L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Trivelle: cosa fare dopo il referendum?

By Natalino Ventrella April 11, 2016 13682

Dopo il referendum di domenica sulle trivelle, bisognerà parlare delle dismissione degli impianti. Quando un giacimento si esaurisce, segue la fase di smantellamento degli impianti che  consiste nella rimozione in sicurezza del centro olio, delle piattaforme, delle strutture per la compressione e il dispacciamento degli idrocarburi, la rimozione delle teste pozzo e delle condotte di collegamento con i punti di raccolta.

Dopo la rimozione segue la fase di ripristino ambientale. Per quanto riguarda le aree dove sorgevano i pozzi e il centro olio, queste vengono bonificate e ricondotte alla situazione precedente l’inizio delle operazioni, con la ricostruzione del manto erboso e la piantumazione degli alberi. Per quanto riguarda la dismissione degli impianti offshore, vengono eseguite le operazioni di messa in sicurezza dei pozzi e  rimosse le strutture e le condotte che collegavano la piattaforma ai centri di trattamento a terra. Tali operazioni sono molto delicate e richiedono personale specializzato al fine di evitare impatti ambientali. Alla fase rimozione degli impianti segue l’individuazione di siti idonei per il conferimento dei materiali non riutilizzabili e lo smaltimento finale dei prodotti potenzialmente inquinanti. Un approccio alternativo allo smantellamento e rimozione delle strutture offshore prevede il riutilizzo in loco delle piattaforme dismesse, ad esempio come barriere artificiali.E’ stato osservato, infatti, che molte strutture artificiali poste in mare aperto vengono colonizzate dalla macro fauna bentonica e da numerose specie di pesci che trovano un habitat idoneo alla riproduzione. Un’altra possibilità è l’installazione di impianti eolici offshore sulle piattaforme dismesse. Le piattaforme dismesse, infatti, possono fornire un supporto alle pale eoliche e permette di installare gli impianti lontano dalle coste, dove i venti sono più forti e costanti e dove non ci sono problemi paesaggistici. L’opzione di lasciare sul posto le piattaforme dismesse, deve quindi essere attentamente valutata, sia dal punto di vista ambientale che legislativo.

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Monday, 11 April 2016 18:28
© 2022 FlipNews All Rights Reserved