi (2).  

Con risultato all’inglese il Genoa batte il Verona e regala ai propri tifosi i primi tre punti della stagione. I veneti hanno resistito per circa mezz’ora ma i troppi errori difensivi, senza nulla togliere ai locali, hanno condizionato la gara. Reti di Pavoletti e Gakpe.

Con Eder capocannoniere che realizza la seconda doppietta in sette giorni, la Sampdoria rimonta le due iniziali reti del Napoli e torna a Genoa con un punto che le permette di piazzarsi alle spalle del gruppone che guida la classifica. Reti di Higuaìn (2) ed Eder (2).

Il Torino ripete l’ottimo esordio di domenica scorsa ripetendosi questa volta contro la Fiorentina che oggi incappa in un “Toro” gagliardo e combattivo. Da rivedere la squadra di Paulo Sosa, alle prese con problemi di mercato e infortuni. Reti di Alonso, Moretti, Quaglirella e Boselli.

Strana partita quella dell’Udinese, capace di espugnare il campo della Juventus la domenica prima per poi perdere malamente contro un Palermo, che ora guida la classifica a punteggio pieno, assai modesto. Rete di Rigoni.

 

Risultati

.

Bologna-Sassuolo 0-1; Milan-Empoli 2-1; Roma-Juventus 2-1; Atalanta-Frosinone 2-0; Carpi-Inter 1-2; Chievo-Lazio 4-0; Genoa-Verona 2-0; Napoli-Sampdoria 2-2; Torino-Fiorentina 3-1; Udinesse-Palermo 0-1.

Classifica

Chievo, Sassuolo, Palermo, Inter e Torino 6; Sampdoria e Roma 4; Atalanta, Genoa, Lazio, Milan, Fiorentina e Udinese 3; Verone e Napoli 1; Bologna, Carpi, Frosinone, Empoli e Juventus 0

Prossimo turno

Empoli-Napoli; Fiorentina-Genoa; Frosinone-Roma; Verona-Torino; Inter-Milan; Juventus-Chievo; Lazio-Udinese; Palermo-Carpi; Sampdoria-Bologna; Sassuolo-Atalanta.

 

Insieme alla Juventus che si rinforza per vincere il suo quinto scudetto consecutivo, riflettori puntati anche su Inter e Milan, le grandi deluse della passata stagione e in cerca di un immediata ripresa, almeno queste le aspettative dopo l’interessante calcio mercato di entrambe. Poi le solite Napoli, Lazio e Roma ormai da anni antagoniste “innoque” dei bianconeri e Fiorentina, Genoa, Sampdoria e Torino per cercare di migliorare il piazzamento della passata stagione. Inizia così un’altra stagione calcistica che vedrà per la prima volta calcare il palcoscenico della massima serie a Frosinone e Carpi, autentiche rivelazioni e pronte a riconfermare quello che fino ad oggi hanno fatto di buono. Non sprechiamo invece neanche una parola per le solite vicende del calcio scommesse, una piaga che continua ad allargarsi con vivo dispiacere di chi ama questo sport, come noi.

Verona e Roma giocano il primo anticipo della stagione e terminano la partita sul punteggio di uno a uno. Vanno in vantaggio i gialloblù ad inizio ripresa con Jankovic e pareggia poco dopo la Roma con Florenzi, che nonostante una maggior prevalenza territoriale non riesce a conquistare la vittoria.      

Il secondo posticipo del sabato tocca all’altra romana contro la neo promossa Bologna, i felsinei anche se ancora in fase di allestimento della rosa giocano una buona gara ma alla fine la gara termina con la vittoria della Lazio che approfitta della miglior forma fisica. Reti di Biglia, Kishna e Mancosu.

Inciampa in Napoli in casa del Sassuolo che in rimonta supera i partenopei conquistando tre punti utili perché sulla carta insperati. Hamsik illude gli azzurri che si trovano avanti dopo soli tre minuti ma gli uomini di Di Francesco non demordono e vanno al riposo col pareggio di Floro Flores, nella ripresa concretizza la vittoria Sansone che a pochi minuti dal termine azzecca la traiettoria vincente.

Colpo grosso dell’Udinese contro la Juventus. I friulani passano grazie a una gara accorta in difesa e veloci contropiedi che hanno spesso messo in difficoltà una Juve apparsa lenta e opaca. Firma la vittoria Thèrèau naturalmente in contropiede.

La Fiorentina riceve il Milan e con una partita perfetta supera una opaca avversaria che, dopo questa partita, ha da rivedere parecchie cose. Alonso e Ilicic firmano l’esemplare prova di tutta la squadra che è già apparsa lucida e in forma. “Non mi preoccupo più di tanto” le parole di Sinisa Mihajlovic a fine gara.  

Il Palermo ci crede fino all’ultimo secondo e viene premiato a pochi secondi dal termine grazie alla rete di El Kaoutari al minuto novantuno. Il Genoa stava assaporando il prezioso pareggio anche perché fino a quel momento la partita era stata caratterizzata da tanti errori difensivi e solo azioni personali, senza nulla di fatto. Una ditrazione finale che costa cara agli uomini del “Gasp”.

Anche l’Inter di Mancini trova una vittoria in extremis. A firmare la rete che batte l’Atalanta ed evita una bordata di fischi ai nerazzurri la sigla Jovetic al terzo minuto di recupero. “Tutto normale –dichiara Mancini a fine gara-, abbiamo fatto una buona preparazione e giocato contro una ottima squadra”.

Il Chievo prima soffre a poi dilaga in casa dell’Empoli. Saponara porta in vantaggio i padroni di casa che prima del riposo rischiano più volte di raddoppiare, nella ripresa non sbagliano però Meggiorini, Birsa e Paloschi che rovesciano il risultato e regalano ai veneti tre punti d’oro.

Il Carpi è sceso a Marassi contro la Sampdoria alla ricerca dei primi punti storici nella massima serie ma contro una squadra che già alla mezz’ora era in vantaggio di ben quattro reti, non c’è stato nulla da fare. Troppo facile la vittoria dei blucerchiati per poter affermare se è merito dei locali o demerito degli avversari. Fatto sta che con le doppiette di Muriel ed Eder e la prima rete di Fernando, le reti di Lazzari e Ryder Mato servono solo per le statistiche.  

Quando il Frosinone è passato in vantaggio con Soddimo e ha chiuso il primo tempo in vantaggio in molti hanno creduto nel colpaccio della matricola neopromossa, ma il Torino ha tirato fuori l’orgoglio e rimesso in piedi una partita inizialmente “critica” grazie a Quagliarella e Baselli.

Risultati

Verona-Roma 1-1; Lazio-Bologna 2-1; Juventus-Udinese 0-1; Empoli-Chievo 1-3; Fiorentina-Milan 2-0; Frosinone-Torino 1-2; Inter-Atalanta1-0; Palermo-Genoa 1-0; Sampdoria-Carpi 5-2; Sassuolo-Napoli 2-1.

Classifica

Sampdoria, Lazio, Chievo, Fiorentina, Sassuolo, Torino, Inter, Palermo e Udinese 3; Roma, Verona 1; Bologna, Frosinone, Napoli, Atalanta, Genoa, Juventus, Empoli, Milan e Carpi 0

Prossimo turno

Bologna-Sassuolo; Milan-Empoli; Roma-Juventus; Atalanta-Frosinone; Carpi-Inter; Chievo-Lazio; Genoa-Verona; Napoli-Sampdoria; Torino-Fiorentina; Udinesse-Palermo.

Intervista con il Maestro olimpionico Domenico D’Alise, artefice di una iniziativa di grande successo..

 

 

Domenico D’Alise, maestro di valore nel campo del Taekwondo ( 7 volte camp.italiano - 2 camp. europeo -  vice camp. del mondo - medaglie di bronzo olimpiadi di Barcellona '92) l’aveva progettato e lo ha realizzato. Incredibile il successo conseguito. Parliamo del Campus Azzurro-Team Alise. Un campus estivo svoltosi in Abruzzo e riservato agli atleti del Centro Azzurro Taekwondo e Centro Taekwondo Baselice, che ha avuto come location la splendida struttura dell’hotel “Delberg”di Pizzoferrato, in provincia di Chieti.

Chiediamo al protagonista, a Domenico D’Alise, il senso dell’iniziativa.

“Su tutto emerge la voglia di divertirsi e socializzare, almeno questo è stato ed è il mio intento – spiega D’Alise - , al di fuori del “tatami”. Però, attenzione, senza mai allontanarsi dalle linee guida del taekwondo, ovvero mantenere costante l’impegno dell’allenamento mirato al perfezionamento delle tecniche e della tattica: tutto questo mi ha portato a creare un “raduno” estivo della durata di 7 giorni, qualcosa di esaltante, incentrato essenzialmente sullo sport e sui suoi valori. In particolar modo, ovviamente, sul meraviglioso sport olimpico del taekwondo”

In quanti sono arrivati all’appuntamento ?.

“Ben cento partecipanti – dice ancora il Maestro D’Alise - sono stati al centro di tanto divertimento e tanto impegno sportivo, immersi nella natura, grazie alla posizione unica, diremmo strategica, della struttura alberghiera, scelta appositamente perché ideale e appropriata ad offrire ai ragazzi tutto ciò di cui essi avessero bisogno”.

Naturalmente, i meriti sono soprattutto suoi, ma anche lo staff che l’ha accompagnata non è stato da meno…

“Esattamente così. Sono stato coadiuvato da uno staff d’eccezione, formato da 2 maestri: M° Orazio Pettorossi del Centro Taekwondo BAselice e la M° Incoronata Esposito (nonché moglie del M° D’Alise- n.d.r.), 8 collaboratori, 4 animatori, 1 nutrizionista, 2 preparatori atletici, tutti insieme abbiamo dato vita a questo progetto volto a diffondere l'amore per lo sport del taekwondo, ma anche per  la natura e per il benessere”.

Tema, questo del benessere e della salute molto sentito da tutti…

“Sì, infatti, abbiamo voluto con noi anche la presenza di un nutrizionista proprio per spiegare - specifica D’Alise - a tutti gli atleti il valore e il beneficio di una corretta alimentazione e soprattutto l'importanza che questa ricopre quando si pratica un'attività sportiva intensa come il Taekwondo, che richiede molto impegno negli allenamenti e a tavola (ride-n.d.r.)

Sport, dunque, molto, sport, ma non solo. E’ vero , maestro ?

ee“Certamente, è stato così. Oltre allo sport, molto spazio è stato dedicato alle attività extra, di tipo rilassante e turistico, come le escursioni al Parco Avventura, al Parco del Cervi e alle città di Chieti e Roccaraso: giornate vissute davvero in totale relax e immersi nell’ambiente e tra i boschi, per far sì che i ragazzi imparassero a vedere ben oltre il mondo tecnologico in cui vivono ogni giorno. Per concludere, direi un’esperienza esaltante e straordinaria”.

Domenico D'Alise

TUTTI I NUMERI E LE …PERLE DEL   “ CAMPUS”

Periodo di svolgimento del CAMPUS: 28 giugno - 4 luglio 2015 – Location: Hotel “Delberg” – Pizzoferrato (Ch). 

ORGANIZZATORE: M° OLIMPIONICO DOMENICO D'ALISE - Direttore Tecnico Centro Azzurro Taekwondo Casoria e Afragola

COLLABORATORE UNICO: M° ORAZIO PETTOROSSI - Direttore Tecnico Centro Taekwondo Baselice

ATLETI PARTECIPANTI: 100 tra cui Matteo Bilò (unico esterno dell'Accademia Dorica Taekwondo di Ancona

ASSISTENTI: 8

ATTIVITA' SPORTIVE: taekwondo / calcio / nuoto / preparazione atletica e ossigenazione specifica

ESCURSIONI: percorso avventura (Roccaraso) / Chieti / Parco dei cervi

ATTIVITA' LUDICA e TORNEI: Xbox / calcio balilla / ping pong / biliardo

INTRATTENIMENTO: animazione / discoteca / nutella party / pizza party / spettacolo serale

ATTIVITA' RICREATIVA: sala cinema con proiezioni di film e video di taekwondo

SALA BENESSERE PER ADULTI.

 

ioiscono gli juventini per il quarto scudetto e gioiscono i giallorossi romani per la qualificazione alla prossima Champions League; gioiscono i laziali per aver conquistato l’accesso allo spareggio per la Champions e gioiscono Fiorentina, Napoli e Genoa (quest’ultima forse verrà esclusa a favore dellaSampdoria) per aver centrato la qualificazione in Europa League. Felici pure Empoli, Sassuolo, Atalanta, Verona, Chievo, Udinese e Palermo per aver raggiunto una difficile salvezza. Ma a essere tutti felici, proprio tutti, sono gli amanti del calcio che devono “inchinarsi” davanti a Luca Toni, capace a 38 anni di conquistare a suon di gol, e che gol, il titolo di capocannoniere per la stagione appena finita, in concomitanza con Maurito Icardi. Toni ha messo sotto gente come Tevez, Higuain, Gabbiadini, Di Natale e tanti altri campioni, la maggior parte con almeno 10-15 anni meno di lui. Un vero campione che andrebbe preso come esempio e del quale non bisognerà mai perdere memoria. Per il bene del calcio e delle buone maniere.

Fra Verona e Juventus, scese in campo nel primo anticipo dell’ultima giornata, la vera “battaglia” era quella fra Toni e Tevez, capocannoniere del campionato il primo e vice il secondo, divisi solo da una rete. Le squadre si spartiscono la posta in palio mentre Toni realizza una delle due reti scaligere che gli permettono di vincere l’ambito trofeo dei bomber d’Italia. Reti di Toni, J. Gomez, Pereira e Llorente. Tevez sbaglia un calcio di rigore.

Chiude il bellezza (si fa per dire… ) il Milan di Pippo Inzaghi, infatti i rossoneri espugnano il campo dell’Atalanta e si aggiudicano così il derby lombardo. Bergamaschi in vantaggio nei primi minuti ma la rimonta del Milan inizia prima della fine del primo tempo, andando a riposo addirittura in vantaggio. Nella ripresa gli sforzi locali producono poco la terza rete ospite chiude ogni speranza. Reti di Baselli, Pazzini e Bonaventura (2).

 Il Cagliari saluta la serie A contro l’Udinese e lo fa con una pirotecnica partita vinta ma che purtroppo per i sardi e solo un inutile fuoco di paglia. Nessun problema per i friulani che girano immediatamente pagina per dimenticare questo brutto e anonimo campionato. Reti di Sau (2), M’poku, Joao Pedro, Aguirre, Fernandes e Thereau.

Poker del Torino contro il Cesena. I granata chiudono il campionato al nono posto con una girandola di reti che non fa però dimenticare la cocente delusione per non aver raggiunto la qualificazione Uefa. Reti di Martinez, Lopez (2), Benassi e Moretti.

 La Fiorentina mette il sigillo al campionato con una vittoria all’inglese contro il Chievo. La viola conquista così la possibilità di disputare la prossima edizione della Uefa League. Reti di Ilicic e Bernardeschi.

 L’Inter suda sette camicie e alla fine trova la forza di battere l’Empoli. Gli uomini di Mancini speravano in una contemporanea sconfitta della Samp contro il Parma ma la fortuna non li ha premiati perchè alla fine si piazzano dietro la Sampdoria di un sol punto, quel poco che basta ad escluderli dalle competizioni europee. Reti di Palacio, Icardi (2), Brozovic, Mchedòidzze (2) e Pucciarelli.

 Il Sassuolo chiude in bellezza e si toglie anche la soddisfazione di battere il Genoa, la squadra che nelle ultime partite ha dimostrato di fare il calcio migliore. Nessun problema per i grifoni e ora rimangono in attesa del verdetto del Coni per sapere se potranno giocare la prossima Uefa League. Reti di Berardi, Zaza (2) e Pavoletti. Zaza sbaglia un calcio di rigore.

 Il Napoli perde in sol colpo gara, allenatore, terza posizione e qualificazione alla prossima Champions League. Contro la Lazio ha giocato solo quando si è ritrovata sotto di due reti e dopo aver raggiunto il pareggio il calcio di rigore sbagliato da Higuain butta nello conforto gli azzurri e ridà fiducia ai romani che realizzano altre due reti e chiudono al terso posto. Reti di Higuain (2), Parolo, Candreva, Tonai e Klose. Higuain sbaglia un calcio di rigore.

 La Roma entra in campo con la testa vuota e, conscia anche della certezza del secondo posto, si lascia imbambolare dal Palermo che la mette sotto con ottime azioni da gioco e alla fine conquista anche l’intera posta. Reti di Totti, Vazquez e Belotti.

 La Sampdoria pareggia contro il Parma e respinge l’offensiva dell’Inter per la conquista della settima posizione, probabilmente posizione utile vista la possibile esclusione del Genoa, Reti di Romagnoli, De Silvestri, Palladino e Varela.

 Risultati

 Torino-Cesena 5-0; Fiorentina-Chievo 2-0; Inter-Empoli 4-3; Sassuolo-Genoa 3-1; Verona-Juventus 2-2; Napoli-Lazio 2-4; Atalanta-Milan 1-3; Roma-Palermo 1-2; Sampdoria-Parma 2-2; Cagliari-Udinese 4-3.

 Classifica

 Juventus 87Roma 70Lazio 69Fiorentina 64; Napoli 63Genoa 59; Sampdoria 55;Inter 55; Torino 54;; Milan 52Palermo e Sassuolo 49Verona 46Chievo 43Empoli 42;Udinese 41Atalanta 37Cagliari 34; Cesena 24; Parma* 18

 * 7 punti di penalizzazione

 Juventus campione d’Italia

 Roma, Napoli, Lazio, Fiorentina e Genoa parteciperanno alle prossime competizioni europee

 Cagliari, Cesena e Parma retrocedono in serie B

  

Classifica marcatori 

Toni e Icardi 22, Tevez 20, Menez e Higuain 16, Gabbiadini 15; Di Natale e Berardi 14, Dybala e Quagliarella e Falque 13, Klose 12, Callejon 11, Anderson e Maccarone 10. 

Page 15 of 15
© 2022 FlipNews All Rights Reserved