L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Sport (262)

 

Rino R. Sortino

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

L’ultima giornata di campionato del 2016, la diciottesima, non regala particolari sorprese se non quella dell’Atalanta, che a una giornata dal termine del girone d’andata si trova a ridosso degli squadroni sicuramente più accreditati, non giocano Juventus, Milan, Bologna e Crotone per “colpa” della finale di supercoppa italiana, vince la Roma che si porta momentaneamente a meno quattro punti dalla capolista e perde terreno il Napoli che contro la Fiorentina non va oltre al pareggio. In fondo alla graduatoria perdono colpi Sassuolo ed Empoli, sempre più vicine al trio che, ora come ora, sarebbe retrocesso.  

L’Atalanta batte l’Empoli e si regala un natale da sogno perché gli orobici chiudono il girone di andata al sesto posto , a solo un punto dalla zone Uefa e addirittura due dalla zona Champions, discorso inverso invece per i toscani che dopo questa sconfitta devono realmente stare attenti perché la serie B e li a due passi. Reti di Kessiè, D’alessandro e Mchedlidze.

Netta e meritata vittoria dell’Inter che batte la Lazio e conquista la sua terza vittoria di fila, gli uomini di Inzaghi resistono solo un tempo dove, per altro, hanno avuto più occasioni degli avversari e nella ripresa crollano sotto le giocate dei giocatori di Piolo, apparsi questa sera in gran forma. Reti di Icardi (2) e Banega.

Il Cagliari, contro il Sassuolo, giocava la partita della vita e quando gli emiliani si sono trovato in vantaggio per tre a uno nessuno avrebbe scommesso un centesimo sui sardi, invece gli uomini di Rastelli, anche aiutati dalla superiorità numerica per una espulsione degli ospiti, non solo trovano la forza di pareggiare ma addirittura quella di vincere e conquistare tre punti che sanno profumano tanto di quasi salvezza, molto male invece il Sassuolo che ora si trova al quint’ultimo posto della classifica. Reti di Sau, Borriello, Farias (2), Adjapong, Acerbi e Pellegrini.

La Fiorentina aveva la vittoria in pugno fino a pochi secondi dal termine ma alla fine, anche se ha pareggiato, ferma la corsa del Napoli al termine di una partita rocambolesca e giocata a ritmi altissimi da entrambe le formazioni, meglio i partenopei nella prima frazione e meglio la viola nella ripresa. Reti di Bernardeschi (2), Zàrate, Insigne, Mertens e Gabbiadini.

Pareggio giusto fra Palermo e Pescara, un punto che serve poco a entrambe perché la classifica è rimasta pressoché uguale e la situazione rimane sempre critica, ma che potrebbe dare a loro una spinta morale senza la quale la salvezza potrebbe rimanere solo un miraggio. Reti di Quaison e Biraghi.  

Netta vittoria della Roma sul Chievo, gli uomini di Spalletti sprecano una marea di occasioni e addirittura vanno sotto di una rete, prontamente pareggiata prima di andare a riposo e rimontata nella ripresa grazie a una grande forza di volontà e un po’ di fortuna. Reti di El Shaarawy, Dzeko, Perotti e De Guzmàn.

La Sampdoria pareggia in casa contro l’Udinese dell’ex Del Neri, giocano meglio i friulani ma evidentemente il pareggio stava bene a entrambe, poche occasioni da rete e tanta voglia di iniziare le vacanze natalizie.

Il Torino batte il Genoa che esce dal campo a testa alta e consapevole di avere disputato un’altra grande partita che, però, come al solito non porta a casa nessun punto, una situazione in cui la squadra di Juric si è venuta a trovare troppo spesso e sulla quale i rossoblù dovranno lavorare. Rete di Belotti.

Bologna – Milan e Crotone – Juventus sono state rinviate allo 08 gennaio 2017 per permettere a bianconeri e rossoneri di disputare la finale di supercoppa italiana.

Risultati

Atalanta-Empoli 2-1; Bologna-Milan (08-01-17) Cagliari-Sassuolo 4-3; Crotone-Juventus (08-01-17), Fiorentina-Napoli 3-3; Inter-Lazio 3-0; Palermo-Pescara 1-1; Roma-Chievo 3-1; Sampdoria-Udinese 0-0; Torino-Genoa 1-0.

Classifica

Juventus* 42; Roma 38; Napoli 35; Lazio 34; Milan* 33; Atalanta 32; Inter 30; Torino 28; Fiorentina 27; Chievo e Udinese 25; Genoa, Sampdoria e Cagliari 23; Bologna* 20; Sassuolo* 17; Empoli 14; Palermo 10; Crotone* Pescara 9; .  

*Sassuolo 3 punti di penalizzazione

*Crotone, Juventus, Milan e Bologna una gara in meno.

Prossimo turno

Chievo-Atalanta, Empoli-Palermo, Genoa-Roma, Juventus-Bologna, Lazio-Crotone, Milan-Cagliari, Napoli-Sampdoria, Pescara-Fiorentina, Sassuolo-Torino, Udinese-Inter.

La Roma non approfitta dello scontro diretto contro la Juventus e si allontana ulteriormente da essa, infatti ora le lunghezze dalla capolista sono ben sette, vincono anche Napoli e Lazio, appaiate insieme in terza posizione. Pareggiano lo scontro diretto Milan e Atalanta mentre in fondo alla classifica, gran colpo del Palermo che espugna il difficile campo del Genoa scavalcando il Pescara, sconfitto in casa dal Bologna e raggiungendo al terzultimo posto il Crotone, sconfitto a sua volta dall’Udinese.  

Il Chievo ottiene tre punti grazie a una Sampdoria priva di idee (troppo spesso fuori casa) e troppo rinunciataria, per i clivensi invece, una partita ordinata e giocata con la “basilare” voglia di vincere che li proietta in tranquilla zona di metà classifica. Reti di Meggiorini, Pellissier e Schick.

L’Empoli batte il Cagliari e conquista tre punti determinanti per continuare a giocarsi la salvezza, i sardi, che sbagliano pure il calcio di rigore che avrebbe riaperto la partita, incidono poco e sono apparsi leggermente fuori forma. Reti di Mchedildze (2).

La Juventus batte anche la temibile Roma e riconquista un margine di vantaggio che la pone in posizione privilegiata in prospettiva scudetto, i capitolini hanno provato a “infastidire” la signora la quale, attenta e sorniona, prima affonda il colpo e poi protegge il bottino fino al termine della partita. Rete di Higuain.

Il Milan cerca in tutti i modi di superare l’Atalanta, che però dopo due sconfitte consecutive scende in campo agguerrita e pronta a ribattere colpo su colpo agli avversari, ne è scaturita una partita spettacolare ma alla fine priva di reti. Un punto per uno che accontenta entrambe.

Il Napoli “mata” il Torino e al termine di novanta minuti giocati ad altissimo livello, conquista l’intera posta e si porta alle spalle dell’illustre duo che lo precede, i granata, sotto di tre reti, tentano e trovano la via della rete ma i partenopei oggi hanno rischiato di fare rete ogni affondo. Reti di Mertens (4), Chiriches, Belotti, Falque e Rossettini.

Clamoroso tonfo interno del Pescara che perde in contro il Bologna, i locali iniziano bene ma dopo essere passati in svantaggio rimangono in dieci uomini a causa di una espulsione che li penalizzerà per tutto l’incontro, tre punti d’oro per gli emiliani che avanzano in zona tranquilla, penultimo e desolatamente in fondo alla classifica gli adriatici. Reti di Masina, Dzemail e Krejci.

Sul difficile campo del Sassuolo, gioca meglio l’Inter, che crea più occasioni da rete degli avversari e mette in campo, soprattutto nella ripresa, quella cattiveria che gli permette di tamponare il “ritorno” dei padroni di casa e vincere la partita, ennesima battuta d’arresto per la squadra di squadra di Di Francesco, adesso alle prese con una classifica preoccupante. Rete di Candreva.

Il Crotone gioca la prima parte della gara sicuramente meglio dei friulani e tutto lasciava presagire in meglio, ma l’Udinese riesce a trovare la via della rete e poi ripartire pericolosamente in contropiede, tattica che alla fine risulterà vincente. Reti di Thèrèau (2).

Incredibile Genoa! Dopo la vittoria infrasettimanale sulla viola, contro il Palermo aveva la possibilità di bissare la vittoria e spiccare il volo verso una “più” che tranquilla salvezza, e infatti a dieci minuti dal termine il risultato era ben saldo nelle sue mani. Dieci ultimi minuti fatali che hanno visto tirare inspiegabilmente i remi i barca ai rossoblù e quelli rosanero invece, che trovavano una incredibile forza di rimontare e segnare addirittura tre reti. Tre punti importanti che aiutano i siciliani a sperare nella salvezza, per i genovesi invece una battuta d’arresto da dimenticare il più in fretta. Reti di Simeone (2), Ninkovic, Quaison, Goldaniga, Rispoli e Aleksander.    

La Lazio batte la Fiorentina e conquista la quinta posizione di classifica, ai gigliati non è bastato un secondo tempo eccezionale e alla fine, nonostante le recriminazioni per un calcio di rigore fallito e una rete annullata, i tre punti vanno ai biancocelesti. Reti di Keita, Biglia, Radu e Zàrate.

Risultati

Chievo-Sampdoria 2-1; Empoli-Cagliari 2-0; Genoa-Palermo 3-4; Juventus-Roma 1-0; Lazio-Fiorentina 3-1; Milan-Atalanta 0-0; Napoli-Torino 5-3; Pescara-Bologna 0-3; Sassuolo-Inter 0-1; Udinese-Crotone 2-0.

Classifica

Juventus 42; Roma 35; Napoli e Lazio 34; Milan 33; Atalanta 29; Inter 27; Fiorentina 26; Torino e Chievo 25; Udinese 24; Genoa 23; Sampdoria 22; Cagliari e Bologna 20; Sassuolo* 17; Empoli 14; Crotone e Palermo 9; Pescara 8; .  

*Sassuolo 3 punti di penalizzazione

Prossimo turno

Atalanta-Empoli, Bologna-Milan, Cagliari-Sassuolo, Crotone-Juventus, Fiorentina-Napoli, Inter-Lazio, Palermo-Pescara, Roma-Chievo, Sampdoria-Udinese, Torino-Genoa

Nemmeno il derby della Mole ferma la Juventus, la capolista batte il Torino e mantiene invariata la distanza dalla Roma, che vince lo scontro diretto contro il Milan continuando a inseguire i bianconeri, distanti quattro lunghezze, rimangono in alto anche Napoli e Lazio, che fanno fuori rispettivamente Cagliari e Sampdoria, si ferma per la seconda volta di fila l’Atalanta, sconfitta in casa dall’Udinese, vince anche l’Inter che batte il Genoa e tira un sospiro di sollievo.

In fondo alla classifica si fa sempre più critica la situazione del Palermo che ora si trova all’ultimo posto, un po’ meglio, seppur ancora in brutte acque, la situazione de Crotone che batte il Pescara e lo supera in classifica.

Il Crotone ottiene la seconda vittoria della stagione e batte il Pescara in un “drammatico” scontro per la salvezza, una partita sofferta e giocata a viso aperto da entrambe le squadre ma fatta propria dai calabresi grazie alla maggior lucidità sotto rete, gli abruzzesi recriminano per un calcio di rigore fallito nel primo tempo. Reti di Palladino, Ferrari e Campagnaro.

La Sampdoria dopo cinque giornate di risultati positivi si ferma in casa contro la Lazio, ai blucerchiati non riesce la rimonta al doppio svantaggio maturato alla fine della prima frazione, nel secondo tempo la squadra di Giampaolo gioca meglio ma la i romani chiudono ogni spazio e limitano i danni. Reti di Milnkovic, Parolo e Schick.

Non può nulla il Cagliari contro il Napoli, la squadra di Sarri gioca e pressa fin dalle prime battute e il rotondo risultato finale non mette in discussione nulla sul comportamento dei partenopei e sull’impotenza dei sardi, costretti oggi a guardare. Reti di Mertens (3), Hamsik e Zielinski.

L’Udinese batte l’Atalanta e mette le basi per giocarsi tranquillamente la salvezza, gli orobici invece si fermano per la seconda giornata consecutiva ma la loro posizione di classifica continua a rimanere molto interessante. Reti di Kurtic, Zapata, Fofana e Thèrèau.

Il Bologna impatta in casa contro l’Empoli ed evidentemente si accontentano entrambe del piccolo passo fatto in classifica, soprattutto i toscani che pur rimanendo in zona pericolosa mantengono ancora due punti sulla terz’ultima in classifica.

Il Palermo, mette in campo tanto cuore ma contro il Chievo, meglio organizzato e meno impreciso sotto porta, gioca una buona gara ma raccoglie zero punti, infatti l’ansia da prestazione, vista la pessima classifica dei siciliani, favorisce gli avversari che conquistano l’intera posta e agganciano in classifica la Sampdoria. Reti di Birsa e Pellissier.

Il Torino le prova tutte, gioca a tratti meglio della Juventus e mantiene palla per la maggior parte della partita, i bianconeri però rimangono in attesa e minuto dopo minuto, anche grazie al poco peso degli attaccanti granata, costruiscono una vittoria grazie a veloci contropiedi di rara bellezza e precisione. Reti di Belotti, Higuain (2) e Pjanic.  

Ottima partita del Genoa in casa dell’Inter, la squadra di Juric gioca bene per tre quarti di gara ma esce da san Siro con le pive nel sacco, la squadra di casa vince grazie a due prodezze di Brozovic che regalano ai suoi tre punti insperati. Si ferma a quota venti il Genoa mentre i neroazzurri si portano a metà classifica. Reti di Brozovic (2).

La Roma soffre ma alla fine conquista l’ottava vittoria di fila in casa, riesce a battere il Milan e rimanere da sola all’inseguimento della capolista, i rossoneri recriminano per un calcio di rigore fallito nella prima frazione. Rete di Nainggolan.

La Fiorentina batte il Sassuolo e conquista una importante vittoria che le permette di posizionarsi in settima posizione, alle spalle di chi si trova in zona Uefa, per gli emiliani invece una brutta sconfitta che li rilega, seppur non in maniera pericolosa, in zona retrocessione. Reti di Kalinic (2) e Acerbi.

 

Risultati

Atalanta-Udinese 1-3; Bologna-Empoli 0-0; Cagliari-Napoli 0-5; Crotone-Pescara 2-1; Fiorentina-Sassuolo 2-1; Inter-Genoa 2-0; Palermo-Chievo 0-2; Roma-Milan 1-0; Sampdoria-Lazio 1-2; Torino-Juventus 1-3.

Classifica

Juventus 39; Roma 35; Milan 32; Lazio e Napoli 31; Atalanta 28; Fiorentina* 26; Torino 25; Inter 24; Sampdoria e Chievo 22; Udinese 21; Cagliari e Genoa* 20; Sassuolo* e Bologna 17; Empoli 11; Crotone 9; Pescara 8; Palermo 6.  

*Sassuolo 3 punti di penalizzazione

*Genoa e Fiorentina una partita in meno.

Prossimo turno

Chievo-Sampdoria, Empoli-Cagliari, Genoa-Palermo, Juventus-Roma, Lazio-Fiorentina, Milan-Atalanta, Napoli-Torino, Pescara-Bologna, Sassuolo-Inter, Udinese-Crotone

Dopo la batosta genovese, la Juventus riprende a marciare battendo nettamente l’Atalanta, capace fino a ieri di infilare nove gare utili consecutive e insidiare, addirittura, la testa della classifica, a quattro lunghezze rimangono il Milan, che a fatica batte il Crotone e la Roma, che batte la Lazio, a metà classifica si fanno sotto Fiorentina e Sampdoria, che battono Palermo e Torino, Empoli, Pescara, Palermo e Crotone, rispettivamente le ultime quattro della classe, giocano a chi fa meno e si allontanano sempre di più dalle altre.

Il Napoli ritrova il sorriso e contro l’Inter, oltre al bel gioco dimostra che potrebbe ancora mettere “becco” nella lotta al vertice, gli interisti invece tornano a casa con una batosta che apre una crisi dalla quale sembra non esserci nessun presupposto per poterne uscire. Reti di Zielinski, Hamsik e Insigne.  

Nell’anticipo serale del sabato, c’era tutta l’Italia calcistica che tifava l’Atalanta dei miracoli che affrontava la corazzata Juventus, ma ai bianconeri sono bastati solo quattro minuti per piazzare un uno-due micidiale che ha steso gli enfant-prodige di Gasperini, più bravi nella ripresa ma molto distanti dalle qualità tecniche degli avversari. Reti di Alex Sandro, Rugani, Mandzukic e Freuler.  

Il Milan soffre ma alla fine batte il Crotone e piazza a soli quattro punti dalla capolista, la squadra di Montella gioca una delle sue più brutte partite mentre i calabresi giocano bene e mantengono il giusto pari fino a pochi minuti dal termine, quando una giocata improvvisa regala la vittoria a padroni di casa. Reti di Pasalic, Lapadula e Falcinelli.

La Roma fa suo il derby capitolino e batte una Lazio che gioca un buon calcio ma che commette, oggi, troppi errori, come quello del portiere che consente ai giallorossi di spezzare l’equilibrio e indirizzare la gara verso una sconfitta che colloca i biancoazzurri al quinto posto. Reti di Strootman e Nainggolan.

Il Cagliari ha sfiorato il colpo grosso contro il Pescara, che acciuffa il pareggio proprio allo scadere del tempo, un punto d’oro per i sardi e amaro per gli abruzzesi che rimangono pericolosamente in fondo alla classifica. Reti di Caprari e Borriello.

Ennesima vittoria fra le mura amiche della Sampdoria, brava a battere il Torino e fare un bel passo avanti in classifica, gli uomini di Giampaolo giocano una gara superba e ad alta intensità, mettendo in crisi l’ottima squadra granata. Reti di Barreto e Schick.

Il Sassuolo torna alla vittoria contro l’Empoli, apparso ancora una volta impacciato e giù di forma, gli emiliani fanno adesso un sostanziale e provvidenziale passo avanti in graduatoria mentre i toscani rimangono al terz’ultimo posto, ben distanti da chi li precede. Reti di Pellegrini, Ricci e Ragusa.

La Fiorentina soffre ma alla fine batte il Palermo, la viola gioca bene la prima frazione e va a riposo in vantaggio, nella ripresa invece cala notevolmente e permette ai rosanero di azzardare e raggiungere il meritato pareggio, “scippato” a solo un minuto dal termine da una fiammata di Babacar. Reti di Jajalo, Babacar e Bernardeschi.

Il Chievo, che a fine gara recrimina per un calcio di rigore fallito nel primo tempo, conquista un punto contro il Genoa, che gioca meglio sul finale e rischia di tornare a casa (forse meritatamente) con l’intera posta, un punto che serve a entrambe per alimentare la tranquilla posizione di classifica.

L’Udinese, contro il Bologna, gioca una gara splendida e spettacolare ma gli emiliani ribattono colpo su colpo creando anch’essi pericolose azioni, mal sfruttate però dagli attaccanti, risolve a favore dei padroni di casa una rete in extremis che porta un po’ di ossigeno in casa bianconera. Rete di Danilo.

Risultati

Chievo-Genoa 0-0; Fiorentina-Palermo, Juventus-Atalanta 3-1; Lazio-Roma 0-2; Milan-Crotone 2-1; Napoli-Inter 3-0; Pescara-Cagliari 1-1; Sampdoria-Torino 2-0; Sassuolo-Empoli 3-0; Udinese-Bologna 1-0.

Classifica

Juventus 36; Milan e Roma 32; Napoli, Lazio e Atalanta 28; Torino 25; Fiorentina* 23; Sampdoria 22; Inter 21; Cagliari e Genoa* 20; Chievo 19; Udinese 18; Sassuolo* 17; Bologna 16; Empoli 10; Pescara 8; Palermo e Crotone 6.  

*Sassuolo 3 punti di penalizzazione

*Genoa e Fiorentina una partita in meno.

Prossimo turno

Chievo-Genoa, Fiorentina-Palermo, Juventus-Atalanta, Lazio-Roma, Milan-Crotone, Napoli-Inter 3-0; Pescara-Cagliari, Sampdoria-Torino, Sassuolo-Empoli, Udinese-Bologna.

Un Genoa, superbo, magnifico, strabiliante e mai domo, non solo si permette di battere la Juventus ma addirittura la umilia: tre reti nella prima mezz’ora mozzano gambe e idee ai bianconeri che adesso devono guardarsi le spalle dal Milan, che con la squadra più giovane del campionato sta facendo miracoli e dalla Roma, che seppur “zoppicante” batte il Pescara e rimane in seconda posizione, si fanno sotto anche Lazio e Atalanta mentre perde terreno il Napoli, fermato in casa dalla Fiorentina. In fondo alla classifica si delineano sempre di più le squadre destinate a giocarsi fino in fondo la permanenza nella massima serie: Crotone, Palermo e Pescara, mentre devono prestare molta attenzione Empoli e Sassuolo, di qualche punto avanti.  

Il Genoa travolge la Juventus e conquista una vittoria meritata, i rossoblù non lasciano scampo agli avversari e già nella prima frazione, quando le squadre andavano a riposo sul tre a zero, i giochi sembravano fatti. Infatti nella ripresa ai padroni di casa è bastato controllare la gara e portare a casa una vittoria d’oro. Reti di Simeone (2), Alex Sandro (aut.) e Pjanic.

Il Torino soffre ma alla fine batte il Chievo, che cerca di pareggiare in tutti i modo e a fine gara recrimina per alcuni interventi dubbi in area granata, tre punti d’oro che rilegano la squadra di Mihajlovic subito a ridosso del gruppo che conta, per i veneti invece una battuta d’arresto che non cancella il buon cammini svolto fino ad ora. Reti di Falque (2) e Inglese.

Ancora una sconfitta per l’Empoli, che adesso si trova in cattive acque e un’altra vittoria, invece, per il Milan, che continua il filotto di partite positive e la rincorsa al vertice della classifica. La squadra di Vincenzo Montella rischia qualcosa nella prima frazione ma nella ripresa, anche grazie a un notevole calo dei toscani, dilaga e conquista una meritata vittoria. Reti di Saponara, Lapadula (2), Costa e Suso.

La Lazio espugna il campo del Palermo e si conferma nel gruppo che conta come una delle sorprese di questo campionato, discorso inverso per i siciliani che rimangono giocano con cuore ma rimangono al penultimo posto in classifica. Rete di Milinkovic.

Sesta vittoria dell’Atalanta che batte a domicilio il Bologna e mantiene una prestigiosa posizione di classifica che le permette di continuare a sognare, generosa ma non convincente la prestazione dei felsinei che rimangono in tranquilla posizione a metà classifica. Reti di Masiello e Kurtic.

Il Cagliari soffre fino all’ultimo secondo ma alla fine riesca e battere l’Udinese e portarsi a metà classifica, i friulani recriminano per le troppe occasione da rete fallite e rimane alle spalle dei sardi. Reti di Fofana, Farias e Sau.

Crotone e Sampdoria giocano bene un tempo per uno e alla fine di novanta minuti abbastanza intensi, la spartizione della posta è il risultato migliore e che premia entrambe, soprattutto i calabresi che agganciano in classifica il Palermo. Reti di Falcinelli e Fernandes.

La Roma suda sette camice ma alla fine riesce a conquistare l’intera posta contro il Pescara, che gioca bene e impegna i giallorossi fino all’ultimo minuto, tre punti che consentono ai capitolini di rimanere al secondo posto seppur in compagnia, per gli abruzzesi uno stop che li lascia pericolosamente in fondo alla classifica. Reti di Dzeko (2), Perotti, Caprai e Memushaj.

Napoli e Sassuolo avevano entrambe necessità assoluta di vincere: i primi per recuperare tre punti alla capolista e gli altri per rimanere pericolosamente invischiati nella lotta per non retrocedere. Alla fine di novanta minuti divertenti hanno avuto la meglio gli emiliani che pareggiano in extremis e fanno un piccolo passo avanti mentre i partenopei ne fanno uno indietro. Reti di Insigne e Defrel.  

L’Inter batte la Fiorentina e trova tre importanti punti per il neo allenatore e per la propria, carente, classifica, gli uomini di Pioli giocano bene e rifilano tre reti alla viola già nei primi minuti, la quale reagisce troppo tardi e torna a casa con una sconfitta. Reti di Brozovic, Candreva, Icardi (2), Kalinic e Ilicic.

Risultati

Bologna-Atalanta 0-2; Cagliari-Udinese 2-1; Crotone-Sampdoria 1-1; Empoli-Milan 1-4; Genoa-Juventus 3-1; Inter-Fiorentina 4-2; Napoli-Sassuolo 1-1; Palermo-Lazio 0-1; Roma-Pescara 3-2; Torino-Chievo 2-1.

Classifica

Juventus 33; Milan e Roma 29; Lazio e Atalanta 28; Torino e Napoli 25; Inter 21; Fiorentina* 20; Sampdoria, Genoa* e Cagliari 19; Chievo 18; Bologna 16; Udinese 15; Sassuolo* 14; Empoli 10; Pescara 7; Palermo e Crotone 6.  

*Sassuolo 3 punti di penalizzazione

*Genoa e Fiorentina una partita in meno.

Prossimo turno

Chievo-Genoa, Fiorentina-Palermo, Juventus-Atalanta, Lazio-Roma, Milan-Crotone, Napoli-Inter, Pescara-Cagliari, Sampdoria-Torino, Sassuolo-Empoli, Udinese-Bologna.

Mentre la Juventus continua a macinare bel gioco e conquistare sonanti vittorie, alle sue spalle le altre fanno a gara a chi fa meno, soprattutto la Roma, che contro l’Atalanta non solo perde la partita ma perde di vista anche la capolista, che adesso è lontana ben sette lunghezze, il Milan batte l’Inter e fa sua la seconda posizione e fanno passi avanti Napoli e Lazio. Nelle zone basse della classifica ancora sconfitte le ultime tre, Empoli, Pescara e Palermo e davanti a loro, a parte il Bologna, si fermano anche Sassuolo, Udinese, Genoa e Cagliari.  

Chievo e Cagliari si affrontavano per mantenere la buona e tranquilla posizione di mezza classifica e alla fine hanno avuto la meglio gli uomini di Rolando Maran che nonostante la non felice prestazione ottengono il massimo con il minimo sforzo confermandosi in zona tranquilla, perdono terreno i sardi, fermi appena sopra la zona pericolosa della retrocessione. Rete di Gobbi.

Contro l’Udinese, il Napoli andava alla ricerca della vittoria per cancellare le ultime brutte prestazioni ma soprattutto per non perdere troppo terreno dalla vetta della classifica, mentre per i friulani la vittoria serviva per confermare il buon lavoro di Del Neri: obiettivo centrato dalla squadra di Sarni che ad inizio ripresa, nel giro di dieci minuti affonda un uno-due che mette al tappeto gli avversari. Reti di Insigne (2) e Perica.

La Juventus batte agevolmente il Pescara e mette in saccoccia altri tre punti che le consentono di rimanere ben salda al comando della classifica, gli abruzzesi resistono solo un tempo perché nella ripresa i bianconeri aumentano leggermente la pressione e chiudono la gara in scioltezza. Reti di Khedira, Mandzukic e Hernanes.

Incredibile e spettacolare rimonta della Sampdoria che scende in campo all’ora di pranzo contro il Sassuolo, i blucerchiati priva vanno sotto di due reti e poi, a soli sei minuti dal termine compie la rimonta che consegna loro tre punti importantissimi che le fanno fare un importante balzo in avanti in classifica. Reti di Ricci, Ragusa, Muriel (2) e Quagliarella.

L’Atalanta si conferma la squadra più in forma del campionato e batte davanti al proprio pubblico la Roma, fino a ieri l’unica antagonista della capolista. La squadra di Gasperini vince in rimonta e conquista una posizione degna degli “squadroni” che contano, da rivedere i giallorossi che non sono riusciti a mantenere il livello di gioco espresso fino a qui. Reti di Caldara, Kessiè e Perotti.

Il Bologna gioca male per tre quarti di gara e giustamente va sotto di una rete contro un Palermo alla ricerca di punti salvezza, nell’ultima frazione di gioco però i felsinei ingranano la quarta e battono agevolmente i siciliani, adesso pericolosamente penultimi. Reti di Nestorovski, Destro, Dzemail e Viviani.

Ennesima sconfitta del Crotone, i calabresi mettono in campo tanto cuore e tanta volontà ma contro il Torino di questi tempi non basta e una doppietta nei minuti finali regala ai granata una vittoria che li rilega in tranquilla posizione di classifica. Reti di Belotti (2).

La Fiorentina fa suo il derby contro l’Empoli e torna a casa con una vittoria che permette ai gigliati di rimanere tranquilli a metà classifica, brutta gara per i padroni di casa che rimangono al terz’ultimo posto. Reti di Bernardeschi (2) e Ilicic (2).

Continua la marcia della Lazio che batte un Genoa, oggi apparso in scarsa forma, e vola alle spalle del trio che comanda la classifica, buona la prova degli uomini di Inzaghi e opaca, invece, quella degli uomini di Juric, sicuramente abituati a offrire altre prestazioni. Reti di Anderson, Biglia, Wallace e Ocampos.  

Il derby della madonnina fra Milan e Inter finisce in parità, un pareggio che accontenta entrambe, soprattutto i neroazzurri che hanno pareggiato proprio allo scadere, adesso gli uomini di Montella si trovano in seconda posizione insieme ai capitolini giallorossi. Reti di Suso (2), Candreva e Perisic.  

Risultati

Atalanta-Roma 2-1; Bologna-Palermo 3-1; Chievo-Cagliari 1-0; Crotone-Torino 0-2; Empoli-Fiorentina 0-4; Juventus-Pescara 3-0; Lazio-Genoa 3-1; Milan-Inter 2-2; Sampdoria-Sassuolo 3-2; Udinese-Napoli 1-2.

Classifica

Juventus 33; Roma e Milan 26; Atalanta e Lazio 25; Napoli 24; Torino 22; Fiorentina* 20; Chievo e Sampdoria e Inter 18; Bologna, Cagliari e Genoa* 16; Udinese 15; Sassuolo* 13; Empoli 10; Pescara 7; Palermo 6; Crotone 5.  

*Sassuolo 3 punti di penalizzazione

*Genoa e Fiorentina una partita in meno.

Prossimo turno

Bologna-Atalanta, Cagliari-Udinese, Crotone-Sampdoria, Empoli-Milan, Genoa-Juventus, Inter-Fiorentina, Napoli-Sassuolo, Palermo-Lazio, Roma-Pescara, Torino-Chievo.

Continua imperterrita la marcia della Juventus verso il tricolore, alle sue spalle rallenta il Napoli, fermato dalla Lazio, e rimangono a distanza invariata Roma e Milan, rispettivamente vincenti su Bologna e Palermo.

A metà classifica si confermano Lazio, Napoli e Torino mentre a suon di vittorie si fa autorevolmente sotto l’Atalanta che strapazza il Sassuolo. In fondo al gruppo timida ripresa per Udinese e Sampdoria ma rimangono distanziate agli ultimi tre posti Pescara, Palermo e Crotone.

Il Torino seppellisce sotto una valanga di reti il Cagliari e compie un notevole passo avanti in classifica, i granata giocano assai bene e mai corroso rischi inutili, da dimenticare la prova dei sardi, praticamente mai entrati in partita e ora fermi a quota sedici. Reti di Belotti (2), Baselli, Ljajic, Benassi e Melchiorri.

Napoli e Lazio si prendono a pallonate e giocano una partita spettacolare piena di emozioni ma ai partenopei non riesce di conquistare l’intera posta per poter continuare a sperare in chiave scudetto, è andata sicuramente meglio ai biancocelesti che conquistano un punto insperato ma utile a rimanere in zona Europa League. Reti di Hamsik e Keita.

Vista la classifica, Pescara ed Empoli giocavano uno scontro diretto per lasciare la terz’ultima posizione, proprio all’avversario ma con un tris di reti rifilati nella prima frazione, i toscani hanno messo il risultato al sicuro e raggiunto in classifica gli adriatici. Reti di Maccarone (2), Pucciarelli e Saponara.

La Juventus vince a fatica sul campo del Chievo e si conferma meritatamente alla testa della classifica, buona la gara dei veneti che alla lunga hanno dovuto però “piegarsi” alla forza degli avversari, sicuramente un gradino più tecnici. Reti di Pellissier, Mandzukic e Pjanic.

Un pareggio che alla fine accontenta il Genoa che torna a fare punti, e accontenta pure l’Udinese che grazie a Del Neri continua ad allungare la striscia di partite utili. Un tempo per ciascuna per un punto per una, che vuol dire fare un piccolo passo in classifica, consolidando quella attuale. Reti di Ocampos e Thèrèau.

Il Palermo mette alle corde il Milan e per gran parte della gara lo fa soffrire ma al termine di una partita che i rosanero hanno dominato in lungo e largo, a esultare di gioia sono i ragazzi di Montella che conquistano tre punti che valgono la terza posizione in classifica. Reti di Nestorovski, Suso e Lapadula.

Netta e meritata vittoria dell’Atalanta che batte il Sassuolo sul proprio terreno e conquista una posizione di classifica del tutto inimmaginabile. Un risultato che premia sicuramente l’ottimo lavoro di Gasperini e che getta sconforto fra gli emiliani, messi non proprio bene in classifica. Reti di Gomez, Caldara e Conti.

Giusto pareggio quello scaturito fra Fiorentina e Sampdoria, primo tempo meglio la viola che chiude in vantaggio e secondo tempo ad appannaggio dei blucerchiati che con un piccolo passo alla volta trovano il pareggio e si allontanano dalla zona rossa. Reti di Muriel e Bernardeschi.

Boccata d’ossigeno per l’Inter che contro il Crotone non è riuscita a trovare la rete fino a pochi minuti dal termine, fino a quando cioè nel giro di quattro minuti rifila tre reti ai calabresi che rimediano l’ennesima sconfitta che li rilega ancora all’ultimo posto della classifica. Reti di Perisic e Icardi (2).

La Roma batte il Bologna e rimane seconda in classifica a quattro lunghezze dalla capolista, i felsinei non hanno opposto alcuna resistenza e la vittoria dei giallorossi, oltre che essere stata meritata è stata anche facile. Reti di Salah (3).

Risultati

Chievo-Juventus 1-2; Fiorentina-Sampdoria 1-1; Genoa-Udinese 1-1; Inter-Crotone 3-0; Napoli-Lazio 1-1; Palermo-Milan 1-2; Pescara-Empoli 0-4; Roma-Bologna 3-0; Sassuolo-Atalanta 0-3; Torino-Cagliari 5-1.

Classifica

Juventus 30; Roma 26; Milan 25; Napoli 21; Atalanta e Lazio 22; Torino 19; Inter e Fiorentina* 17; Cagliari 16; Genoa* 16; Sampdoria, Chievo e Udinese 15; Bologna e Sassuolo* 13; Pescara ed Empoli 10; Palermo 6; Crotone 5.

*Sassuolo 3 punti di penalizzazione

*Genoa e Fiorentina una partita in meno.

Prossimo turno

Atalanta-Roma, Bologna-Palermo, Chievo-Cagliari, Crotone-Torino, Empoli-Fiorentina, Juventus-Pescara, Lazio-Genoa, Milan-Inter, Sampdoria-Sassuolo, Udinese-Napoli.

L'idea di questo Manuale nasce da molteplici esigenze: la prima è quella di aiutare le persone non solo atleti a migliorare le proprie performance, e/o di recuperare quelle che sono le “abilità” (Skills) residue necessarie al superamento delle difficoltà che incontrano atleti sia normodotati che disabili durante la loro carriera agonistica.

La seconda è quella di soddisfare la curiosità di molti i quali vedendo e sentendo parlare di possibilità di incremento delle proprie caratteristiche vogliono ”sperimentare” anche questo tipo di proposta innovativa e tecnologica al tempo stesso.

La tecnologia ha supportato, misurato qualsiasi tipo di biomeccanica corporea sia sulla terra che in acqua che in aria......

Ecco che allora partendo sempre dall'elemento umano si aprono nuove “opportunità” di affermazione della persona con i propri limiti sia fisici (fisiologici) che mentali (psichici), utilizzando e sperimentando come per l'uomo “vitruviano” la perfezione in senso figurato.

Certo siamo ambiziosi, ma la differenza la fa la condizione psico/fisica del soggetto e del momento nel quale si ricerca la prestazione. In certi casi è solo questione di tempo, in altri casi è solo questione di autostima o di autorealizzazione (Maslow).

La proposta è semplice e geniale al tempo stesso; in certi casi viene da dire:” ma come mai non ci ho pensato prima?”

Come in tutte le cose della vita ci vogliono delle teste pensanti che si adoperano, si sacrificano e mettono le loro risorse al servizio della ricerca e dell'umanità!

Certo che l'utilità di questo manuale possa accompagnare le future generazioni in studi e ulteriori approfondimenti, ritengo che possa essere utilizzato facilmente non solo come eserciziario, ma come faro propedeutico per tutti gli sport di resistenza, forza e potenza , migliorando la coordinazione e l'impegno neuromuscolare; adatto per istruttori, allenatori, fisioterapisti e di coloro si occupano di recuperi funzionali in acqua (idrokinesiologhi, ed operatori della salute in genere).

Per gli studenti di scienze motorie, fisioterapia etc. come valido spunto per effettuare tirocinio “guidato” affinché le idee di tutti possano migliorare quanto proposto, in funzione della situazione contingente. (temperatura dell'acqua, profondità, spazio a disposizione, numero degli atleti e/o delle persone /pazienti, tipo di patologia, tipo di trattamento, periodo dell'anno (mesociclo,macrociclo etc), condizioni esterne, condizioni interne dell'individuo, motivazione, stato d'ansia,stress, rapporto con gli istruttori, (operatore), schema corporeo e schema motorio disponibile, ecc.20161008 084337

Buon lavoro a tutti, ringraziando tutti coloro che hanno contribuito alla stesura di questo manuale e ricordando che il confronto migliora l'esperienza!!!!

Un ringraziamento particolare a mia moglie Lara, all'Ing. Ivan Boriani, all'Ing. Andrea e ai miei pazienti che si sono resi sempre disponibili, e a tutti coloro che ci hanno creduto.

 

Giuseppe Righini

 

MI ALLENO NUOTANDO CON STILE
G. RIGHINI –
ED. CARABA’ 18.00 EURO

La Juventus fa suo lo scontro al vertice contro il Napoli e allunga in classifica infatti adesso i bianconeri contano ben quattro lunghezze fra loro e la Roma, fermata sorprendentemente a Empoli, vincono anche Milan e Lazio che rimangono così nei quartieri alti della classifica, a metà di questa si fanno sotto Atalanta, Fiorentina, Cagliari e Torino. Nei quartieri bassi della graduatoria, prima vittoria per il Cosenza che batte il Chievo e inizia a dare un senso al proprio campionato, rimangono al palo Palermo, Empoli e Pescara.

La Fiorentina fa suo senta tanta fatica il derby dell’Appennino e, battendo il Bologna a domicilio, si porta nelle zone nobili della classifica, sicuramente una posizione più consona alle proprie aspettative, per i felsinei uno stop che non cancella comunque il buon lavoro svolto fino ad ora. Rete di Kalinic.

La Juventus non si ferma neanche davanti al Napoli e conquista una vittoria che la conferma capolista a ben sette lunghezze proprio dai partenopei, che giocano una buona gara ma incapaci di essere decisivi sottorete come i bianconeri. Reti di Bonucci, Higuain e Callejon.

L’Atalanta conferma di attraversare un buon momento e batte nettamente il Genoa, che a sua volta non riesce a ripetere l’exploit contro il Milan e si ferma a metà classifica, discorso opposto per gli orobici che volano alti in classifica. Reti di Kurtic (2) e Gomez.

E finalmente giunge anche la prima vittoria per il Crotone che batte il Chievo e riapre il suo campionato, piuttosto sottotono la partita dei clivensi che tornano a casa con zero punti e qualche piccolo problema da risolvere. Reti di Falcinelli e Trotta.

Il miglior attacco, quello della Roma, contro la peggior difesa, quella dell’Empoli, generano uno zero a zero che serve solo ai toscani infatti, pur rimanendo secondi i giallorossi non approfittano della possibilità di rimanere in scia della capolista e scivolano a quattro punti da essa.

La Lazio prima soffre ma alla fine della partita merita la vittoria contro il Sassuolo, tre punti che permettono ai biancocelesti di rimanere in ottima posizione di classifica, mentre il Sassuolo scivola verso il basso. Reti di Lulic, Immobile e Defrel.

Striminzita ma utile vittoria del Milan contro il Pescara che gioca per gran parte della gara meglio degli avversari ma ciò non basta per conquistare almeno un punto. I rossoneri riangono in ottima posizione di classifica mentre gli adriatici rimangono in zona pericolosa. Rete di Bonaventura.

La Sampdoria gioca la sua miglior partita della stagione e salva la panchina di Gianpaolo, batte una Inter che si sveglia solo nel finale e che assai poco aveva fatto per farla sua, bene invece i blucerchiati che agganciano in classifica proprio i neroazzurri. Rete di Quagliarella.

Fra Cagliari e Palermo c’erano in giuoco tre punti utili per la salvezza e a conquistarli sono stati i padroni di casa che fanno un grande passo avanti in classifica lasciando i siciliani al penultimo posto. Reti di Dessena (2) e Nestorovski.

Il Torino conquista un punto contro l’Udinese e aggancia in classifica la Fiorentina, i friulani invece fanno un piccolo passo avanti verso una zona più tranquilla. Risultato giusto anche perché entrambe non sono apparse al massimo della forma. Reti Thèrèau, Zapata, Benassi e Ljajic.

Risultati

Atalanta-Genoa 0-3; Bologna-Fiorentina 0-1; Cagliari-Palermo 2-1; Crotone-Chievo 2-0; Empoli-Roma 0-0; Juventus-Napoli 2-1; Lazio-Sassuolo 2-1; Milan-Pescara 1-0; Sampdoria-Inter 1-0; Udinese-Torino 2-2.

Classifica

Juventus 27; Roma 23; Napoli 20; Milan 22; Lazio 21; Atalanta 19; Torino, Cagliari e Fiorentina* 16; Genoa*, Chievo 15; Inter, Udinese e Sampdoria 14; Bologna e Sassuolo* 13; Pescara ed Empoli 7; Palermo 6; Crotone 5.

*Sassuolo 3 punti di penalizzazione

*Genoa e Fiorentina una partita in meno.

Prossimo turno

Chievo-Juventus, Fiorentina-Sampdoria, Genoa-Udinese, Inter-Crotone, Napoli-Lazio, Palermo-Milan, Pescara-Empoli, Roma-Bologna, Sassuolo-Atalanta, Torino-Cagliari.

Il Milan batte la Juventus e conquista meritatamente la seconda posizione a solo due lunghezze dai bianconeri, stesso discorso per la Roma che batte il Palermo e, anch’essa, si candida quale anti-juve, alle loro spalle rimane a galla il Napoli che soffre ma batte il Cosenza, ottime vittorie per Fiorentina e Atalanta che si portano entrambe in una zona decisamente più tranquilla, l’Inter invece entra in crisi e dopo la terza sconfitta consecutiva si trova ora in compagnia della Sampdoria che fa sua la stracittadina. Nulla di nuovo in fondo alla classifica, dove Pescara, Empoli, Palermo e Crotone si giocano la serie B.

La Sampdoria batte il Genoa e fa suo il derby numero centotredici al termine di una gara spettacolare giocata per lunghi tratti ad altissimi livelli, un palo per parte, un gol annullato ai rossoblù e un calcio di rigore parato da Perin fanno da contorno al derby più bello d’Italia. Reti di Muriel, Izzo (aut.) e Rigoni.

Il Milan di Montella batte la Juventus e si porta a due lunghezze dalla vetta, ottima gara dei padroni di casa che ribattono colpo su colpo e conquistano la sesta vittoria che fa sognare, dopo tanti anni, l’intera tifoseria rossonera. Rete di Locatelli.

L’Udinese batte il Pescara e conquista tre preziosi punti per la sua classifica, recriminano gli adriatici per le molte occasioni fallite e rimangono in zona pericolosa. Reti di Thèrèau (2), Zapata e Aquilani.

L’Atalanta infligge all’Inter la terza sconfitta consecutiva e decreta “ufficialmente” la piena e totale crisi della squadra milanese. Buona la prova degli orobici messi molto bene in campo da Gasperini. Reti di Masiello, Pinilla ed Eder.

Grandi emozioni nella gara fra Cagliari e Fiorentina, vinta dai viola al termine di novanta minuti giocati ad alta intensità agonistica. Con questa vittoria la viola si porta fuori dalla zona pericolosa. Reti di Di Gennaro, Capuano, Borriello, Kalinic (3) e Bernardeschi (2).  

Al Crotone non è stata sufficiente la spinta del proprio pubblico e perde contro un Napoli non apparso al meglio della forma ma che rimane nei quartieri alti della classifica, sempre fermi a un punto i calabresi. Reti di Rosi, Callejon e Maksimovic.

Empoli e Chievo giocano una gara senza impegno e totalmente priva di emozioni, inevitabile il doppio zero finale.

Un tempo per uno fra Torino e Lazio e giusto pareggio che permette ad entrambe di fare un piccolo passo in classifica. Reti di Falque, Ljajic, Immobile e Murgia.

Finisce in parità la partita fra Bologna e Sassuolo, una gara tenuta in mano per gran parte del tempo dai felsinei che sbagliano troppe occasioni da rete, errori che non commettono gli uomini di Di Francesco che trovano il pareggio a pochi minuti dal termine. Reti di Verdi e Matri.

La Roma batte agevolmente il Palermo e si affianca al secondo posto a due punti dalla capolista, vita facile per gli uomini di Spalletti che hanno subito messo il risultato al sicuro, per i siciliani uno stop preventivato che li lascia al penultimo posto della classifica. Reti di Salah, Paredes, Dzeko, El Shaarawy e Quaison.

Risultati

Atalanta-Inter 2-1; Bologna-Sassuolo 1-1; Cagliari-Fiorentina 3-5; Crotone-Napoli 1-2; Empoli-Chievo 0-0; Milan-Juventus 1-0; Roma-Palermo, Sampdoria-Genoa 2-1; Torino-Lazio 2-2; Udinese-Pescara 3-1.

Classifica

Juventus 21; Milan 19; Napoli 17; Roma 16; Torino e Lazio 15; Chievo 14; Sassuolo*, Atalanta e Cagliari 13; Bologna, Fiorentina* e Genoa* 12; Inter e Sampdoria 11; Udinese 10; Pescara 7; Palermo ed Empoli 6; Crotone 1.  

*Sassuolo 3 punti di penalizzazione

*Genoa e Fiorentina una partita in meno.

Prossimo turno

Chievo-Bologna, Fiorentina-Crotone, Genoa-Milan, Inter-Torino, Juventus-Sampdoria, Lazio-Cagliari, Napoli-Empoli, Palermo-Udinese, Pescara-Atalanta, Sassuolo-Roma.

© 2022 FlipNews All Rights Reserved