L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Sport (247)

 

Rino R. Sortino

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

Con la Juventus che ormai festeggia il quinto tricolore consecutivo da una settimana, Napoli e Roma si giocano la piazza d’onore, per ora ad appannaggio di partenopei.

Per i piazzamenti Champions ed Uefa League invece, Inter e Fiorentina rimangono in quarta e quinta posizione mentre fa un grosso passo in avanti il Sassuolo che supera il Milan e conquista momentaneamente una qualificazione Uefa, proprio a danno degli stessi rossoneri.

La retrocessione vede ormai un discorso fra Carpi, Palermo, Udinese e Sampdoria, anche se a quest’ultima manca solo un punto per la matematica salvezza e, forse, nemmeno quello.

Il Torino impartisce una severa lezione a quelli dell’Udinese e gli rifila cinque reti a domicilio che servono al morale e basta, per i friulani invece, mai entrati in partita, manca ancora la matematica certezza di esser salvi e tanto basta per rimanere in “allarme”. Reti di Felipe, Jansson, Acquah, Belotti e Martinez (2).

Nonostante parecchie occasioni fallite di un soffio e pali e traverse da una parte e l’altra, fra Chievo e Fiorentina finisce con uno striminzito doppio zero che scontenta soprattutto i tifosi viola, ancora speranzosi di poter raggiungere la quarta piazza.

Dall’alto dello strapotere dimostrato, la Juventus soffre ma vince l’ennesima partita e lo fa contro il Carpi, che si giocava una delle ultime chanche per rimanere nella massima serie e che ora avrà a disposizione solo le due ultime gare di campionato. Reti di Hernanes e Zaza.  

Gara tranquilla e di fine stagione quella fra Empoli e Bologna, infatti i toscani già salvi nulla avevano più da chiedere a questa bella stagione e ai felsinei mancava giusto questo punto per raggiungere la matematica salvezza.

Rocambolesco pareggio del Milan contro il Frosinone, in una gara che vedeva impegnate due compagini alla disperata ricerca di punti: la prima per evitare il “ritorno” del Sassuolo e la seconda per non perdere le ultime possibilità di giocarsi la salvezza fino all’ultimo minuto. Reti di Bacca, Antonelli, Menez, Paganini, Kragl e Dionisi.

Importantissima vittoria del Sassuolo contro il Verona già retrocesso, gli emiliani conquistano tre pesanti punti grazie ai quali superano in classifica il Milan e conquistano una preziosa sesta posizione che vale la partecipazione alle coppe europee. Rete di Pellegrini.

Il Palermo tenta il miracolo e per realizzarlo aveva bisogno di battere la Sampdoria operazione riuscita grazie al miglior agonismo messo in campo e la fame di vittoria che, al contrario dei blucerchiati, sono assolutamente essenziali per sperare fino in fondo. Reti di Vazquez e Krsticic (aut.).

Consapevole forse, che il quarto posto ormai è roba sua, l’Inter affronta la Lazio all’Olimpico con la testa altrove e i biancocelesti non si lasciano fuggire una vittoria d’orgoglio che le permette di guadagnare una posizione in classifica e distendere gli animi. Reti di Klose e Candreva.

Il Genoa affronta la Roma con in testa il derby del prossimo turno, ecco perché Gasperini non schiera i diffidati e alla Roma riesce una rimonta che sa di miracoloso. Infatti a pochi minuti dal termine i padroni di casa erano in vantaggio e poi nel giro pochi minuti il clamoroso capovolgimento del risultato. Reti di Tachtsidis, Pavoletti, Salah, Totti e El Shaarawy.

Il Napoli vuole tenersi ben stretta la seconda posizione e a farne le spese questa sera è l’Atalanta, che prova a fermare la furia azzurra, delusa dal tricolore ancora una volta sfuggito, ma nulla può contro la forza di Higuain, che con la doppietta odierna raggiunge la cifra di 32 reti. Reti Di Higuain (2) e Albiol.

Risultati

Udinese-Torino 1-5; Chievo-Fiorentina; Juventus-Carpi 2-0; Empoli-Bologna 0-0; Milan-Frosinone 3-3; Sassuolo-Verona 1-0; Palermo-Sampdoria 2-0; Lazio-Inter 2-0; Genoa-Roma 2-3; Napoli-Atalanta 2-1.

Classifica

Juventus 88; Napoli 76; Roma 74; Inter 64; Fiorentina 60; Sassuolo 55; Milan 54; Lazio 51; Chievo 49; Torino 45; Empoli 44; Genoa 43; Atalanta 41; Bologna 41; Sampdoria 40; Udinese 38; Carpi e Palermo 35; Frosinone 31; Verona 25.

Prossimo turno

Inter-Empoli; Bologna-Milan; Roma-Chievo; Sampdoria-Genoa; Carpi-Lazio; Fiorentina-Palermo; Frosinoine-Sassuolo; Atalanta-Udinese; Verona-Juventus; Torino-Napoli.

Grazie alla vittoria contro la Fiorentina e la contemporanea sconfitta del Napoli contro la Roma, la Juventus conquista matematicamente il suo quinto tricolore consecutivo, la piazza d’onore adesso se la giocano Napoli e Roma, divise solo da due punti. Per la corsa verso un piazzamento Uefa si fa sotto il Sassuolo che vince contro il Torino e perdono irrimediabilmente terreno Lazio e Chievo, sconfitte da Sampdoria e Atalanta. La lotta per la salvezza registra il gran colpo del Palermo che ridà fiducia alle proprie speranze e quella del Carpi che batte l’Empoli e fa un grosso passo avanti verso la sospirata salvezza, discorso che a questo punto affronteranno con meno speranze ma pur possibile, anche Palermo e Frosinone.

Nella prima partita della storia della serie A senza nessun giocatore italiano in campo, l’Inter batte l’Udinese e mantiene ben saldo il quarto posto, con la speranza di poter scalzare, più prima che poi, il terzo posto della Roma. Partita ricca di emozioni che ha visto i friulani soccombere poco dopo aver rischiati di acciuffare il pareggio. Reti di Jovetic (2), Eder e Thèrèau.

Importante vittoria del Palermo, in trasferta contro il Frosinone, che permette ai siciliani di continuare a salvare e comunque mettersi alle spalle proprio i frosinati, che adesso hanno bisogno di non perdere più nessuna delle prossime tre partite. Reti di Gilardino e Aleksandar.

L’Atalanta batte di misura il Chievo al termine di una partita che più nulla aveva da dare e chiedere al campionato, infatti entrambe salve con nessuna velleità per la zona qualificazione Europa League. Rete di Borriello.

Il Bologna conquista meritatamente la vittoria contro il Genoa, che ogni anno dopo la raggiunta salvezza gioca le ultime partite con la testa alle vacanze. Una rete per tempo permette ai felsinei di sigillare una salvezza che a metà campionato sembrava utopia. Reti di Giaccherini e Floccari.

La Sampdoria batte in rimonta la Lazio e conquista la matematica salvezza davanti al pubblico di casa, con questa sconfitta gli ospiti si allontanano dalla zona Uefa. Reti di Fernando, Diakitè e Djordjevic.

Brutto scivolone interno del Torino che permette al Sassuolo di portare a casa tre punti utili a mantenere vive le speranze di una qualificazione europea. Reti di Bruno Peres, Sansone, Peluso e Trotta.

La Juventus vince in casa della Fiorentina al termine di una partita che ha registrato un maggior possesso palla della viola e almeno tre occasioni clamorose per raggiungere almeno il pareggio, occasione quindi persa per i gigliati che avrebbero potuto avvicinare la quarta posizione. Reti di Kalinic, Mandzukic e Morata.

La Roma batte il Napoli e lo estromette definitivamente dalla lotta per lo scudetto, consegnato dai giallorossi alla Juventus con tre giornate d’anticipo. Ancora una volta decisivo è stato l’ingresso in campo di Francesco Totti che entrato a pochi minuti dal termine, ha illuminato il reparto offensivo permettendo a Spalletti di giocarsi la seconda posizione. Rete di Nainggolan.

Il Verona ritrova l’orgoglio e contro il Milan sfodera una prestazione superlativa che permette agli scaligeri di rispedire a casa i rossoneri con le pive nel sacco e i tanti problemi che la società pensava di eliminare con l’arrivo di Brocci. Reti di Pazzini, Siligardi e Menez.

Il Carpi batte l’Empoli e fa un grande passo avanti verso la salvezza, che a questo punto è fra le proprie mani visto che è riuscito a mettersi alle spalle, e con qualche punto di vantaggio, Palermo e Frosinone. Rete di Lasagna.

Risultati

Inter-Udinese 3-1; Frosinone-Palermo 0-2; Atalanta-Chievo 1-0; Bologna-Genoa 2-0; Sampdoria-Lazio 2-1; Torino-Sassuolo 1-3; Fiorentina-Juventus 1-2; Roma-Napoli 1-0; Verona-Milan 2-1; Carpi-Empoli 1-0.

Classifica

Juventus 85; Napoli 73; Roma 71; Inter 64; Fiorentina 59; Milan 53; Sassuolo 52; Chievo e Lazio 48; Empoli e Genoa 43; Torino 42; Atalanta 41; Bologna e Sampdoria 40; Udinese 38; Carpi 35; Palermo 32; Frosinone 30; Verona 25.

Prossimo turno

Udinese-Torino; Chievo-Fiorentina; Juventus-Carpi; Empoli-Bologna; Milan-Frosinone; Sassuolo-Verona; Palermo-Sampdoria; Lazio-Inter; Genoa-Roma; Napoli-Atalanta.

 Obiettivo scudetto. Il Napoli perde contro l’Inter e dice addio allo scudetto a favore della Juventus che invece contro il Palermo, ormai quasi condannato alla serie B, gioca come sempre e gli rifila quattro reti, una vittoria che spiana la strada al quinto scudetto consecutivo targato Juve.

Obiettivo coppe europee: Con la sconfitta del Napoli ora traballa anche la seconda posizione, ma la Roma non ne approfitta e pareggiando a Bergamo rimane a cinque punti dai partenopei, si fanno sotto l’Inter e la Fiorentina, mentre il Milan, che col neo allenatore Brocchi, vince a Marassi contro la Sampdoria e i permette di coltivare, ancora, qualche sogno di gloria.

Obiettivo salvezza: Al Verona manca solo la matematica ma praticamente è già in serie B, Carpi e Frosinone vincono e si mettono alle spalle il sempre più in crisi Palermo, adesso penultimo. A quattro giornate dal termine, saranno Carpi e Frosinone a giocarsi l’unico posto disponibile per la salvezza.

Il Torino espugna in extremis il campo del Bologna e mette fine, anche matematicamente, al discorso salvezza. Gara soporifera giocata a ritmo blando e senza la giusta verve, decisa al terzo minuto di recupero grazie a un calcio di rigore che alla fine premia i granata. Rete di Belotti.

Contro il Genoa, il Carpi si giocava gran parte delle poche chance che aveva a diposizione per tentare di rimanere in serie A e alla fine, gli uomini di Fabrizio Castori, al termine di una gara combattuta e densa di colpi di scena, riescono a rifilare quattro reti al grifone e superare in classifica il Palermo, che ad oggi vorrebbe dire salvezza certa. Reti di Sabelli, Di Gaudio, Lollo, Pasciuti e Pavoletti.

Inter e Napoli si sono affrontate a viso aperto una per cercare di tentare l’assalto al terzo posto e l’altra per non perdere ulteriore terreno dalla capolista e quindi continuare a sperare nel tricolore, hanno avuto la meglio gli uomini di Roberto Mancini che con un gol per tempo hanno spento tutti i sogni dei partenopei e, praticamente, fatto un grande regalo alla capolista. Reti di Icardi e Brozovic.

L’Atalanta scende in campo con l’intento di fare “male” alla Roma e a metà della ripresa, dopo averla rimontata di due reti e col pareggio in tasca, si butta all’attacco a testa bassa alla ricerca del gol vittoria, addirittura lo trova ad inizio del secondo tempo ma non riesce a chiudere la gara, invece riesce a segnare la Roma che trova il pareggio a pochi minuti dal termine. Reti di D’alessandro, Borriello (2), Digne, Nainggolan e Totti.

All’Udinese non riesce l’impresa di battere il Chievo e alla fine deve accontentarsi di un punto che almeno muove la classifica e che le permette di mantenere quattro punti di distanza dalla terz’ultima posizione.

Il Frosinone batte a domicilio il Verona, un risultato che condanna matematicamente gli scaligeri e ridà fiducia ai frosinati che superano il Palermo e ora inseguono il Carpi a un sol punto. Reti di Bianchetti, Russo e Frara.

Poker della Juventus sul Palermo, ai bianconeri non è sfuggita l’occasione di conquistare di tre punti e mettersi il Napoli a più nove punti, risultato che permette di gestire il vantaggio e avviarsi senz’affanno allo scudetto. Reti di Khedira, Pogba, Cuadrado e Padoin.

La Fiorentina ritrova la vittoria e lo fa a danno di una squadra che esprime il miglior calcio nostrano, il Sassuolo. Gli emiliani hanno provato a mettere in difficoltà la viola ma la scarsa concentrazione ha dato vita a una serie di errori fatali. Reti di Rodriguez, Ilicic, Consigli (aut.) e Berardi.

Lazio ed Empoli non avevano più nulla da dire al campionato ma Simone Inzaghi, neo allenatore laziale, aveva voglia di continuare la striscia positiva, per contro aveva comunque una squadra demotivata e senza quella brillantezza che l’ha sempre contraddistinta. Reti di Candreva e Onazi.

La Sampdoria perde i casa contro il Milan al termine di una gara dai due volti e giocata bene un tempo per una, forse il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto ma i rossoneri, con in panca il neo allenatore Brocchi, non hanno rubato nulla. Rete di Bacca.

Risultati

Bologna-Torino 0-1; Carpi-Genoa 4-1; Inter-Napoli 2-0; Atalanta-Roma 3-3; Udinese-Chievo 0-0; Verona- Frosinone 1-2; Juventus-Palermo 4-0; Fiorentina-Sassuolo 3-1; Lazio-Empoli 2-0; Sampdoria-Milan 0-1.

Classifica

Juventus 79; Napoli 70; Roma 65; Inter 61; Fiorentina 59; Milan 52; Sassuolo 48; Chievo e Lazio 45; Torino 42; Genoa 40; Empoli 39; Bologna 37; Atalanta 37; Sampdoria 36; Udinese 35; Carpi 31; Frosinone 30; Palermo 28; Verona 22.

Prossimo turno

Napoli-Bologna; Sassuolo-Sampdoria; Palermo-Atalanta; Udinese-Fiorentina; Chievo-Frosinone; Empoli-Verona; Genoa-Inter; Juventus-Lazio; Roma-Torino; Milan-Carpi.

 

La Juventus continua a macinare vittorie su vittorie e battendo a domicilio il Milan si avvicina sempre di più al quinto scudetto consecutivo, mantengono intatto lo svantaggio il Napoli che batte il Verona, rimane terza la Roma, che pareggia contro il Bologna mentre l’Inter approfitta della sconfitta della Fiorentina per superala e conquistare la quarta posizione. A metà classifica il Genoa si fa largo battendo il Sassuolo, che nonostante la sconfitta rimane però a meno un punto dal Milan e quindi in piena zona Europa League, vince anche il Torino contro l’Atalanta e la Sampdoria, che batte l’Udinese e conquista una “quasi” salvezza. In fondo al gruppo perdono Verona, Carpi, Frosinone e Palermo, destinate a giocarsi fra loro l’unico posto valido per rimanere in seria A.

Rosicata vittoria esterna dell’Inter che batte il Frosinone nonostante la buona prova dei frosinati, piegati a pochi minuti dal termine e adesso ancora più lontani, anche se la matematica lascia una porta aperta, dalla salvezza, la squadra di Mancini invece, supera in classifica la Fiorentina e conquista la quarta posizione. Rete di Icardi.

Il Sassuolo affronta il Genoa consapevole che una vittoria potrebbe spalancargli le porte dell’Europa League ma alla fine il risultato premia i rossoblù che raccolgono più di quello che hanno seminato ed espugnano il Mapei conquistando una posizione di tutto rispetto. Rete di Dzemail.

Il Chievo festeggia la matematica salvezza a danno del Carpi che perde partita e possibilità di migliorare la precaria posizione di classifica. Rete di Pellissier.

La Juventus vince anche a casa del Milan e, a meno sette partite dal termine, mantiene la distanza di sei punti

da chi la insegue. I rossoneri hanno provato a mettere paura agli avversari con una buona prova dell’organico ma la rimonta dei bianconeri, grazie anche a un super Buffon, ha vanificato il tutto. Reti di Alex, Mandzukic e Pogba.

Il derby toscano fra Empoli e Fiorentina ha registrato la vittoria, non troppo a sorpresa, dei padroni di casa che con un gol per tempo conquistano la matematica salvezza, la viola rimane comunque da sola al quinto posto. Reti di Pucciarelli e Zielinski.

Fra Torino e Atalanta la posta in palio aveva solo valore sportivo infatti, entrambe salve, al termine di novanta minuti giocati con scarso agonismo e voglia, hanno vinto i granata che conquistano la certa salvezza e festeggiano insieme agli avversari. Reti di Peres, Lopez e Cigarini.

Il Napoli batte il Verona e mantiene intatta la distanza dalla capolista, nonostante la squalifica di Higuain i partenopei giocano a memoria e rifilano tre reti al malcapitato Verona, ancora salvo perché lo dice la matematica. Reti di Gabbiadini, Insigne e Callejon.

Contro l’Udinese, la Sampdoria doveva ritrovare la vittoria per allontanarsi definitivamente dalla zona pericolosa e alla fine raggiunge il sospirato obiettivo, anche se non matematico, grazie anche ad una ripresa volta alla ricerca della vittoria. Reti di Muriel e Fernando.

Il Palermo perde in casa contro la Lazio e rimane al terz’ultimo posto a braccetto del Carpi. Squadra rosanero ormai allo sbando infatti, al termine della gara Zamparini ha esonerato il neo allenatore Novellino per richiamare Ballardini, discorso diverso invece per Simone Inzaghi, il neo allenatore laziale che esordisce con una vittoria scaccia crisi. Reti di Klose (2) e Felipe Anderson.

La Roma non riesce a battere il Bologna e perde due preziosi punti per tentare di raggiungere la seconda posizione, i giallorossi avrebbero meritato la vittoria ma per contro, i felsinei hanno disputato una gara coraggiosa. Reti di Salah e Rossettini.

Risultati

Frosinone-Inter 0-1; Sassuolo-Genoa 0-1; Milan-Juventus 1-2; Empoli-Fiorentina 2-0; Torino-Atalanta 2-1; Chievo-Carpi 1-0; Napoli-Verona 3-0; Sampdoria-Udinese 2-0; Palermo-Lazio 0-3; Roma-Bologna 1-1.

Classifica

Juventus 76; Napoli 70; Roma 64; Inter 58; Fiorentina 56; Milan 49; Sassuolo 48; Chievo 44; Lazio 42; Genoa 40; Empoli e Torino 39; Bologna 37; Sampdoria e Atalanta 36; Udinese 34; Palermo e Carpi 28; Frosinone 27; Verona 22.

Prossimo turno

Bologna-Torino; Carpi-Genoa; Inter-Napoli; Atalanta-Roma; Udinese-Chievo; Verona- Frosinone; Juventus-Palermo; Fiorentina-Sassuolo; Lazio-Empoli; Sampdoria-Milan.

 Il Napoli a Udine perde clamorosamente contro l’Udinese la partita e, forse, anche le ultime chanche di conquistare il tricolore, soprattutto perché la Juventus non molla infatti, grazie alla vittoria sul’Empoli, ora i bianconeri hanno un importante vantaggio di ben sei punti proprio sui partenopei. Dietro a esse fanno punti la Roma che si aggiudica il derby contro la Lazio e la Fiorentina, che pareggia in casa contro la Sampdoria, l’Inter perde clamorosamente in casa contro il Torino e rimane in quinta posizione. A metà classifica importante vittoria del Sassuolo, che si consolida dietro le big e del Chievo, che ottiene la salvezza e un posto ottimo in classifica, si fermano Milan e Lazio, che registrano una pesante sconfitta nei derby contro Atalanta e Roma. In fondo alla classifica, a parte l’ormai spacciato Verona, si giocano un posto per la salvezza, Palermo Carpi e Frosinone, tutte pesantemente sconfitte da Empoli, Chievo e Genoa.

Il Carpi cade in casa contro il Sassuolo e perde una ghiotta occasione per alimentare le poche speranze di salvezza anche se ancora l’ultima parole non è stata detta. Troppi errori difensivi e poca precisione sottorete hanno permesso agli avversari di vincere e assestarsi fra le big del campionato. Reti di Gagliolo, Sansone, Defrel e Acerbi. Alla Juventus basta il minimo scarto per avere la meglio sull’Empoli e consolidare il primato in classifica. I toscano hanno resistito il più possibile e alla fine devono accontentarsi di aver limitato la sconfitta, grazie anche ai tanti errori dei bianconeri. Rete di Mandzukic. Contro l’Udinese il Napoli aveva il non facile compito di vincere per rimanere alle spalle della capolista ma i friulani, con in panca il fresco De Canio, hanno reso talmente difficile la vita ai partenopei che il risultato finale, oltre a non fare una grinza, premia meritatamente i padroni di casa che fanno un importante e decisivo passo verso la salvezza. Reti di Fernandes (2), Thèrèau e Higuain. Il Genoa supera nettamente il Frosinone e mette definitivamente una pietra sopra il discorso salvezza, obiettivo opposto per i frosinati che rimangono penultimi e, nonostante sette partite al termine, con la salvezza sempre più lontana. Reti di Suso (3) e Rigoni. Il derby lombardo fra Atalanta e Milan ha visto la vittoria degli orobici che trovano la forza di ribaltare lo svantaggio iniziale e fare un importante passo avanti verso la salvezza. Reti di Pinilla, Gomez e Luiz Adriano. Secca vittoria del Chievo che batte il Palermo e condanna i siciliani a un brutto finale di campionato, infatti ora i rosanero si trovano ancor più immischiati nella lotta salvezza mentre i veneti conquistano la matematica salvezza. Reti di Cacciatore, Rigoni, Birsa e Gilardino. La Roma umilia la Lazio e fa suo il derby capitolino grazie anche alla scarsa forma dei biancocelesti, fischiati a fine gara dal pubblico. I giallorossi adesso puntano la seconda posizione del Napoli, che vacilla sempre di più. Reti di Parolo, El Shaarawy, Florenzi e Perotti. Buon punto della Sampdoria contro la Fiorentina, gli uomini di Montella hanno giocato una partita accorta e attenta e approfittato dello scarso periodo che attraversa la viola per fare un piccolo passo avanti verso la salvezza. Reti di Ilicic e Alvarez. Il Torino batte l’Inter a domicilio e conquista una tranquilla posizione di classifica che gli permette di non giocare le ultime gara con l’acqua alla gola. I Nerazzurri invece, che si sono fatti rimontare l’iniziale vantaggio, non approfittano del passo falso della viola per poterli superare in classifica e raggiungere così la quarta posizione. Reti di Icardi, Molinaro e Belotti. Nell’ultimo posticipo della giornata, Bologna e Verona giocano una per andare oltre la matematica salvezza conquistata da pochi giorni e l’altra per negare alla matematica la certa retrocessione: obiettivo raggiunto dagli scaligeri ai quali basta una rete nel primo tempo per rinviare l’amaro verdetto. Rete di Samir.      

Risultati

Carpi-Sassuolo 1-3; Juventus-Empoli 1-0; Udinese-Napoli 3-1; Genoa-Frosinone 4-0; Atalanta-Milan 2-1; Chievo-Palermo 3-1; Lazio-Roma 1-4; Fiorentina-Sampdoria 1-1; Inter-Torino 1-2; Bologna-Verona 0-1.

Classifica

Juventus 73; Napoli 67; Roma 63; Fiorentina 56; Inter 55; Milan 49; Sassuolo 48; Lazio 42; Chievo 41; Genoa 37; Atalanta, Torino, Bologna ed Empoli 36; Udinese 34; Sampdoria 33; Palermo e Carpi 28; Frosinone 27; Verona 22.

Prossimo turno

Frosinone-Inter; Sauolo-Genoa; Milan-Juventus; Empoli-Fiorentina; Torino-Atalanta; Chievo-Carpi; Napoli-Verona; Sampdoria-Udinese: Palermo-Lazio; Roma-Bologna.

In testa alla classifica si conferma la Juventus che, dopo la cocente eliminazione dalla Champions League ad opera del Bayern Monaco, batte il Torino nel classico derby della Mole, il Napoli soffre contro il Genoa ma alla fine riesce a vincere e mantenersi a distanza, per la terza piazza sembra che la Roma sia la più accreditata anche se alle sue spalle spingono il duo Inter e Fiorentina, appaiate al quarto posto. A metà classifica il Sassuolo si conferma la più forte dopo il gruppo che conta mentre Milan e Lazio pareggiano lo scontro diretto e rimangono salde in zona neutra. Nella zona rossa vince il Chievo che batte la Sampdoria la quale dovrà ancora combattere per conquistare ulteriori punti salvezza, il Genoa perde a Napoli ma resta in zona abbastanza tranquilla mentre il Palermo, che pareggia a Empoli, viene agganciato al terz’ultimo posto dal Carpi che vince a Verona e quindi, se finisse oggi il campionato, sarebbe condannato alla retrocessione. Il Frosinone conquista un buon punto contro la Fiorentina e avvicina Carpi e Palermo.

mpoli e Palermo, che anticipano per primi la trentesima giornata del campionato, finiscono per annullarsi a vicenda e conquistare un piccolo punto che serve più ai toscani che ai siciliani, infatti i rosa nero non vincono da ben nove giornate e nelle uEmpoli e Palermo, che anticipano per primi la trentesima giornata del campionato, finiscono per annullarsi a vicenda e conquistare un piccolo punto che serve più ai toscani che ai siciliani, infatti i rosa nero non vincono da ben nove giornate e nelle ultime cinque hanno segnato solo una rete. Un arduo compiti quello che spetta al neo allenatore Valter Novellino.

La Roma infila il nono risultato utile consecutivo ma non riesce a batter l’Inter che passa in vantaggio e mette i giallorosso in seria difficoltà per tutta la partita, pareggio comunque meritato e giunto al termine di una gara giocata bene da ambo le parti. Reti di Nainggolan e Perisic.  

Dopo quattordici partite senza vittoria, l’Atalanta batte il Bologna e da una grossa sterzata verso una salvezza complicata ma possibile. Gli orobici hanno impostato la gara fin dai primi minuti a ritmi vertiginosi e i felsinei, forse paghi della matematica salvezza, non hanno trovato la forza di controbattere. Reti di Gomez e Diamanti.

La Sampdoria, contro il Chievo, aveva l’obbligo di vincere per alimentare le chanche salvezza ma le cose si sono maledettamente complicate dopo il vantaggio clivense giunto alla mezz’ora. Nella ripresa i blucerchiati sfiorano il pareggio ma gli ospiti meritano ampiamente la vittoria. Rete di Meggiorini.

Il Carpi compie l’impresa di andare a vincere sul non facile campo del Verona e conquistare, e finisse adesso il campionato, la salvezza. Gli uomini di Castori infatti hanno raggiunto il Palermo e ora guardano alla salvezza con più ottimismo. Reti di Ionita, Di Gaudio e Lasagna.

Il Frosinone ferma la Fiorentina sul pareggio e conquista un prezioso punto che l’avvicina ulteriormente ad altre squadre, per “risucchiarle” nella zona salvezza. Gara nervosa e ritmi intensi che nessuno degli attaccanti in campo riesce a risolvere.

La Juventus vince in trasferta il derby e condanna il Torino al “purgatorio”, infatti i granata navigano ancora in zone poco tranquille quindi ancora bisogno di punti. Gara mai messa in discussione vista la forza dei bianconeri e la pochezza granata, unico “neo” bianconero è l’imbattibilità persa da Buffon, che ferma il suo record a 973 minuti. Reti di Belotti, Pogba, Khedira e Morata (2).

Sassuolo e Udinese si spartiscono la posta ma per il punto conquistato gioiscono solo gli emiliani che si confermano settima forza del campionato, discorso opposto invece per i friulani che rimangono a soli tre punti dalla serie B. Reti di Politano e Zapata.  

Il Genoa a Napoli prima passa in vantaggio ma poi, quando i partenopei innescano la quarta, non riesce più ad arginare le folate offensive di Higuain & Company che rifilano ai rossoblù tre reti e mantengono intatta la ditanza dalla Juventus. Reti di Rincon, Higuain (2) ed El Kaddouri.  

Milan e Lazio giocano per acchiappare al volo l’ultima possibilità il treno per l’Europa ma il pareggio finale rinvia, forse definitivamente, ogni possibilità. Reti di Parolo e Bacca.  

Risultati

Empoli-Palermo 0-0; Roma-Inter 1-1; Atalanta-Bologna 2-0; Verona-Carpi 1-2; Sampdoria-Chievo 0-1; Frosinone-Fiorentina 0-0; Napoli-Genoa 3-1; Torino-Juventus 1-4; Milan-Lazio 1-1; Sassuolo-Udinese 1-1.

Classifica

Juventus 70; Napoli 67; Roma 60; Inter e Fiorentina 55; Milan 49; Sassuolo 45; Lazio 42; Chievo 38; Bologna ed Empoli 36; Genoa 34; Torino e Atalanta 33; Sampdoria 32; Udinese 31; Palermo e Carpi 28; Frosinone 27; Verona 19.

Prossimo turno

Carpi-Sassuolo; Juventus-Empoli; Udinese-Napoli; Genoa-Frosinone; Atalanta-Milan; Chievo-Palermo; Lazio-Roma; Fiorentina-Sampdoria; Inter-Torino; Bologna-Verona.

In testa alla classifica la Juventus continua a macinare punti e ora va a caccia anche dell’imbattibilità di Buffon che ha chiuso la porta da oltre dieci partite, il Napoli vince a Palermo e rimane subito dietro mentre la Roma, grazie all’ottava vittoria consecutiva targata Spalletti, in chiave scudetto potrebbe ancora dire la sua. A metà classifica piccoli passi o battute d’arresto per Milan, Sassuolo, Chievo, Bologna ed Empoli, si salva la Lazio che batte l’Atalanta e si assesta in settima posizione. In fondo alla classifica il Genoa batte Torino e si tira definitivamente fuori dalla lotta, la Sampdoria fa mezzo passo avanti ma dovrà ancora sudare, perdono Atalanta e Palermo che da oggi in avanti rischiano assai grosso. Il Carpi batte il Frosinone e alimenta le chanche di giocarsi la salvezza fino alla fine del campionato. Praticamente spacciato il Verona Hellas.

La Juventus batte di misura il Sassuolo e grazie al diciannovesimo risultato utile consecutive mantiene la testa della classifica. Vittoria importante ma sofferta perché gli ospiti hanno rischiato di pareggiare dopo innumerevoli occasioni di raddoppio fallite dai bianconeri. Rete di Dybala.

L’Empoli conquista un punto dopo quattro sconfitte che gli permette di muovere la classifica e riacquistare un po più di fiducia, la Sampdoria invece conquista un prezioso punto che avrebbe sottoscritto ad inizio gara. Reti di Laurini e Quagliarella.

Grazie a qualche disattenzione di troppo sui calci da fermo del Bologna, l’Inter batte il felsinei e scacciano via i venti di crisi che iniziavano a farsi sentire alla “Pinetina”. Gara bloccata sullo zero a zero fino a venti dal termine, quando al doppio vantaggio dei padroni di casa il risveglio ospite giungeva troppo in ritardo. Reti di Perisic, D’ambrosio e Brienza.

Chievo e Milan hanno dato vita a un incontro di poco spessore tecnico e consce che una sconfitta avrebbe messo in crisi entrambe. Troppi limiti per assistere a una partita combattuta e spettacolare, ecco il perché del doppio zero finale che accontenta entrambe, senza infamia ne lode.

Importante vittoria del Genoa che anche in questa occasione ha fatto valere la legge del Ferraris, che vede i grifoni vincere di rimonta e trascinare lo stadio a inni e battimani. Questa volta a farne le spese è stato il Torino il quale, in doppio vantaggio dopo soli venti minuti, credeva di avere ormai la vittoria in tasca. Reti di Cerci (2), Rigoni e Immobile (2).

La Roma sbanca anche il campo dell’Udinese e manda all’inferno i friulani che da oggi devono pensare a giocare per raggiungere una salvezza non difficile ma complicata. Soprattutto se a complicarsi la vita sono proprio i friulani che, per esempio oggi, al cospetto di un avversario che vince da otto giornate consecutive, si sveglia troppo tardi. Reti di Fernades, Dzeko e Florenzi.

Fra Carpi e Frosinone c’era in palio una stagione e a vincere la disputa sono stati gli uomini di Castori che proprio in extremis trovano il guizzo che gli permette di battere i frusinati e avvicinarli di un sol punto, riaprendo completamente il discorso salvezza. Reti di Bianco, Guzmàn e Dionisi.

La Fiorentina non riesce a battere il Verona, praticamente già in serie B e tenuto a galla solo dalla matematica, e fa un passo indietro verso la conquista della terza posizione, sempre più in “mano” della Roma. Ottima la prova degli scaligeri che rimangono appesi con dignità a un filo molto sottile. Reti di Zàrate Pisano.

Il Napoli soffre a Palermo ma grazie a un calcio di rigore, contestato dai padroni di casa, riesce a rimanere a tre punti dalla capolista e continuare a sperare in un aggancio. Brutta sconfitta per i siciliani che adesso si trovano in piena zona retrocessione. Rete di Higuain.

L’Atalanta si complica la vita e contro la Lazio ottiene il record di quattordici partite consecutive senza vittoria, per i biancocelesti invece, una vittoria che li avvicina nella zona alta della classifica. Reti di Klose(2).

Risultati

 

Juventus-Sassuolo 1-0; Empoli-Sampdoria 1-1; Inter-Bologna 2-1; Chievo-Milan 0-0; Lazio-Atalanta 2-0; Carpi-Frosinine 2-1; Fiorentina-Verona 1-1; Palermo-Napoli 0-1; Udinese-Roma 1-2; Genoa-Torino 3-2.

 

Classifica

Juventus 67; Napoli 64; Roma 59; Inter e Fiorentina 54; Milan 48; Sassuolo 44; Lazio 41; Bologna 36; Empoli e Chievo 35; Genoa 34; Torino 33; Sampdoria 32; Atalanta e Udinese 30; Palermo 27; Frosinone 26; Carpi 25; Verona 19.

Prossimo turno

 

Empoli-Palermo; Roma-Inter; Atalanta-Bologna; Verona-Carpi; Sampdoria-Chievo; Frosinone-Fiorentina; Napoli-Genoa; Torino-Juventus; Milan-Lazio; Sassuolo-Udinese.

 La Roma che batte la Fiorentina fa un grosso passo avanti verso la qualificazione Champions League e, con dieci partite a disposizione e trenta punti possibili, prova anche a insidiare Juventus e Napoli, che nel frattempo mantengono intatta la distanza fra loro battendo rispettivamente Chievo e Atalanta. A metà classifica perde colpi il Milan che si fa battere dal Sassuolo e avvicinare in classifica mentre dalla zona rossa si tirano momentaneamente fuori, anche se non del tutto, la Sampdoria che batte e praticamente condanna il Verona e il Genoa che supera l’Empoli; Carpi e Frosinone continuano a fare punti e si avvicinano un poco alla volta alle squadre che la precedono, ossia Palermo, Atalanta e Udinese.

Roma e Fiorentina, affiancate e terze in classifica, si affrontano per confermare la terza piazza, una possibilmente a danno dell’altra. Impresa riuscita ai giallorossi che travolgono la viola aggiudicandosi la sfida. Settima vittoria per la squadra di Spalletti e inaspettato stop dei gigliati. Reti di El Shaarawy, Salah (2), Perotti e Ilicic.

Verona e Sampdoria, oggi una di fronte all’altra, devono obbligatoriamente mettere da parte il gemellaggio che da oltre trent’anni lega le due tifoserie e società per sfruttare una delle ultime chanche, i veneti per rimanere agganciati al terno della salvezza e i doriani per uscire, quasi definitivamente dalla zona pericolosa. Obiettivo centrato dalla quadra di Montella con tre reti nella prima mezz’ora ipoteca la vittoria finale. Reti di Soriano, Cassano e Christodoulopoulos.

Il Napoli prima soffre e va sotto ma poi, punto nell’orgoglio, ribalta il risultato e merita la vittoria finale che gli consente di rimanere a distanza invariata dalla capolista, al Chievo rimane una buona prova ma niente più. Gli uomini di Sarri rimangono sempre l’anti Juve nell’attesa di suo passo falso. Reti di Higuain, Chiriches, Callejon e Rigoni.  

Il Torino affronta la Lazio col chiaro intento di vincere e fare un passo avanti verso una zona più consona ma soprattutto più sicura, i biancocelesti invece cercano la vittoria per rimanere agganciai alla parte centrale della classifica. Alla fine nessuno ottiene nulla perché il pareggio regala loro un punto che serve a poco e niente. Recriminazioni granata per un penalty fallito da Ciro Immobile. Reti di Belotti e Biglia.

L’Empoli veniva da tre sconfitte consecutive e in casa del Genoa voleva interrompere questa striscia negativa, ma contro un grifone pronto a combattere su ogni palla e conquistare l’intera posta, un buon secondo tempo e tanto cuore non bastano. Rete di Rigoni.

Il Bologna prova a battere il Carpi e chiudere definitivamente il discorso salvezza ma gli emiliani, perdendo avrebbero praticamente perso, anche, ogni speranza. Alla fine è finita in pareggio e un punto equivale a mantenere viva la sempre più fievole speranza di salvezza.

Ha provato, l’Atalanta, a mette il bastone fra le ruote di una Juventus che corre ai mille all’ora ma gli uomini di Allegri con una gara accorta e tanta abnegazione hanno vinto e mantenuto intatto il vantaggio sui partenopei. Continua l’imbattibilità di Buffon che con oggi (86 minuti) ha eguagliato il suo record personale. Reti di Barzagli e Lemina.

Il Milan aveva voglia di continuare a fare punti e allungare la positiva striscia di partite ma contro il Sassuolo non era facile, affatto. Non a caso i nero verdi sono passati in vantaggio nei primi minuti e poi, con esperienza e grazie alla scarsa verve odierna dei rossoneri, raddoppia nella ripresa e si porta a meno tre punti proprio dai rossoneri. Reti di Duncan e Sansone.

Il Frosinone contro l’Udinese aveva solo una possibilità, vincere per mantenere acceso il lumicino della salvezza. Obiettivo centrato dagli uomini di Stellone che rifilano due reti ai friulani facendo un notevolissimo passo in avanti verso una salvezza che ora sembra a portata di mano. Reti di Ciofani e Blanchard.

Inter e Palermo chiudono la lunga maratona di questa giornata, i neroazzurri si giocano le ultime possibilità di agganciare il treno per una qualificazione champions mentre i siculi, visto l’incombere di Frosinone e Carpi, si giocano la futura permanenza nella massima serie. Operazione andata a buon fine per la squadra di Roberto Mancini che ottiene la terza vittoria consecutiva in casa e di nuovo la possibilità di giocarsi il terzo posto, per i rosa nero invece ora si fa dura. Reti di Ljajic, Icardi, Perisic e Vazquez.    

  

Risultati

 Roma-Fiorentina 4-1; Verona-Sampdoria 3-0; Napoli-Chievo 3-1; Torino-Lazio 1-1; Bologna-Carpi 0-0; Genoa-Empoli 1-0; Atalanta-Juventus 0-2; Sassuolo-Milan 2-0; Frosinone-Udinese 2-0; Inter-Palermo 3-1.

 Classifica

Juventus 64; Napoli 61; Roma 56; Fiorentina 53; Inter 51; Milan 47; Sassuolo 44; Lazio 38; Bologna 36; Empoli e Chievo 34; Torino 33; Sampdoria e Genoa 31; Atalanta e Udinese 30; Palermo 27; Frosinone 26; Carpi 22; Verona 18.

Prossimo turno

Juventus-Sassuolo; Empoli-Sampdoria; Inter-Bologna; Chievo-Milan; Lazio-Atalanta; Carpi-Frosinine; Fiorentina-Verona; Palermo-Napoli; Udinese-Roma; Genoa-Torino.

 La Juventus batte l’Inter e, grazie anche al pareggio del Napoli contro la Fiorentina, allunga a più tre proprio sui partenopei. Vince anche la Roma che con Spalletti sembra abbia trovato la forma dei tempi migliori, stesso discorso per il Milan che batte il Torino e si colloca nella zona Uefa League, a metà classifica si mette in evidenza il Sassuolo che batte a domicilio la Lazio, in fondo invece, la Sampdoria vince dopo tre mesi e raggiunge in classifica il Genoa, il Verona riduce al lumicino le speranze di una rimonta mentre invece danno segni di ripresa Frosinone e Carpi, che ora fanno la corsa proprio sul Palermo.

Nonostante la sconfitta e il risultato troppo pesante, l’Empoli non sfigura di fronte alla Roma che grazie alla maggior tecnica di alcuni giocatori e un po di fortuna, che non guasta mai, porta a casa tre preziosi punti utili alla rincorsa Champions. Reti di Zukanovic, El Shaarawy (2) e Pjanic.

Il Torino fa soffrire il Milan ma non riesce a fermare la striscia positiva dei rossoneri che con questa vittoria confermano il buon momento che li sta portando nei quartieri alti della classifica, per i granata tanta grinta ma poca consistenza in fase offensiva. Rete di Antonelli.

Palermo e Bologna era una sfida importante per entrambe, la prima per tentare di uscire dalla pericolosa zona rossa nella quale si trovava e la seconda per confermare l’ottima posizione di classifica. Dopo un primo tempo timoroso, nella ripresa le squadre si sono affrontate a viso aperto offrendo continui e spettacolari capovolgimenti di fronte che però non hanno modificato il risultato di parità. Felsinei quasi salvi e rosanero ancora inguaiati in nelle zone basse.

Partita da ultima spiaggia per la Sampdoria, costretta a vincere in casa contro il Frosinone per evitare il pericoloso “ritorno” proprio di quest’ultima. Giocano bene entrambe ma le occasioni più pericolose le creano i padroni di casa che alla fine vincono e fanno un piccolo ma decisivo passo in avanti. I frosinati rimangono terz’ultimi a quattro punti dalla quart’ultima. Reti di Fernando e Quagliarella.

Giusto pareggio quello ottenuto al termine di una partita non tanto esaltante quello ottenuto da Carpi e Atalanta. Un punto utile solo agli orobici perché gli emiliani rimangono penultimi e ancora pericolosamente invischiati nella lotta per non retrocedere. Reti di Verdi e Kurtic.

Il Genoa conferma il mal di trasferta e anche a Verona, contro il Chievo, rimedia una sconfitta che rimanda ancora una volta la squadra di Gasperini a casa con le pive nel sacco. Primo tempo equilibrato ma ripresa ad appannaggio dei locali che dopo il gol rischiano più volte di raddoppiare. Rete di Castro.

L’Udinese da un “calcio” al Verona e conquista tre preziosi punti che l’allontanano, anche se non a distanza di sicurezza, dalla zona pericolosa. Agli scaligeri non basta una buona prova per continuare a sperare. Reti di Badu e Thèrèau.

Per mantenere il primo posto la Juventus aveva l’obbligo di battere l’Inter e, come sua consuetudine negli ultimi mesi, l’armata invincibile di Allegri non sbaglia. Grazie a possenza fisica e tecnica da vendere, i bianconeri s’impongono col più classico dei risultati e, grazie anche al pareggio dei partenopei, allungano in classifica. Reti di Morata e Bonucci.

Lazio e Sassuolo, entrambe tranquille a metà classifica, e con ancora qualche fievole speranza di entrare nel gruppo Uefa League, hanno giocato una gara al di sotto delle proprie capacità, soprattutto i padroni di casa che non riescono a pareggiare e addirittura subiscono il raddoppio. Reti di Berardi e Defrel.

Il Napoli, che scende a Firenze per il posticipo, sa che se vorrà rimanere in scia alla Juventus dovrà disputare una gara superlativa, ma questa sera la Fiorentina è in forma smagliante e ribatte colpo su colpo le miglior giocate dei partenopei. Entrambe giocano fino all’ultimo secondo senza riuscire a sbloccare il risultato e conquistando un punto che serve a poco. Reti di Alonso e Higuain.

Risultati

Empoli-Roma 1-3; Milan-Torino 1-0; Palermo-Bologna 0-0; Sampdoria-Frosinone 2-0; Carpi-Atalanta 1-1; Chievo-Genoa 1-0; Udinese-Verona 2-0; Juventus-Inter 2-0; Lazio-Sassuolo 0-2; Fiorentina-Napoli 1-1;

Classifica

Juventus 61; Napoli 58; Roma e Fiorentina 53; Inter 48; Milan 47; Sassuolo 41; Lazio 37; Bologna 35; Empoli e Chievo 34; Torino 32; Atalanta e Udinese 30; Genoa e Sampdoria 28; Palermo 27; Frosinone 23; Carpi 21; Verona 18.

Prossimo turno

Roma-Fiorentina; Verona-Sampdoria; Napoli-Chievo; Torino-Lazio; Bologna-Carpi; Genoa-Empoli; Atalanta-Juventus; Sassuolo-Milan; Frosinone-Udinese; Inter-Palermo.

La Juventus, fresca capolista e alla ricerca del record di vittorie consecutive in serie A (che appartiene ancora all’Inter con diciotto consecutive n.d.r.), si ferma sul pareggio a Bologna ma il Napoli, che ha pareggiato contro il Milan, non approfitta della ghiotta occasione e rimane alle spalle dei bianconeri. La corsa al terzo posto ha registrato la vittoria di tutte le pretendenti e pertanto Fiorentina (terza), Roma (quarta) e Inter (quinta) seguono il duo di testa in un mini torneo fra loro. Si fa largo anche il Milan che si avvicina al “gruppone” che conta. In mezzo alla classifica continuano a far punti Sassuolo, Lazio e Bologna assestandosi a ridosso del gruppo di testa. In fondo alla classifica, fanno punti Verona, Carpi e Frosinone, a discapito della Sampdoria e del Palermo, ancora sconfitte e ora entrambe a un piccolissimo passo dal baratro.

La striscia di vittoria consecutive della Juventus si ferma a quindici perché a Bologna non va oltre il doppio zero grazie alla vincente strategia tecnica messa in atto da Roberto Donadoni al quale mancano ancora una manciata di punti per poter dire di aver salvato i felsinei dopo una partenza a dir poco disarmante.

Il derby di Verona, fra l’Hellas e il Chievo, al termine di novanta minuti tiratissimi ha visto la meritata vittoria dei padroni di casa che, sempre di più, credono in una miracolosa salvezza. Davvero una ottima gara quella disputata dagli uomini di Del Neri, trascinati dai gol di Toni e Pazzini. Reti di Pellissier, Ionita, Toni e Pazzini.

La Sampdoria raccoglie la tredicesima sconfitta stagionale e, nonostante contro l’Inter non abbia demeritato, torna a Genova con le pive nel sacco e la testa alla prossima partita contro il Frosinone, quando nello contro diretto si giocherà, addirittura, la retrocessione. Infatti le squadre dietro, che giocano meglio e fanno punti, sono ormai a un tiro di fucile e pronte a “risucchiare” i già inguaiati blucerchiati. Reti di D’ambrosio, Miranda, Icardi e Quagliarella.    

Il Torino prova in tutti i modi a far sua la partita la il Carpi, consapevole che una sconfitta sarebbe stata una tragedia, issa davanti la portiere, che alla fine risulterà il miglior in campo, una muraglia umana che consente agli emiliani di tornare a casa con un punto che muove la classifica e fa morale.

Bella partita e risultato incerto fino all’ultimo secondo quella giocata fra Sassuolo ed Empoli. Avrebbe potuto vincere chiunque ma i tre punti li conquistano gli uomini di Di Francesco che continuano a rimanere alle spalle delle big del campionato. Reti di Berardi, Defrel (2), Zielinski e Maccarone.

La Fiorentina espugna il difficile campo dell’Atalanta e riconquista prepotentemente la terza posizione, quella valida ai preliminari di Champions League. E’ successo tutto sul finire di gara con doppio vantaggio ospite subito dimezzato dalla pronta reazione locale, negli ultimi minuti però, giungono le reti della vittoria viola. Reti di Conti, Pinilla, Fernandez, Tello e Kalinic.

Il Genoa riesce a battere l’Udinese e fare un bel passo avanti verso la salvezza. Per gli uomini di Gasperini non era cominciata bene perché nonostante molte occasioni sbagliate chiudevano la prima frazione in svantaggio. Nella ripresa però la solita reazione fatta di cuore e volontà, ha permesso ai grifoni di rimontare e vincere la partita. Reti di Cerci, Laxalt e Ali Adnan.

Il Frosinone aveva la possibilità di battere la Lazio e agganciare la Sampdoria ma i frosinati nonostante l’ottima prova non vanno oltre il pareggio un punto che serve ad avvicinare ulteriormente i blucerchiati, prossimi avversari in uno scontro tutto da gustare.

La Roma prende a “schiaffi” il Palermo, al quale non è servito nemmeno il ritorno in panchina di Iachini per invertire la rotta negativa intrapresa ormai da tropo tempo. Alla Roma riesce tutto bene e con grandi giocate e numeri d’alta classe rifila cinque reti ai rosanero e consolida la quarta piazza. Reti di Dzeko (2), Keita e Salah (2).

Il Napoli affronta il Milan consapevole che solo una vittoria potrebbe ridargli la prima posizione in classifica e mettere, cosa non da poco, ancora una volta dietro la Juventus. Ma gli uomini di Mihajlovic giocano una delle più belle partite della stagione concedendo poco e rischiando anche di vincere. Reti di Insigne e Bonaventura.  

Risultati

Bologna-Juventus 0-0; Verona-Chievo 1-1; Inter-Sampdoria 3-1; Torino-Carpi 0-0; Sassuolo-Empoli 3-2; Atalanta-Fiorentina 2-3; Genoa-Udinese 2-1; Frosinone-Lazio 0-0; Roma-Palermo 5-0; Napoli-Milan 1-1;  

Classifica

Juventus 58; Napoli 57; Fiorentina 52; Roma 50; Inter 48; Milan 44; Sassuolo 38; Lazio 37; Empoli e Bologna 34; Torino 32; Chievo 31; Atalanta 29; Genoa 28; Udinese 27; Palermo 26; Sampdoria 25; Frosinone 23; Carpi 20; Verona 18.

Prossimo turno

Empoli-Roma; Milan-Torino; Palermo-Bologna; Carpi-Atalanta; Chievo-Genoa; Udinese-Verona; Juventus-Inter; Lazio-Sassuolo; Fiorentina-Napoli;

© 2022 FlipNews All Rights Reserved