L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Economics (218)

Roberto

Roberto Casalena
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.



I contributi sono finalizzati a sostenere lo svolgimento di specifiche attività promozionali realizzate dai Consorzi multiregionali per l’internazionalizzazione, per sostenere le PMI nei mercati esteri, favorire la diffusione internazionale dei loro prodotti e servizi, nonché incrementare la conoscenza delle autentiche produzioni italiane presso i consumatori internazionali per contrastare il fenomeno dell’italian sounding e della contraffazione dei prodotti agroalimentari.

Soggetti destinatari e requisiti:

I Consorzi per l’internazionalizzazione devono:
- essere costituiti ai sensi degli articoli 2602 e 2612 e seguenti del codice civile o in forma di società consortile o cooperativa da PMI industriali, artigiane, turistiche, di servizi, agroalimentari, agricole e ittiche aventi sede in Italia, nonché da imprese del settore commerciale purché in misura non prevalente rispetto alle altre. E’ ammessa la partecipazione di enti pubblici e privati, di banche e di imprese di grandi dimensioni, purché non fruiscano dei contributi pubblici. In tale ipotesi la nomina della maggioranza degli amministratori dei consorzi per l’internazionalizzazione spetta comunque alle PMI consorziate, a favore delle quali i consorzi svolgono, in via prevalente, la loro attività;
- avere per oggetto la diffusione internazionale dei prodotti e dei servizi delle piccole e medie imprese, nonché il supporto alla loro presenza nei mercati esteri anche attraverso la collaborazione e il partenariato con imprese estere;

- essere senza scopo di lucro e non distribuire avanzi e utili di esercizio, di ogni genere e sotto qualsiasi forma, alle imprese consorziate o socie anche in caso di scioglimento del Consorzio o della Società consortile o cooperativa;

- avere un fondo consortile interamente sottoscritto, versato almeno per il 25%, formato da singole quote di partecipazione non inferiori a € 1.250,00 e non superiori al 20% del fondo stesso;
- essere iscritti nel registro delle imprese al momento della presentazione della domanda e in stato di attività;

- non essere in liquidazione o soggetti a procedure concorsuali;

I Consorzi dovranno possedere i requisiti richiesti in modo continuativo dalla data di domanda fino all’erogazione del contributo; la perdita di anche uno solo di essi comporta la revoca dell’ammissione a contributo.

Progetto e iniziative finanziabili:
Sono agevolabili le seguenti iniziative (art.4, del Decreto Direttoriale):
- partecipazioni a fiere e saloni internazionali;
- eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali;
- show-room temporanei (durata max 6 mesi);
- incoming di operatori esteri;
- incontri bilaterali fra operatori esteri e all'estero;
- workshop e/o seminari in Italia con operatori esteri e all’estero;
- azioni di comunicazione sul mercato estero;
- attività di formazione specialistica per l’internazionalizzazione, destinata esclusivamente alle imprese partecipanti al progetto. Tale attività non può costituire più del 25% del costo totale delle iniziative;
- realizzazione e registrazione del marchio consortile.

Requisiti del Progetto:
- le iniziative finanziabili devono essere realizzate nel periodo 1 gennaio/31 dicembre 2016 e devono essere strutturate sotto forma di Progetto di internazionalizzazione, secondo il Modello B allegato al Decreto;
- il Progetto deve prevedere una spesa ammissibile non inferiore a € 50.000,00 e non superiore a € 400.000,00;
- il Progetto deve coinvolgere, in tutte le sue fasi, almeno cinque PMI consorziate provenienti da almeno tre diverse regioni italiane, appartenenti allo stesso settore o alla stessa filiera; (tale elemento costituisce un oggettivo fattore di criticità)

- il Progetto non deve annoverare imprese che siano in liquidazione o soggette a procedure concorsuali;

- il Progetto presentato da consorzi con sede legale in Sicilia o Valle d’Aosta può anche avere una strutturazione monoregionale, prevedendo il coinvolgimento di sole imprese con sede legale in una delle citate regioni. Nel Decreto Direttoriale 29 dicembre 2015, artt. 5 e 6, sono indicate le spese ammissibili e non ammissibili.

Presentazione della domanda di contributo:
La domanda di contributo, in regola con l’imposta di bollo vigente, redatta secondo il Modello A, deve essere presentata esclusivamente tramite posta elettronica certificata ( PEC), firmata digitalmente dal legale rappresentante del Consorzio, a partire dal giorno successivo alla pubblicazione sul sito del Ministero (www.mise.gov.it) del presente decreto ed entro e non oltre il 15 febbraio 2016, all’indirizzo PEC This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it., secondo quanto stabilito dall’art. 7 del bando. L’oggetto della PEC deve contenere l’indicazione “PROGETTO CONSORZI PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE - Anno 2016”.
Ciascun Consorzio può presentare una sola domanda di contributo, pena l’esclusione di tutte le domande in cui figura la stessa denominazione.
Ciascuna PMI, pur potendo aderire a più consorzi, può partecipare ad un solo progetto presentato. Le PMI coinvolte nel progetto devono essere imprese industriali,artigiane, turistiche, di servizi, agroalimentari, agricole e ittiche; le imprese del settore commerciale possono partecipare al progetto purché in misura non prevalente rispetto alle altre.

Alla domanda devono essere allegati:
a. il Progetto di internazionalizzazione da realizzare, corredato dalle relative voci di spesa
b. atto costitutivo e statuto del Consorzio, salvo che tali documenti siano già agli atti del Ministero e
che nel frattempo non abbiano subito modifiche;
c. autocertificazione “aiuti de minimis”, comprensiva degli eventuali contributi erogati dal Ministero
I Consorzi per l’internazionalizzazione che intendono presentare domanda dovranno dotarsi di un proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) e di firma digitale ai sensi della normativa vigente.
Tutta la corrispondenza con il Ministero dovrà avvenire tramite PEC e dovrà essere firmata digitalmente dal legale rappresentante del consorzio.
Le domande presentate oltre il 15 febbraio 2016 saranno ritenute irricevibili.

Procedura per l’ammissione al contributo:
Le domande pervenute sono istruite dal Ministero che verifica la sussistenza dei requisiti previsti dal decreto direttoriale, nonché l’ammissibilità delle iniziative progettuali e delle relative spese.
Nel caso di incompletezza della domanda ovvero di insussistenza dei requisiti di ammissibilità previsti dal Decreto direttoriale, il Ministero provvede a comunicare i motivi ostativi all’accoglimento della domanda ai sensi dell’art.10-bis, della legge 7 agosto 1990, n.241, e successive modificazioni e integrazioni. I progetti rispondenti ai requisiti richiesti e che prevedano una spesa ammissibile non inferiore a € 50.000,00 e non superiore a € 400.000,00, sono inoltrati alla Commissione di valutazione, istituita presso la Direzione Generale per le politiche per l’internazionalizzazione e la promozione degli scambi. La Commissione di valutazione esamina i progetti e attribuisce a ciascuno un punteggio tenendo conto dei parametri e dei punteggi fissati dall’art.9 del Decreto Direttoriale. Sono ammessi a contributo esclusivamente i Consorzi che raggiungono il punteggio-soglia pari a 18 punti.
Contributi:
L’agevolazione, concessa a fondo perduto, non potrà superare il 50% delle spese sostenute ritenute ammissibili. Nell’ipotesi in cui la dotazione finanziaria non sia sufficiente a garantire l’erogazione nella percentuale massima del 50% delle spese rendicontate ammissibili, si procederà alla determinazione dei contributi stessi attraverso il riparto proporzionale delle risorse disponibili.
Per trasparenza e correntezza amministrativa, si informa che - per quanto concerne i consorzi monoregionali della Sicilia e della Valle d’Aosta - tenuto conto delle possibili manovre di finanza pubblica, non è garantita la possibilità del co-finanziamento pubblico.
Ai contributi si applicano, con riguardo alle PMI consorziate i seguenti Regolamenti UE in materia di aiuti de minimis: n.1407/2013 del 18.12.2013, n.1408/2013 del 18.12.2013, n.717/2014 del 27.06.2014.

Riferimenti normativi:

- D.L. 22 giugno 2012, n.83 art.42, commi 2 e 6, convertito dalla L.7 agosto 2012, n.134


Traduzione dell’articolo: http://tapnewswire.com/2016/01/pillaging­the­world­the­history­and­politics­of­the­imf/

Il testo che segue è un estratto del libro intitolato “Pillaging the World” (Saccheggiare il Mondo) di Ernest Wolf, 2014, pubblicato da Tectum Verlag Marburg, 2014, www.tectum-verlag.de – il libro è disponibile in inglese e in tedesco.

 

– Prima parte

Nessun altra organizzazione finanziaria ha influenzato la vita della maggioranza della popolazione mondiale più profondamente, nei trascorsi 50 anni, che il FMI. Sin dai suoi esordi, dopo la 2° guerra mondiale, ha avuto una sfera d’influenza che ha toccato gli angoli più remoti della terra. I suoi membri attualmente includono 188 paesi in 5 continenti.

Per decenni il FMI è stato attivo principalmente in Africa, Asia e Sud America. Difficilmente c’è stato un paese in questi continenti dove le loro politiche non sono state portate avanti in stretta cooperazione con i rispettivi governi nazionali. Quando la crisi finanziaria ha fatto irruzione nel 2007 il Fmi ha spostato la propria attenzione sul nord-europa, sin dall’inizio della crisi dell’euro nel 2009 il suo obiettivo primario invece si è spostato nel sud dell’europa.

 Ufficialmente la funzione principale del Fmi consiste nella stabilizzazione del sistema globale finanziario, nell’aiutare i paesi che hanno dei problemi in tempo di crisi, in sostanza le sue operazioni, alla fine dei conti, sembrano la brutta reminiscenza del lavoro lasciato dagli eserciti in guerra. Dovunque interviene mina la sovranità degli stati, forzandoli ad implementare delle misure che sarebbero rigettate dalla maggioranza della popolazione, lasciandosi dietro di conseguenza una scia di devastazione economico-sociale.

Nel perseguire i suoi obiettivi il Fmi non ha mai fatto uso di armi o soldati. Semplicemente applica il meccanismo del capitalismo, specialmente quello del credito. La sua strategia è semplice quanto efficace: quando un paese presenta difficoltà finanziarie, il Fmi vi fa sosta e fornisce supporto in forma di crediti, in cambio chiede il rinforzo di misure che servono per garantire la solvibilità di quel paese, di modo da consentirgli di ripagare quei crediti.

Per via del suo stato globale di prestatore di ultima istanza dei governi, questi non hanno scelta nell’accettare o meno l’intervento del Fmi e devono accettare le condizioni che gli vengono richieste, cadendo in una rete di debito, composto dal debito primario e dall’interesse, che impigliano il paese in un crescente indebitamento. Lo sforzo risultante sul budget dello stato e sull’economia interna, inevitabilmente porta al deterioramento della situazione finanziaria che normalmente il Fmi usa come pretesto per domandare ulteriori concessioni da parte dei governi, nella forma di programmi di austerità.

Le conseguenze sono disastrose per la gente dei paesi interessati, che nella maggior parte dei casi sono paesi a basso reddito, perchè i loro governi seguono sempre lo stesso paradigma, spostando gli effetti dell’austerità su chi percepisce reddito da lavoro e sui poveri.

In questa maniera i programmi del Fmi sono costati il lavoro a milioni di persone, negandogli l’accesso ad adeguate cure ospedaliere, ad un adeguato sistema educativo e ad abitazioni dignitose. Hanno reso precario il loro vitto, incrementando i senza tetto, derubando le persone anziane dei frutti di una vita di lavoro, favorendo l’accrescimento del disagio sociale, riducendo l’aspettativa di vita e incrementando la mortalità infantile.

Sull’altro lato della scala sociale, comunque, le politiche del Fmi hanno aiutato un ristretto gruppo di ultra-ricchi ad incrementare le loro fortune, persino in tempi di crisi. Le misure del Fmi hanno contribuito in maniera decisiva al fatto che l’iniquità globale abbia assunto livelli mai raggiunti in precedenza, storicamente: la differenza nei redditi tra il re e i poveri, alla fine dell’era medioevale, impallidisce, raffrontandola alla differenza tra un hedge-fund manager e il paniere che costituisce il walfare attuale.

Perchè? Come è possibile che una organizzazione che causa tali immense sofferenze umane in giro per il mondo continui ad agire con impunità e con il supporto delle forze più potenti dei nostri tempi? Per chi lavora il Fmi? Di chi fa gli interessi? Chi ottiene benefici dalle sue azioni? E’ il proposito di questo libro, dare risposte a queste domande.

La conferenza di Bretton Woods:

Si comincia con i ricatti

Mentre la seconda guerra mondiale infuria in Europa, nel luglio 1944, gli Stati uniti invitarono le delegazioni di 44 paesi nella località sciistica di Bretton Woods,nel New Hampshire.  La motivazione ufficiale della conferenza, tenutasi per tre settimane nel lussuoso hotel “Mount Washington”, era quella di stabilire le caratteristiche di base di un ordine economico post-bellico e stabilire le pietre angolari di un sistema che avrebbe stabilizzato l’economia mondiale e prevenire il fatto di ritornare ad una condizione che era esistita prima della 2° guerra mondiale. Il 1930 in particolare si distinse per una alta inflazione, barriere doganali, tassi di cambio con elevati livelli di fluttuazione, scarsezza di oro e una attività  economica in declino di oltre il 60%. Inoltre, le tensioni sociali avevano minacciato costantemente di abbattere l’ordine sociale.

La conferenza era stata preceduta da numerosi anni di negoziazioni segrete tra la Casa Bianca e Downing Street che avevano già lavorato a quei piani per un nuovo ordine monetario, sin dal 1940. Un commento che venne registrato del capo della delegazione britannica, l’economista Lord Keynes, mise in luce l'atteggiamento dell'elite verso gli interessi e le preoccupazioni dei paesi più piccoli: “Ventuno paesi sono stati invitati, i quali non hanno chiaramente nulla con cui negoziare e si limiteranno a occupare terreno ... Il più mostruoso sporco affare montato da anni”.

Non ci volle molto tempo prima che il loro atteggiamento di disprezzo rimbalzasse su Lord Keynes e i suoi compatrioti. Nel corso della conferenza divenne sempre più chiaro quanto la bilancia del potere globale si era mossa a sfavore dell’Inghilterra. Troppe spese di guerra avevano trasformato il paese, già seriamente indebolito dalla prima guerra mondiale, nel più grande debitore planetario e avevano spinto il paese sull’orlo dell’insolvenza.  L'economia della Gran Bretagna era in ginocchio e l'aumento dei movimenti di liberazione in tutto il mondo già annunciava la rottura definitiva del suo impero coloniale, una volta globale.

L’indiscussa vittoria della seconda guerra mondiale, era stata ad ogni modo degli Usa. Paese che era diventato a quel punto il più grande creditore internazionale, in possesso di due terzi delle riserve mondiali e al comando di una buona metà della produzione industriale globale. A differenza della maggior parte dei paesi europei, le sue infrastrutture erano intatte e mentre la sua delegazione era impegnata nelle negoziazioni a Bretton Woods, i comandanti dell’esercito americano stavano programmando l’attacco nucleare alle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, per evidenziare la pretesa americana di dominio globale.

Come risultato di questo nuovo equilibrio di poteri, il piano di Lord Keynes per un nuovo ordine economico fu rigettato in pieno. Rappresentando un paese con problemi sostanziali nella bilancia dei pagamenti, aveva proposto una “unione internazionale dei pagamenti” che avrebbe fornito ai paesi che soffrivano per una bilancia dei pagamenti negativa un più facile accesso ai prestiti ed introdotto una unità di riequilibrio contabile chiamata “Bancor” che sarebbe servita acnhe come unità di riserva.

Gli Stati Uniti, tuttavia, non erano disposti ad assumere il ruolo di creditore importante che il piano Keynes aveva previsto per loro. Il capo della loro delegazione, Harry Dexter White, in cambio presentò il suo piano, che fu alla fine accettato dalla assemblea. Il “piano White” concettualizzò un piano di valuta mondiale che non s’era mai visto nella storia della moneta. Il dollaro USA fu costituito come il suo unico centro e tale valuta doveva essere ancorata a tutte le altre valute a un tasso di cambio fisso, mentre la sua relazione di cambio con l’oro veniva fissata a 35 dollari l’oncia. Il piano fu attuato dagli Stati Uniti a fronte della richiesta dell'istituzione di numerose organizzazioni internazionali, col compito di monitorare il nuovo sistema e stabilizzarlo, per la concessione di prestiti a paesi che affrontavano problemi di bilancia dei pagamenti.

Dopo tutto, Washington, per via delle sue dimensioni e della rapida crescita economica, dovette fare dei passi in avanti al fine di ottenere l'accesso alle materie prime e creare opportunità di vendita a livello mondiale per la sua sovrapproduzione.  Ciò richiese la sostituzione della moneta finora più utilizzata, la sterlina inglese, col dollaro. Inoltre, il tempo sembrava maturo per la sostituzione della City di Londra con Wall Street, in tal modo si stabilivano gli Stati Uniti nella loro nuova posizione di punto focale del commercio internazionale e della finanza globale.

Il nuovo rapporto oro-dollaro e l'istituzione di cambi fissi ha parzialmente reintrodotto il gold standard, che esisteva tra il 1870 e lo scoppio della prima guerra mondiale - sia pure in circostanze molto diverse. Fissando tutti i tassi di cambio al dollaro USA, Washington privò tutti gli altri paesi partecipanti del diritto di controllare la propria politica monetaria per la protezione delle loro industrie nazionali - un primo passo verso la limitazione di sovranità del resto del mondo con la ormai dominante Stati Uniti.

La distribuzione dei diritti di voto suggeriti dagli Stati Uniti per le organizzazioni proposte fu lontano dall’essere democratico. I paesi membri non furono trattati ugualmente o videro l’assegnazione dei diritti di voto sulla scorta del numero delle loro popolazioni, piuttosto ciò corrispose al contributo che essi pagarono – che significava che Washington, vista la sua superiorità finanziaria, si assicurò il controllo assoluto su tutte le decisioni. Il fatto che lo stato razzista che si era macchiato di apartheid del Sud Africa fu invitato a diventare un membro fondatore del Fmi diffuse una luce rivelatoria, sul ruolo che le considerazioni umanitarie giocavano nel processo.

Il governo degli Stati Uniti intuì che non sarebbe stato facile conquistare l'opinione pubblica, per un progetto così evidentemente in contraddizione con lo spirito della Costituzione degli Stati Uniti e la comprensione che molti americani avevano della democrazia. I veri obiettivi del Fondo monetario internazionale sono stati di conseguenza offuscati con grande impeto, dalla vuota retorica sul "libero commercio" e "l'abolizione del protezionismo".  Il New York Herald Tribune ha parlato della "campagna di propaganda più potente nella storia del paese."

Il primo compito del FMI fu quello di esaminare tutti gli Stati membri al fine di determinare i rispettivi tassi di contribuzione.

Dopo tutto, il Fondo era stato creato per esercitare una funzione a lungo termine di "monitoraggio" per la protezione del sistema. Gli Stati Uniti hanno quindi rivendicato per sé il diritto di essere informati, in modo permanente, sulle condizioni finanziarie ed economiche di tutti i paesi coinvolti.

Quando un anno e mezzo dopo la conferenza la Gran Bretagna insistette su un miglioramento della sua condizione circa i contratti, essi furono messi inequivocabilmente a conoscenza di che fosse a capo del Fondo monetario internazionale. Senza ulteriori indugi Washington li legò ad un prestito di 3,75 miliardi di dollari, urgente per il Regno Unito al fine di rimborsare i suoi debiti di guerra, alla condizione che la Gran Bretagna seguisse i termini del contratto, senza se e senza ma. Meno di due settimane dopo Downing Streetcedette al ricatto di Washington e acconsentì.

Il 27 dicembre 1945, 29 governi firmarono l'accordo definitivo. Nel mese di gennaio 1946, i rappresentanti di 34 nazioni si riunirono per un incontro introduttivo del Consiglio dei governatori del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Savannah, in Georgia. In quella occasione, Lord Keynes e i suoi connazionali furono ancora una volta lasciati a mani vuote: contrariamente alla loro proposta di poter stabilire la sede del Fondo monetario internazionale - che aveva nel frattempo dichiarato di essere un'agenzia specializzata delle Nazioni Unite, a New York City - il governo degli Stati Uniti insistette sul suo diritto di determinare autonomamente la sede. Il 1 ° marzo 1947, il FMI finalmente cominciò le sue operazioni dal downtown di Washington.

Le regole per l'adesione al FMI erano semplici: i paesi candidati dovevano aprire i loro libri contabili per essere valutati rigorosamente. Dopo di che dovettero depositare una certa quantità di oro e versare il proprio contributo finanziario per l'organizzazione, in base al loro potere economico. In cambio, sono certi che in caso di problemi della bilancia dei pagamenti hanno diritto a un credito fino a concorrenza del loro contributo - in cambio di tassi di interesse determinati dal Fondo monetario internazionale e l'obbligo contrattualmente garantito di ripagare i loro debiti al FMI prima di tutti gli altri.

Il FMI finalmente ricette un capitale iniziale di 8,8 miliardi dai suoi Stati membri che pagarono il 25% dei loro contributi in oro e il 75% nella propria valuta. Gli Stati Uniti si assicurarono il più alto tasso, depositando 2,9 miliardi. L'importo è stato doppio rispetto a quello di Gran Bretagna e ha garantito agli Stati Uniti non solo i diritti di voto doppi, ma anche il fatto di essere una paralizzante minoranza e il potere di veto.

Il FMI è stato gestito da un consiglio di amministrazione, a cui dodici amministratori esecutivi erano subordinati. Sette erano eletti dai membri del FMI, gli altri cinque venivano nominati dai maggiori paesi, guidati dagli Stati Uniti. Gli uffici del FMI e quelli della sua organizzazione sorella, la Banca Mondiale, sono stati istituiti sullaPennsylvania Avenue a Washington a pochi passi dalla Casa Bianca.

Gli statuti originali del FMI stabilivano che gli obiettivi dell'organizzazione sono, tra gli altri: promuovere la cooperazione internazionale nel campo della politica monetaria, facilitare l'espansione e la crescita equilibrata del commercio internazionale, promuovere la stabilità dei tassi di cambio e contribuire alla creazione di un sistema multilaterale di pagamenti, fornire ai paesi membri che affrontano difficoltà di bilancia dei pagamenti l'accesso temporaneo alle risorse generali del Fondo, sotto adeguate garanzie, abbreviare la durata e ridurre lo squilibrio nelle bilance dei pagamenti internazionali dei paesi membri.

Questi termini ufficiali fanno sembrare come se il FMI è un'istituzione imparziale, posto al di sopra delle nazioni e indipendente da influenze politiche, il suo obiettivo principale consisterebbe nella gestione dell'economia mondiale per ordinarla nel miglior modo possibile, e rapidamente correggere malfunzionamenti. Non è un caso. Questa impressione è stata voluta dagli autori e ha infatti raggiunto il suo effetto desiderato: E 'esattamente questo concetto che è stato trasmesso al pubblico mondiale per più di sei decenni da parte di politici, scienziati e media internazionali.

 In realtà, il FMI, fin dall'inizio, è stato un'istituzione lanciata da, controllata da, e su misura per gli interessi degli Stati Uniti, volta a garantire alla nuova superpotenza militare la dominazione del mondo economico. Per nascondere ancora più efficacemente queste intenzioni, i padri fondatori del FMI nel 1947 iniziarono una tradizione che l'organizzazione ha tenuto fino ad oggi - la nomina di un non americano al posto dell'amministratore delegato.

Il primo straniero, selezionato nel 1946, fu Camille Gutt dal Belgio. Come ministro delle finanze del suo paese durante la seconda guerra mondiale, l'economista esperto aveva aiutato gli inglesi a coprire le loro spese di guerra, prestando loro oro belga. Aveva aiutato lo sforzo bellico fornendo agli stati alleati del suo governo cobalto e rame, provenienti dalla colonia belga del Congo, e aveva sostenuto il governo degli Stati Uniti con consegne segrete di uranio congolese, per il suo programma nucleare. Nel 1944 aveva effettuato una drastica riforma monetaria (più tardi conosciuta come la "operazione Gutt"), che era costata alla popolazione attiva del Belgio grandi quantità di loro risparmi.

Gutt fu a capo del Fondo Monetario Internazionale dal 1946 al 1951. Durante la sua permanenza in carica fu in gran parte concentrato sulla attuazione e il monitoraggio del sistema dei tassi di cambio fissi, inaugurando così una nuova era di stabilità finora sconosciuta per gli Stati Uniti e le aziende internazionali, quando esportavano beni e compravano materie prime. Ha anche aperto la strada alle principali banche degli Stati Uniti che cercavano di trattare in crediti a livello internazionale e ha aperto i mercati di tutto il mondo per il capitale finanziario internazionale alla ricerca di opportunità di investimento.

I maggiori cambiamenti politici del mondo, dopo la seconda guerra mondiale, hanno causato notevoli mal di testa al Fondo monetario internazionale, in quanto hanno limitano la portata della organizzazione. Soprattutto, l'Unione Sovietica ha approfittato della situazione post-bellica, caratterizzata dalla divisione del mondo tra le grandi potenze e il disegno di nuove frontiere in Europa. Sempre basandosi sulla socializzazione dei mezzi di produzione, da parte della rivoluzione russa del 1917, i funzionari di Stalin isolarono il cosiddetto "blocco orientale" dall'Occidente, al fine di introdurre la pianificazione della economia centrale in questi paesi. L'obiettivo primario della burocrazia sovietica, tuttavia, non era quello di far rispettare gli interessi dei lavoratori, ma garantire la subordinazione del blocco orientale ai propri interessi, allo scopo di saccheggiare questi paesi. In ogni caso, la frammentazione dell'Europa orientale ha fatto sì che la Polonia, Germania Est, Cecoslovacchia, Ungheria, Romania, Bulgaria e molti altri mercati divennero aree vuote per il capitale finanziario internazionale.

La presa del potere da Mao Zedong nel 1949 e l'introduzione di una economia pianificata in Cina, dal Partito Comunista, privò gli investitori occidentali di un altro mercato enorme e alla fine ha portato alla guerra di Corea. Attuando la loro politica di "contenimento" della sfera d'influenza dell'Unione Sovietica, gli Stati Uniti, tacitamente, hanno accettato la perdita di quattro milioni di vite, solo per consegnare un chiaro messaggio al resto del mondo: che la più grande potenza economica al mondo non sarebbe più rimasta passiva se le veniva negato l'accesso a tutti i mercati più globali.

 

 

– Seconda parte

Chile 1973

Ci si instrada sulla via del Neoliberismo

L'inizio del 1970 ha segnato la fine del boom del dopoguerra, un periodo di espansione economica durato 25 anni, in cui ai lavoratori, nei principali paesi industriali, erano state fatte grandi concessioni sociali e avevano potuto sperimentare uno sconosciuto miglioramento delle loro condizioni di vita, fino a quel momento. E 'stata la disgregazione interna del sistema di Bretton Woods che ha portato alla fine di quel periodo.  Come risultato della crescita degli investimenti degli Stati Uniti all'estero e della crescente spesa militare - in particolare per la guerra del Vietnam - la quantità di dollari in circolazione a livello globale è costantemente aumentato. Tutti i tentativi da parte del governo degli Stati Uniti per riportare sotto controllo questa proliferazione hanno fallito, perché il capitale statunitense era mescolato con capitale straniero e nessuna nazione sulla terra era in grado di imbrigliare questa massiccia concentrazione di potere finanziario.

Nel 1971, gli Stati Uniti, per la prima volta nella loro storia, svilupparono un deficit della bilancia dei pagamenti.  Allo stesso tempo, lo squilibrio tra l'offerta globale e le riserve auree degli Stati Uniti, accumulate a Fort Knox, avevano assunto dimensioni tali che anche l'aumento del prezzo dell'oro a 38,00 e poi a 42,20 dollari, non poteva più garantirne il cambio contro un'oncia d'oro. Il 15 agosto del 1971, il presidente americano Nixon ha tirato i freni e ha reciso il legame tra oro e dollaro, mostrando l'arroganza tipica di una superpotenza, visto che non fu consultato in proposito un solo alleato.

Nel dicembre 1971, una conferenza del gruppo G10, fondata nel 1962 dalle dieci nazioni più industrializzate del mondo, decise un allineamento dei tassi di cambio, che ha determinato un riaggiustamento del valore del dollaro rispetto alle altre valute. Ciò ha comportato una svalutazione del dollaro, che è andato dal 7,5%, contro la debole lira italiana, al 16,9% contro il forte yen giapponese. Nel febbraio 1973, il dollaro è stato svalutato di nuovo, ma ben presto divenne chiaro che il sistema dei cambi fissi non poteva più essere mantenuta. Nel marzo 1973, il G10 e diversi altri paesi industrializzati hanno introdotto il sistema di cambi flessibili, da parte delle banche centrali - senza consultare un solo paese al di fuori del G 10, e nonostante il fatto che il nuovo regime violava palesemente l'articolo 6, iscritto nel documento della fondazione del FMI, sui tassi di cambio fissi e la stabilità monetaria.

L'abolizione dei cambi fissi ha storicamente terminato i compiti principali del FMI. L'unico ruolo che gli era rimasto era quella di prestatore incaricato della ripartizione dei fondi e a quali condizioni, col diritto di controllare la contabilità dei membri e di esercitare un'influenza diretta sulle loro politiche. Tuttavia, è stato proprio per questa funzione che presto sarebbero sorte delle nuove situazioni, estremamente favorevoli.

Nel 1973, i membri dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC), fondata nel 1960, hanno usato la guerra dello Yom Kippur, tra Egitto e Israele, per ridurre le quantità di olio fornito all'occidente ("embargo petrolifero") e aumentare drasticamente i prezzi del petrolio. Ciò ha portato ad un enorme aumento degli utili delle compagnie petrolifere e dei paesi produttori di petrolio. Questi guadagni finivano, la termine del ciclo, nelle banche commerciali, che in cambio hanno cercato di usarli per investimenti redditizi. Mentre l'economia globale era scivolata in una recessione, nel 1974-1975, e le opportunità di investimento nei paesi industrializzati erano diminuite, la parte del leone del denaro, in forma di prestiti, fu quella rivolta ai paesi del terzo mondo, in Asia, Africa e Sud America, che - a causa della loro maggiore spese, dopo l'aumento dei prezzi del petrolio - avevano bisogno urgente di denaro. Il FMI rispose alle accresciute esigenze di credito dei paesi in via di sviluppo con l'introduzione della "Extended Fund Facility" nel 1974, da cui i paesi membri avrebbero potuto trarre prestiti fino al 140% della loro quota, con termini da quattro anni e mezzo, fino a dieci.

Anche se l'impianto era stato appositamente istituito per finanziare le maggiori esigenze di importazioni di petrolio, il Fondo monetario internazionale - così come le banche - si erano curate poco di come il denaro fosse stato effettivamente speso. Per esempio del fatto che fosse andato dritto nelle tasche di dittatori come Mobutu, nello Zaire, Saddam Hussein in Iraq, o di Suharto in Indonesia - che lo sperperarono, trasferendolo su conti esteri segreti o utilizzandolo per scopi militari, in ogni caso facendo salire il debito pubblico – tutte cose che non ha avevano importanza per il Fondo monetario internazionale e le banche, fino a quando avrebbero ricevuto i loro pagamenti di interessi regolarmente.

Tuttavia, la situazione cambiò bruscamente quando Paul Volcker, il nuovo presidente della Federal Reserve americana, ha alzato il prime rate (il tasso di interesse al quale le banche commerciali possono ottenere denaro dalle banche centrali) del 300%, al fine di ridurre l'inflazione nel 1979. Gli Stati Uniti scivolarono in un'altra recessione, il che significava che meno materie prime erano necessarie, a causa di una più bassa attività economica.

Per molti paesi in via di sviluppo la combinazione di minor domanda, il calo dei prezzi delle materie prime e la crescita alle stelle dei tassi di interesse, fecero sì che non poterono soddisfare i loro obblighi di pagamento alle banche internazionali. Una massiccia crisi finanziaria incombeva. L'onere del debito dei paesi in via di sviluppo, all'inizio del 1980, ammontava a un totale di 567 miliardi di dollari. Un mancato pagamento di questa portata, avrebbe spinto al collasso di molte banche occidentali e quindi doveva essere evitato a tutti i costi.

E 'stato a questo punto che al Fondo monetario internazionale è stato dato la sua prima grande occasione per entrare nella situazione come prestatore di ultima istanza. Mentre il suo “settore pubbliche relazioni” stava diffondendo la notizia che l'organizzazione stava lavorando sui salvataggi, al fine di "aiutare" i paesi indebitati, il Fondo ha approfittato della sua posizione di monopolio, incontestabile, per legare la concessione di prestiti a condizioni ancora più difficili. In tal modo, è stato in grado di attingere a due esperienze diverse, maturate negli anni precedenti.

In primo luogo, un colpo di stato militare appoggiato dalla CIA, in Cile, nel settembre del 1973, che aveva portato a termine il governo del presidente socialista Salvador Allende e aveva altresì sistemato il dittatore fascista, Augusto Pinochet, al potere. Pinochet aveva subito invertito le nazionalizzazioni fatte da Allende, ma non aveva trovato rimedio contro l'inflazione galoppante. Nel tentativo di riprendere il controllo della situazione, si era così rivolto a un gruppo di 30 economisti cileni (conosciuto come "Chicago Boys" perché avevano studiato alla Chicago School of Economics, sotto il premio Nobel Milton Friedman) per proporre loro una divisione del lavoro ben definita: egli avrebbe provveduto alla soppressione di qualsiasi tipo di opposizione politica e sindacale, nonchè a schiacciare tutti i conflitti sul lavoro, mentre loro si sarebbero occupati di attuare un programma di austerità radicale, sulla base di idee neoliberiste.

Nel giro di poche settimane un ampio catalogo di misure fu sviluppato. Fu richiesta una drastica limitazione della massa monetaria, tagli alla spesa pubblica, licenziamenti nel settore pubblico, la privatizzazione nella sanità e l'istruzione, tagli salariali e aumenti delle tasse per i lavoratori, mentre allo stesso tempo venivano ridotti i dazi doganali e le imposte per le società. Il programma è stato apertamente indicato come "terapia dello shock" da ambo i lati.

Sia Pinochet che i suoi soci, che vennero presentati al pubblico come un "governo di tecnocrati", rispettarono la loro parte dell'accordo fino in fondo. Mentre il dittatore distrusse violentemente qualsiasi opposizione alle misure drastiche del governo e assicurò che molti dissidenti politici scomparissero per sempre, i "Chicago Boys" lanciarono un attacco frontale alla popolazione attiva. In particolare condussero alla disoccupazione, che era pari a 3% nel 1973, e al 18,7% entro la fine del 1975, contemporaneamente spingendo l'inflazione al 341%, facendo sprofondare i segmenti più poveri della popolazione in una povertà ancora maggiore. Gli impatti del programma in realtà aggravarono il problema della disuguaglianza sociale per i decenni a venire: nel 1980, il 10% più ricco della popolazione cilena aveva accumulato il 36,5% del reddito nazionale, espandendo quella quota al 46,8% nel 1989, mentre allo stesso tempo quella del 50 % più poveri scese dal 20,4% al 16,8%.

Durante il suo sanguinoso colpo di stato, Pinochet aveva fatto completo affidamento sul sostegno attivo della CIA e del Dipartimento di Stato, sotto il governo Kissinger. In sede di attuazione del programma di austerità più duro mai effettuato in un paese latino-americano, i "Chicago Boys" ricevettero il pieno sostegno da parte del FMI. Indipendentemente da tutte le violazioni dei diritti umani infatti i prestiti del FMI in Cile vennero raddoppiati l'anno successivo al golpe di Pinochet, per quadruplicarli e quintuplicarli nei due anni successivi.

L'altra esperienza del FMI ha riguardato la Gran Bretagna. L'inesorabile declino economico della Gran Bretagna nel corso di due decenni e mezzo aveva reso il paese il più grande debitore del FMI. Dal 1947 al 1971, il governo di Londra aveva preso prestiti per un totale 7.25 miliardi di dollari. Dopo la recessione del 1974/75 e attacchi speculativi contro la sterlina, il paese era giunto ad una condizione di pressione ancora maggiore. Quando nel 1976 il governo britannico, ancora una volta si rivolse al FMI per chiedere aiuto, gli Stati Uniti colsero l'opportunità di dimostrare il loro potere. Alleandosi con i risorgenti tedeschi, costrinsero il governo laburista del primo ministro Harold Wilson a limitare la spesa pubblica, ad imporre tagli massicci ai programmi sociali, a perseguire una politica di bilancio restrittiva, e ad astenersi dai controlli sulle importazioni di qualsiasi tipo. Questo drastico intervento rappresenta tutt'oggi una limitazione finora sconosciuta alla sovranità di un paese debitore, in europa, risultato nel fatto che nessun leader di un paese industrializzato occidentale ha mai più applicato un programma del genere in relazione ad un prestito del FMI.

 

Traduzione a cura di Francesco Piro, pubblicato il 12/01/16 in due parti ai seguenti link:

http://demokraziadiretta.blogspot.it/2016/01/saccheggiare-il-mondo-la-storia-e-la.html

http://demokraziadiretta.blogspot.it/2016/01/saccheggiare-il-mondo-la-storia-e-la_12.html

 Presentati  con la partecipazione del Ministro Giuliano Poletti i nuovi dati del Rapporto Immigrazione e Imprenditoria 2015

 

Per il secondo anno il Centro Studi e Ricerche IDOS, in partenariato con la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa e con MoneyGram, cura un apposito rapporto al fenomeno dell’imprenditorialità immigrata.

Il Rapporto Immigrazione e Imprenditoria 2015 è dedicato ai nuovi dati sul contributo degli immigrati al sistema imprenditoriale italiano, inquadrati nella cornice europea e calati nel dettaglio dei singoli contesti regionali e delle collettività immigrate maggiormente protagoniste.

L’annuario unisce l’analisi delle statistiche (Eurostat per l’Ue, Unioncamere/Infocamere e Sixtema/Cna per l’Italia) alla presentazione delle normativa e delle prospettive operative.

Tenuto conto delle potenzialità del fenomeno, anche in un’ottica transnazionale, e delle attese e le esigenze degli immigrati e dei loro Paesi di origine, il testo è redatto in italiano e in inglese.

Nel 2014 sono 30,5 milioni i lavoratori autonomi e gli imprenditori attivi nell’UE-28 (un settimo dell’occupazione totale) di cui il 15,8% in Italia, primo Paese per numero di questi lavoratori. Il loro aumento è stato di oltre 150mila unità rispetto all’anno precedente (primo risultato positivo dopo una diminuzione durata tre anni). Gli imprenditori immigrati sono poco meno di 2 milioni (6,3% del totale), per quasi la metà non comunitari, aumentati del 56,3% nell’ultimo decennio, ma oltre la media nel Regno Unito e in Italia. In un quarto dei casi, ma solo nel 16,7% in Italia, gli imprenditori di origine non comunitaria hanno dei lavoratori alle loro dipendenze.

Sono 6.041.187 le imprese operanti in Italia, purtroppo in diminuzione anche nel 2014 di quasi 21.000 unità (a saldo di una diminuzione di 48.000 unità tra le aziende gestite da nati in Italia e di un aumento di quasi 28.000 tra quelle a guida immigrata, +5,6%).

A seguito di questi andamenti, all’inizio del 2015 superano il mezzo milione le imprese gestite da cittadini nati all’estero: 524.674 aziende (l’8,7% del totale), quasi sempre a esclusiva partecipazione immigrata (94,1%). Tra di esse, le imprese individuali sono 421.004: 1 ogni 8 tra tutte le imprese individuali del Paese.

L’insieme di queste imprese contribuisce alla creazione del 6,5% del valore aggiunto nazionale (oltre 94 miliardi di euro), una quota destinata ad aumentare con l’aumento delle forme societarie più strutturate e aperte alla compartecipazione degli autoctoni (nel 2014 sono 57.000 le società di capitale, aumentate del 14,5% in un anno).

Sono ancora poche, invece, le start up innovative a prevalenza straniera di cui al d.l. 179/2012 (95, 2,2% del totale a giugno 2015), e ciò denota il cammino da fare sul versante dell’innovazione.

Nel comparto del noleggio, agenzie di viaggio e servizi alle imprese le 27mila attività guidate da immigrati influiscono per il 15,4% sul totale, più di quanto avvenga nelle costruzioni (14,8%) e nel commercio (12,1%), che pure rappresentano i due principali comparti di attività (188mila imprese, il 35,8% del totale per il commercio e 128mila, il 24,3% del totale per l’edilizia).

Il settore terziario da solo incide per il 56,9%, mentre è residuale l’impegno in agricoltura (2,7%), un ambito che richiede notevoli investimenti iniziali.

Quanto alla diffusione territoriale, nel Settentrione si concentra oltre la metà delle imprese a conduzione immigrata (30,1% al Nord Ovest e 21,1% al Nord Est). Seguono le regioni centrali (26,7%) e il Meridione (22,3%), dove l’incidenza sul totale delle imprese locali è quasi dimezzata rispetto al Centro-Nord (5,8% vs 10,1%). La Lombardia (100mila aziende, 19,0%) e il Lazio (67mila, 12,8%) primeggiano in graduatoria, come anche le province di Roma (57mila, 10,9%) e di Milano (45mila, 8,6%).

I gruppi nazionali maggiormente dediti all’imprenditoria sono quelli marocchino (15,2%), cinese e romeno (11,2% ciascuno), che si segnalano rispettivamente nel commercio, nella manifattura e nell’edilizia. Le sei collettività più numerose coprono da sole oltre la metà dei responsabili di imprese individuali nati all’estero (55,4%).

Secondo questo secondo Rapporto, la realtà imprenditoriale promossa dagli immigrati sarà maggiormente dinamica, diversificata e promettente qualora saranno superati gli ostacoli che ne frenano il consolidamento e la crescita (appesantimenti fiscali e burocratici, accesso al credito, stabilità del soggiorno, formazione specifica…).

A luglio di quest’anno, il Ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina ha costituito il Comitato etico – scientifico con il compito di studiare la problematica della Xylella in Puglia. Lo stesso è composto da:Marina BARBA, Donato BOSCIA, Domenico BOSCO, Anna Maria D’ONGHIA, Stefania LORETI, Elisabetta LUPOTTO,  Giovanni MARTELLI, Franco NIGRO, Francesco PALMISANO, Francesco PORCELLI, Federico ROVERSI, Maria   SAPONARI, Vito STEFANI, Giuseppe SURICO e Veronica VIZZARRI.

Tale Comitato si avvarrà del “prezioso” contributo scientifico dei professori RODRIGO ALMEIDA ed ALEXANDER PURCELL dell’Università di Berkeley (i quali parteciperanno alle riunioni in videoconferenza); Entrambi hanno partecipato al workshop in Puglia gia’ nel 2010 sulla Xylella, quando, Governatore era Vendola Niki Vendola, noto comunista, paladino dei più deboli , assurto alle cronache per essere andato in pensione a soli 57 anni con un assegno mensile di 5.700 euro (solo Regione Puglia).


Questi, da fonti giornalistiche pubblicate su internet, risultano essere i consulenti della Multinazionale MONSANTO.
Ma vediamo chi e’ e cosa fa la Monsanto.


La Monsanto è una nota multinazionale esperta di prodotti OGM (Organismi Geneticamente Modificati). Su  escogitur.it cosi ne parlano (riporto un breve estratto): “In Argentina, dove si fa largo uso di OGM, sono in aumento tumori, difetti alla nascita e altre malattie, in stretta correlazione all’utilizzo di organismi geneticamente modificati e all’uso incontrollato di pesticidi ... nonostante le affermazioni della Monsanto, che l’uso dei pesticidi diminuirebbe con colture OGM, il nuovo rapporto indica invece un drammatico aumento, da nove milioni da galloni in 1990 (riporto integralmente), 84.000.000 di galloni nel 2013... La Monsanto inoltre immette nell’ambiente sostanze chimiche velenose e promuove metodologie di coltivazione che rendono il cambiamento climatico ancor più aspro. Le azioni della Monsanto si traducono in danni per ciascuno di noi. Essa antepone la rincorsa al proprio profitto di cibo, alla necessita di un’offerta diversificata di semenze e di maggio stabilita nell’economia agricola. Ha a diposizione una serie di strumento per controllare l’accesso ai semi e non fa altro che esercitare pressioni per l’utilizzo degli OGM e di sostanze chimiche tossiche i cui effetti sulla salute suscitano non poca preoccupazione. E tutto viene fatto con l’aiuto del Governo statunitense.Un chiaro esempio di quanto entrambe le parti siano corrotte e colluse è stato l’episodio dell’investitura di Michael Taylor, un lobbista della Monsanto, come “zar del cibo” da parte del Presidente Obama, che cosi facendo ha bypassato l’iter della conferma da parte del Senato – che avrebbe inevitabilmente attirato l’attenzione su questa nomina ... I prodotti della Monsanto portano ad un incremento nell’utilizzo di fertilizzanti, pesticidi, erbicidi, acqua ed energia. La Monsanto ha cominciato come compagnia chimica nel 1901, Nel corso degli anni Trenta è stata responsabile di alcuni dei maggiori disastri chimici della storia – policlorobifenili o PCB e diossina. La  diossina è il defogliante utilizzato in Vietnam e noto come Agent Orange. E’ una delle sostanze chimiche piu’dannose, altamente cancerogena e responsabile di 50 malattie e 20 difetti congeniti. Il suo agente chimico maggiormente venduto in tutto il mondo è l’erbicida glifodato, in commercio sotto il nome di RoundUp. La Monsanto la spaccia per un prodotto sicuro e da esso ha guadagnato una fortuna. Il RoundUp è tossico e notoriamente causa di cancro, morbo di Parkinson, difetti congeniti ed infertilità”. Già questa breve esposizione è alquanto inquietante.
Ma andiamo avanti e vediamo chi sono i professori statunitensi consulenti del Ministero dell’Agricoltura.
Riporto breve descrizione pubblicata “SU LA TESTA di Gianni Lannes:” “Consultando il curriculum vitae di Rodrigo Almeida si intravedono interessanti indizi. Il professor Almeida vanta il “Syngenta Award 2012".


Prima di Berkeley, Almeida, ha realizzato il suo percorso di studi presso l’Universidade de Sao Paulo in Brasile. E qui spunta una sconcertante coincidenza: esattamente a Sao Paulo vive e lavora Rodrigo Lopes Almeida Corporate Affairs Director della Monsanto in Brasile, ossia l’ambasciatore di Monsanto, per dirla come riporta il video e come si può riscontrare sul profilo professionale pubblico. Sarà uno stranissimo caso di omonimia, qualora non ci fosse addirittura un legame più stretto di parentela ( www.zoominfo.com/p/Rodrigo-Almeida/36084239). In ogni caso, l’Università di Berkeley ha relazioni di carattere economico e viene finanziata da Monsanto, Novartis e Syngenta. Rapporti, tanto di interesse e ingerenti, che se qualche ricercatore scopre possibili relazioni di effetti nocivi o dannosi per l’ambiente e la salute derivanti da prodotti chimici di questi “finanziatori” forti e ne divulga la scoperta, rischia di vedersi azzittito col taglio di ogni risorsa economica destinata ai sui studi.


Credo che questo sia sufficiente per avere un quadro chiaro in Italia, a questo punto una domanda sorge spontanea: “Ma Michele Emiliano Governatore della Puglia cosa ne pensa di tutto questo? Cosa pensa dei prodotti OGM? E’ una coincidenza che i consulenti della Monsanto, nominati dal Ministro Martina, si stiano interessando della questione Xylella in Puglia?


Natalino Ventrella

 

<http://www.pmi.it/impresa/contabilita-e-fisco/news/91036/legge-stabilita-2015-definitiva-tutte-novita.html>:

 

l’agevolazione spetta a tutti i “datori di lavoro” privati – anche non imprenditori – e si applica per i “contratti a tempo indeterminato” intercorrenti dal 1 gennaio al 31 dicembre 2015. Come chiarito dall’INPS, l’esonero spetta anche in caso di “stabilizzazione” di un rapporto di lavoro termine (“Circolare n. 17 del 29/01/2015”), mentre sono agevolate anche le assunzioni a tempo indeterminato con contratto di lavoro ripartito (“Job Sharing”) relative al personale con “qualifica dirigenziale”, instaurate in attuazione del vincolo associativo stretto con una cooperativa di lavoro o a scopo di somministrazione.”Assunzioni escluse”

   - Con contratto di “apprendistato” e “lavoro domestico”;

   - relativamente ai lavoratori che nei 6 mesi precedenti alla data di assunzione siano risultati occupati;

   - a tempo indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro;

   - relativamente a dipendenti che nei 3 mesi antecedenti al 1° gennaio 2015 abbiano già avuto con il datore di lavoro un “contratto a tempo”;

   - a tempo indeterminato con “contratto di lavoro intermittente”.

 

“Condizioni e vincoli”

 

Per fruire dell’esonero contributivo occorre essere in possesso della regolarità prevista dalla Finanziaria 2007:

   - “DURC” (documento unico di regolarità contributiva) in regola;

   - rispetto di accordi e “contratti collettivi” nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati

   dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

L’agevolazione è sottoposta ai vincoli previsti dalla “Riforma Fornero”, per cui non spetta:

   - se l’assunzione del lavoratore viola un “diritto di precedenza “alla    riassunzione di un altro lavoratore licenziato da un rapporto di lavoro a    tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine;

   - se il datore di lavoro ha in atto sospensioni per crisi o “riorganizzazione aziendale “(fatta eccezione per l’acquisizione di professionalità

   diverse da quelle dei lavoratori sospesi);

   - per i lavoratori “licenziati”, nei 6 mesi precedenti, da un datore di lavoro che presenta assetti proprietari coincidenti con quelli di chi

   assume;

   - in caso di inoltro tardivo da parte del datore di lavoro del modello    di assunzione (Unilav o Unisomm).

 

“Assunzioni agevolate: lo sgravio INPS automatico”

 

<http://www.pmi.it/impresa/normativa/news/92572/assunzioni-agevolate-sgravio-inps-automatico.html>“Durata e misura “

L’esonero dura al massimo 36 mesi, nel limite massimo di 8060 euro annui (limite mensile di 671,66 euro e giornaliero di 22,08 euro). L’esenzione spetta per tutte le contribuzioni previdenziali e assistenziali con l’ “esclusione” dei premi e contributi INAIL, del contributo al “Fondo per l’erogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto di cui all’art. 2120 del C.C.”, dei contributi ai fondi di solidarietà bilaterali e al fondo di solidarietà residuale.

 

“Accesso esonero contributivo”

 

L’INPS (“messaggio n. 1144 del 13/02/2015”) ha fornito le istruzioni operative per accedere all’esonero contributivo:

   - richiesta attribuzione del codice di autorizzazione “6Y”- “esonero    contributivo articolo unico, commi 118 e seguenti, legge n. 190/2014” (dal    Cassetto previdenziale aziende - funzionalità “contatti”);

   - elaborazione cedolino paga;

   - indicazione nei flussi UniEmens dei seguenti elementi: in    <tipoIncentivo> inserire il valore “TRIE”; in <CodEnteFinanziatore> “H00”;    in ImportoCorrIncentivo> l’importo dell’esonero spettante nel mese; in    <ImportoArrIncentivo> l’importo dell’esonero spettante per i mesi di gennaio e/o febbraio.

 

“Cumulabilità con altre agevolazioni”

 

L’esonero contributivo non è cumulabile con altri esoneri/riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti da altre disposizioni normative, però risulta “compatibile” con gli incentivi che assumono natura economica:

   - assunzione dei lavoratori disabili;

   - assunzione di giovani genitori;

   - assunzione di beneficiari del trattamento Aspi;

   - assunzione di giovani lavoratori agricoli;

   - incentivo sperimentale per l’assunzione a tempo indeterminato di

   giovani entro i 29 anni di età.

 

“Assunzioni agevolate negli studi professionali”

 

<http://www.pmi.it/economia/lavoro/approfondimenti/92038/assunzioni-agevolate-negli-studi-professionali.html>“Criticità“

Il CNDCEC (Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili) ha evidenziate alcune criticità riguardanti l’esonero contributivo:

   - esclusione dall’esonero del contributo ASPI perché destinato a    sovvenzionare fondi interprofessionali.

   - misure compensative per destinazione TFR a Tesoreria e/o a Fondo    pensione;

   - restituzione addizionale ASPI 1,40% del precedente rapporto di lavoro a tempo determinato.

 

“Abrogazione sgravio Legge 407/1990”

 

Il CNDCEC precisa che viene meno l’agevolazione riguardante lo sgravio contributivo al 50% per le assunzioni nelle “Regioni del Centro/Nord “(100% nel “Mezzogiorno”), destinate a disoccupati e cassaintegrati di lunga durata (Legge n. 407 del 1990), abrogato dal 1 gennaio 2016. Secondo i commercialisti, l’esonero contributo della Legge di Stabilità 2015 risulta meno vantaggioso sia in termini economici (vedi INAIL) sia perché a fronte di una esenzione contributiva a regime, viene introdotta un’agevolazione che, salvo proroghe, è limitata alle assunzioni effettuate nel 2015.

Sono ripresi nel brindisino i tagli degli ulivi contagiati da xylella fastidiosa secondo le disposizioni del piano di interventi che prevede indennizzi per i proprietari di terreni che si adeguano "volontariamente" alle prescrizioni. Intervistiamo l'ing. Roberto De Pascalis, Presidente del Consorzio Mediterrae (organizzazione no profit che si interessa di promuovere progetti Umanitari ed ad alto impatto Sociale), per conoscere qualcosa di più approfondito nel variegato panorama stampa offerto dai media a volte disattenti a sentire il punto di vista dell'utente finale: il Contadino/Mezzadro.

Ventrella   Ingegnere ci parli degli impegni assunti in materia dal Consorzio Mediterrae

De Pascalis  Da tempo abbiamo esplicato,   nell'ambito delle   attività   di Mediterrae, le nostre proposte progettuali riguardanti molteplici settori di interesse sociale per chi fosse interessato può visitare il notro sito web : www.consorziomediterrae.it

Ventrella   Per quanto riguarda la "Problematica Xylella" in che modo ritiene sia coinvolto il Consorzio Mediterrae e le professionalità che operano al suo interno?

De Pascalis  In qualità di Pugliese, sentendo peraltro forte il richiamo della Terra di Salento, sia per le origini dei miei Genitori, sia per il continuo vissuto personale nelle campagne e nelle località turistiche Salentine, non potevo non interessarmi, coinvolgendo tutti i miei Collaboratori, di questa problematica "Xylella Perniciosa" la quale, al di la della importante e fondamentale realtà scientifica e di ricerca che la sottende, merita, anche, un particolare approccio tecnico ed organizzativo per la sua relativa definitiva eradicazione.

Parlo, quindi, di eradicazione del Batterio e non degli Ulivi.

Vorrei fare una premessa fondamentale che, forse, viene persa di vista da molti lettori: l'Ulivo nel Salento come, peraltro, nella Puglia intera rappresenta una componente fondamentale ed intrinseca della Cultura, dell'Arte, delle Tradizioni e della Dieta Mediterranea, che ha preso le sue origini proprio da questa magica Terra.

All'interno del nostro Consorzio collaborano importanti professionisti tra cui il Prof. Pietro Perrino, ricercatore del CNR, ed anche Lei Dr. Ventrella, laddove non potrei mai sconoscere il costante ed importante contributo di coordinamento che riesce costantemente a mantenere e sviluppare, raccordandosi costantemente con le varie realtà produttive agroalimentari afferente all'intera area Metropolitana di Bari, ma, anche, con numerose importanti relative aziende specializzate dell'intera Puglia.

Ventrella   Presidente troppo buono, come diceva Oriana Fallaci, "Non si fà il proprio dovere perchè qualcuno ci dica grazie, lo si fa per Principio, per Noi Stessi e per la Nostra Dignità", ci parli del Vostro Impegno e della Programmazione attività in itinere.

De Pascalis  Abbiamo cominciato a studiare questo fenomeno a partire giugno 2014, cercando, in primis, di documentarci per individuare, prima di tutto, una attenta analisi della situazione per poi valutare alcune possibili soluzioni da analizzare per intraprendere poi modelli attuativi ottimali nel tempo, inizialmente sperimentali (sicuramente connessi e derivanti dai risultati della ricerca ed allo stato dell'arte espresso dalla Comunità Scientifica) quali finalizzati a definire concreti e chiari protocolli tecnico-operativi da diffondere, poi, come "Pratiche Standard" rivolte a tutti coloro che operano nel settore (contadini, mezzadri, proprietari terrieri, produttori agricoli e cooperative di produzione).

Ebbene ci siamo accorti che tale problematica, che ha preso una prima evidenza nel 2011, proprio nell'area Salentina del Gallipolino, è stata sottovalutata e trattata con notevole lassismo, a tutti i livelli, partendo dal proprietario terriero/mezzadro, ma anche da parte di tutta la relativa filiera, fino anche, ai vertici regionali che avrebbero dovuto e potuto attivare, da subito, una campagna di stretto monitoraggio con l'avvio di attività di ricerca e sperimentali sul campo, oltre che la definizione delle misure che si sarebbero rese necessarie in uno con l'attivazione di un appropriato relativo "Stato di Calamità ed Emergenza".

Invero questo pronunciamento è avvenuto molto in ritardo, per cui le prime misure emergenziali le possiamo inquadrare, contestualmente, alla data di nomina del Commissario Silleti: troppo tardi!

Ovviamente il quadro della ricerca e sperimentazione, connessa alle professionalità ed alla "Comunità Scientifica" citate dai media, potrebbe non ritenersi adeguato ed esaustivo in quanto, a mio modesto avviso, si renderebbe necessario, per la fattispecie e la gravità della problematica, avviare misure sperimentali e di ricerca affidate a più gruppi, anche diversamente specializzati, con il coinvolgimento di professionalità che abbiano acquisito esperienze alternative, che possano perseguire, pertanto, analisi, criteri e metodi, con procedure indipendenti, senza dover essere assoggettati ad interazioni ed a fenomeni che potrebbero essere, peraltro, drogati da interessi economici diversamente preponderanti o da note lobbies, come spesso si paventa in giro o di quanto è stato, nel tempo, riportato dai media.

Ventrella   Potrebbe indicarci quale sarebbe la road map che vi siete dati e quali prospettive intendete perseguire?

De Pascalis.Il nostro periodo di analisi, dopo ampie diverse consultazioni, ci ha portato ad assumere un punto di vista proprio ed indipendente al riguardo dell'intera vicenda, anche e soprattutto coadiuvato da esperti di settore ed aziende specializzate che hanno esperienze in merito alla eradicazione degli infestanti, quale in ultimo quelli che avevano compromesso la produzione dei castagneti nell'area appenninica tosco-emiliana. Infatti, dobbiamo comprendere che questa vicenda ci insegna come sia necessario perseguire, unitamente ad un forte impegno nel settore della ricerca, un adeguato sforzo nel settore della sperimentazione proprio avvalendoci di queste aziende specializzate che operano in campi così delicati laddove lo spazio della sperimentazione a volte offre migliori risultati rispetto a quelli rinvenienti dal settore della ricerca pura.

Per questo abbiamo definito, in accordo e sulla base di specifiche consulenze tecniche di aziende validamente specializzate nel settore, di sostenere alcuni protocolli operativi sperimentali che, a nostro modesto avviso, possono, considerata la modestia e l'inadeguatezza dei risultati a cui la ricerca è pervenuta ad horas, costituire una valida alternativa alla raggiungimento di una possibile definitiva soluzione della grave problematica di cui trattasi.

Il data 23 marzo 2015 abbiamo, pertanto, con l'ausilio di molti che credono nel nostro operato, tenuto una conferenza stampa, nella Sala Convegni della Fiera del Levante, che tutti possono rivedere collegandosi al seguente link:

https://www.youtube.com/watch?v=mVDcu42D2SE

pronunciando la nostra disponibilità a procedere con le nostre concrete proposte sperimentali senza che vi sia utile alcuno sia al Consorzio (che opera in modalità no profit) sia alle aziende proponenti, che chiedono la sola copertura di tutte le spese sia connesse alla produzione, sia quelle accessorie (aratura campi, potatura, analisi del terreno e sulle piante, ecc., secondo procedure standard che saranno da noi indicate).

Questa nostra chiara e semplice proposta, quindi espressa a titolo puramente gratuito e per il bene della socialità, è stata, peraltro, formulata per il tramite di una specifica lettera che, in pari data del 23 marzo, è stata indirizzata contestualmente al Presidente U.E. Junker, al Presidente della BCE Draghi, al Presidente Consiglio Ministri Renzi, al Presidente Regione Puglia Vendola che al Commissario Straordinario Silletti.

In merito a questa nostra nota, ad horas abbiamo avuto riscontro solo dal Presidente della BCE Draghi.

Il data 10 giugno 2015 abbiamo, reiterato queste nostre proposte in occasione di una Conferenza presso il Senato della Repubblica sollecitando in una relativa conferenza stampa il Commissario Silletti a prendere in considerazione queste nostre proposte.

Alcuni Senatori della Repubblica, coinvolti da questa occasione, si sono personalmente chiesti come mai, davanti a queste proposte alternative, nessuno dia seguito e riscontro specifico in termini, anche, di trasparenza amministrativa resa ai sensi della Legge 241/90.

In data 7 e 13 ottobre sono stati posti al protocollo della Regione Puglia, e quindi alla diretta attenzione del Presidente Emiliano, gli stessi documenti in cui si reiterano le nostre proposte unitamente alla prefata lettera, mai riscontrata a tutti i livelli, del 23 marzo u.s..

In considerazione dell'evolversi degli avvenimenti rimaniamo in attesa non solo di concrete risposte ma delle misure che ormai ed indifferibilmente si rendono necessarie.

Ventrella   Cosa potrebbe dirci, invece sul piano delle cosiddette buone pratiche per la corretta gestione delle piante di Ulivo.

De Pascalis Mi è capitato di fare un imprevisto quanto corposo approfondimento parlandone dal mio barbiere Gaetano e con due suoi amici lì presenti Gasparre e Nicola tutti e tre proprietari e gestori di appezzamenti di terreno laddove piante di ulivo prosperano da secoli tramandate di padre in figlio sino a loro.

Ebbene sono stati loro ad indicarmi e sollecitarmi a capire quanto una coerente manutenzione di queste piante possa essere fondamentale unitamente a delle pratiche che devono essere sempre adottate quindi irrinunciabili.

Perchè non va dimenticato che a volte il quadro della ricerca a volte si discosta e si rende distante da quelle che sono le regole che bisogna adottare nel campo al punto che Gaetano mi chiedeva: ma questi Professori hanno mai lavorato veramente sul campo vivendo a fianco della pianta nei mesi e negli anni?

E allora che Gasparre mi indicava le diverse procedure che storicamente sono in uso nel Salento e nell'area Barese e della BAT.

I Salentini, a meno di molte aziende specializzate i produzione di oli di grande qualità nel settore dell' Olio Extravergine d'Ulivo, avevano l'abitudine di raccogliere le ulive da terra e poi portarle al frantoio ricavando un olio estremamente acido adatto per fritture o per usi di illuminazione (olio lampante peraltro esportato nel mondo nei tempi passati).

Nell'area Barese, invece, le olive si raccolgono con reti per scuotimento dalla pianta e portate subito al frantoio entro 24 ore per ottenere olii di grande qualità alimentare.

Molti appezzamenti, nel Salento, sono stati abbandonati per inseguire attività più lucrose nel settore del Turismo o, comunque, hanno subito scarsa manutenzione per non parlare di sopravvenuti conduttori di fondi che si sono lasciati convincere a usare prodotti chimici e trattamenti fitosanitari dannosi ed inquinanti che hanno, peraltro, reso impermeabili i terreni al punto che le radici capillari degli ulivi (quelle più diffuse e ramificate) sono state tutte bruciate portando la pianta ad esprimere la facies tipica di un Co.Di.R.O. (Complesso Disseccamento Rapido dell'Olivo).

A tutto questo deve aggiungersi l'aggravarsi degli effetti climatici connessi all'ormai noto a tutti Global Warming.

Quanto il Co.Di.R.O. sia connesso alla Xylella oppure, in alternativa, connesso al fenomeno articolato e sovrapposto sopra enunciato non è ancora stato chiarito scientificamente.

Nicola e Gasparre all'unisono mi dicono che la sputacchina (il cicalide che inietta la Xylella) è sempre esistita e si forma a terra con una patina biancastra laddove prevalgono fortissime umidità ed in campi non più arati. Questo cicalide permarrebbe in terra nutrendosi di erba se non in presenza di diserbanti che lo costringerebbero (bisogna vedere poi gli effettivi danni) a saltare sulla pianta dell'Olivo (a questo punto su qualsiasi albero che sia Ciliegio, Pesco, Mandorlo, ecc.) così che se questa cosa perseverasse nessuna pianta sarebbe immune da questo attacco.

Ma gli stessi Nicola e Gasparre ma anche Gaetano mi confermano che questo cicalide non si è mai visto e mai potrebbe trovarsi per caso su una loro pianta di Olivo perchè vengono costantemente e periodicamente utilizzate le seguenti buone pratiche:

a.   aratura periodica del campo (4 volte all'anno);

b. assoluto divieto utilizzo diserbanti ed antigrittogramici (che bruciano le radici capillari dell'Olivo;

c. potatura periodica della pianta (fondementale per farla respirare e tenerla in armonia, al pari delle pratiche tese ad evitare che una persona sia sovrappeso);

d.   Slupatura periodica (togliere le parti ammuquat dice Nicola, le parti dell'olivo che presentano delle marcescenze oltre alle venature ormai in cancrena);

e.   trattamento a calce bianca (disinfettante e che porti il Ph del terreno allo stato neutro, di scarso utilizzo nell'area Barese);

f. concimazione della pianta d'Olivo (con solfato d'ammonio e con materiale organico provenienti da scarti alimentari di frutta e verdura, si usa prima distribuire il materiale organico e dopo giorni procedere all'aratura così che il materiale penetri in fondo agli strati sottostanti di terreno);

g.   trattamento al verde rame (si irrora solfato di rame solo sulle foglie ad ottobre e novembre per 3 volte per ogni mese);

h. irrigazione (pratica che sia adeguata e costante con apporto utile di acqua soprattutto nelle aree che si vanno desertificando, dice Gaetano, prevedere un sistema artificiale di irrigazione a pioggia);

i.   apposizione di una adeguata fascia di "Lana di vetro" una specie di rete-spugna capace di evitare la risalita di alcuni infestanti (tipo lo Zurino di Gaetano) che potrebbero nuocere alla sana crescita dell'Olivo.

Quest'anno diceva Nicola, e confermava Gasparre, sarà un annata eccezionale e sublime di raccolta e produzione di Olio Extravergine d'Oliva, perchè Umidità e Pioggie si sono intercalate in maniera ottimale, al punto che è stato reso vano anche l'attacco delle Mosche dell'Olivo, perchè non hanno avuto modo di formarsi.

All'unisono Gasparre, Gaetano e Nicola affermano che il problema Xylella (cioè la possibilità che la sputacchina possa saltare su un albero di Olivo) è un falso problema e che il Co.Di.R.O. degli Ulivi Salentini è connesso al problema climatico, in uno all'impiego massiccio di diserbanti chimici in presenza di un sistema che volge a climi tropicali per causa del riscaldamento globale.

Ventrella     Presidente la ringrazio per questa esaustiva indicazioni che possano essere utili a chi di dovere dovrà prendere delle decisioni vere e coerenti con questa minaccia ormai non più tollerabile.

De Pascalis Ringrazio tutti i lettori per la pazienza avuta nel leggere queste pagine concludo con un forte interpello al Presidente del Consiglio Renzi ed al Minsitro dell'Agricoltura Martina affinché possano costituire una immediata Commissione Interministeriale di Emergenza Xylella e direi in generale Co.Di.R.O. perchè possa individuarsi, in tempi brevi, un adeguato protocollo che possa definitivamente porre fine a queste annose problematiche. Al Presidente della Regione Puglia ed al Commissario Silletti una viva e prememte esortazione a smetterla con questo programma medievale di Eradicazioni (già verificate, da oltre 20 anni, essere state inutili in California per casi similari eradicazioni operate massivamente su vitigni affetti da Xylella).

      


              

TASSE SULLA PRIMA CASA ADDIO. E' la misura sulla quale punta maggiormente il governo. Sono circa 19 mln gli italiani che saranno esentati dal
pagamento della Tasi sulla prima casa (anche per gli inquilini). Una misura "per tutti", ricorda Renzi che spera di rilanciare i consumi vincendo le
resistenze dell'Ue. Ha un valore di 3,7 mld.
- L'IRES PIU' BASSA D'EUROPA. L'obiettivo è ambizioso. Il governo intende portare l'imposta sul reddito delle società dall'attuale 27,5% al 24% nel 2017 (3,8 mld). La novità è la possibilità che un primo calo possa esserci già nel 2016 se la Commissione Ue autorizzerà un margine di flessibilità dello 0,2% (3,1 mld) per l'emergenza immigrati.
- CARO IVA E BENZINA, PERICOLO SCAMPATO: niente aumento dell'Iva, né delleaccise sulla benzina. E' la misura più corposa della legge finanziaria ma anche quella che veniva data per scontata. La sterilizzazione delle clausole previste dai governi precedenti vale 16,8 miliardi di euro.
- CANONE RAI 'CALA' IN BOLLETTA. Dal 2016 la tassa governativa per la tv pubblica si pagherà all'interno della bolletta elettrica e calerà dagli attuali 113,5 euro a 100 euro nel 2016 e 95 euro nel 2017. La nuova misura permetterà di "stanare" circa sei milioni di evasori.
- SUPERAMMORTAMENTI PER LE AZIENDE. Chi investe in azienda potrà ammortizzare il 140% dei propri investimenti. E' una misura, una tantum, che vuole spingere gli imprenditori a finanziare. La misura varrà per tutto il 2016 ma anche per chi anticipa ed investe a partire dal 15 ottobre 2015 (170 mln solo per l'ultimo trimestre 2015, poi un miliardo per il 2016).
- NO FLESSIBILITA' PENSIONI MA OPZIONE PART-TIME. Nessun intervento sulle pensioni ma misure specifiche: opzione donna (esteso al 2016), settima salvaguardia degli esodati, innalzamento della no tax area per i pensionati over 75 e facilitazioni per chi si avvicina all'uscita dal mondo del lavoro. Gli over 63 anni, inoltre, potranno optare per il "part time" negli ultimi anni lavorativi con oneri minimi a carico dello Stato (100 milioni). Il sistema, nelle intenzioni dell'esecutivo, dovrebbe favorire l'ingresso di nuovi assunti.
- SGRAVI ASSUNZIONI, 'MA AFFRETTARSI'. Anche nel 2016 le aziende che vorranno assumere potranno beneficiare delle agevolazioni concesse dal governo. La decontribuzione, però, calerà progressivamente: del 40% l'anno prossimo (834 mln) e ulteriormente nel 2017. Lo sgravio sarà valido in ogni caso sempre fino al 2018. "Affrettarsi", ha consigliato il premier.
- FONDO SANITA' SALE, MENO DEL PREVISTO: Si passa dai 109 mld del 2014 ai 110 di oggi fino ai 111 del 2016. L'incremento c'è ma si tratta di 2 miliardi in meno rispetto a quanto inizialmente pattuito con le Regioni. Saranno salvaguardati, promette Beatrice Lorenzin, i livelli essenziali di assistenza.
- VIA L'IMU AGLI IMBULLONATI- Non si conteggeranno più gli imbullonati per il calcolo delle imposte immobiliari. (350 mln).
- ANCORA ECOBONUS E SCONTI MOBILI PER GIOVANI COPPIE. Confermato lo sgravio fiscale del 65% per i lavori di efficientamento energetico al quale si aggiunge un ulteriore misura a favore delle coppie under 35 che, pur senza ristrutturare casa, comprano mobili.
- LOTTA ALLA POVERTÀ. Il governo mette sul piatto 600 milioni per il 2016, 1 mld per i 2017 e altrettanti nel 2018. Le risorse dovrebbero essere destinate ai nuclei familiari in difficoltà economiche al cui interno c'è un minore. Ed aggiunge altri 90 milioni sono destinati a misure a favore di persone disabili che sopravvivono ai genitori. Finanziato per 400 mln il fondo per la non-autosufficienza. Aumentano le risorse per il Servizio Civile.
- OK USO CONTANTI FINO A 3.000 EURO. "E' una misura che vuole semplificare la vita agli italiani". Così ha spiegato Renzi presentando l'innalzamento del consenso all'uso del denaro contante dagli attuali 1.000 euro fino a 3mila. L'obiettivo è favorire i consumi.
- NUOVA LINFA ALL'AGRICOLTURA. Fisco agevolato (405 mln) ma soprattutto via l'Imu dai capannoni agricoli e l'Irap per agricoltura e pesca. Le misure nel loro insieme valgono, secondo le stime del ministero, almeno 800 milioni.
- LA CULTURA PER IL RILANCIO. E' uno dei "pallini" del premier che con la Legge di Stabilità destina 150 milioni in più nel 2016, 170 nel 2017 e 165 dal 2018. Avremo 500 cattedre d'eccellenza (40 mln nel 2016), l'assunzione di 1000 nuovi ricercatori (45 mln nel 2016) e 6000 borse di medicina. Viene estesa anche ai quotidiani e ai periodici diffusi elettronicamente l'aliquota agevolata dell'Iva al 4%.
- COMUNI VIRTUOSI. Con un allentamento del patto di stabilità interno, le amministrazioni con i conti in regola potranno finalmente investire il loro tesoretto di risorse per strade, scuole, marciapiedi e giardini. Si tratta di investimenti stimati in circa un miliardo di euro. - IL RILANCIO DAL SUD. Circa 450 milioni nel prossimo triennio per la Terra dei Fuochi ma soprattutto risorse per il Fondo di garanzia dell'Ilva di Taranto e lo "stanziamento definitivo" per l'autostrada Salerno-Reggio Calabria.
- PARTITE IVA. "Una sorta di Jobs act per i lavoratori autonomi", ha definito Renzi le norme per le nuove partite Iva che prevedono un'aliquota forfettaria del 5% sotto i 30.000 euro di reddito. Il costo, secondo le stime, si aggira sui 300 mln.

Natalino Ventrella

- Ammortizzatori: 80 miliardi erogati dall’Inps dall’inizio della crisi tra cassa integrazione e indennità di disoccupazione; a giugno, richiesta Cig in aumento + 1,7% rispetto a maggio e in calo -4,9% su giugno 2012 (fonte:Inps);

- Benzina: da gennaio a luglio 2013 i consumi di benzina sono calati -6,3%, per cui il gettito fiscale (accise e imposte) e' sceso -2,9%. Considerando i primi sette mesi del 2013, i consumi petroliferi sono complessivamente scesi del 7,3% rispetto allo stesso periodo del 2012 (fonte: Unione Petrolifera);

- Cassa integrazione: nel complesso sono state autorizzate 704 milioni di ore nel periodo gennaio-agosto 2013 (fonte Inps); ad agosto Cig +12,4%. Salgono straordinaria e in deroga;

- Chiusura aziende: per la crisi, tra il 2008 e il 2012 hanno chiuso circa 9mila imprese storiche, con più di 50 anni di attività. Si tratta di 1 impresa storica su 4 (fonte: Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza);

- Competitività: Italia al 49° posto nel mondo, battuta anche da Lituania e Barbados (fonte: World Economic Forum);

- Consumi: nel periodo 2012-13 contrazione record dei consumi di -7,8% (fonte: Federconsumatori). Cio' equivale ad una caduta complessiva della spesa delle famiglie (vedi sotto "Spesa famiglie") di circa 56 miliardi di euro; il biennio 2012-2013 e' stato per i consumi "senza dubbio il peggiore, sono tornati indietro ai livelli del dopoguerra" (fonte: Codacons); crolla spesa per consumi: -7% dal 2008. Cali maggiori per abiti, mobili e alimentari;

- Credito alle imprese: secondo la Bce nel luglio 2013 contrazione di -3,7%, superiore a quella registrata a giugno (-3,2%) e maggio (-3,1%). Prestiti bancari fino a 12 mesi, quelli piu' adatti a finanziare il capitale circolante delle imprese: -4,0%. In fumo 60 miliardi di prestiti solo nel 2012;

- Debito aggregato di Stato, famiglie, imprese e banche: 400% del Pil, circa 6.000 miliardi;

- Debito pubblico: è aumentato a febbraio 2014 di 17,5 miliardi, raggiungendo un nuovo massimo storico a 2.107,2 miliardi (fonte: Bankitalia). Secondo le previsioni il debito pubblico salirà al 130,8% del Pil nel primo trimestre 2014, rispetto al 123,8% del primo trimestre 2012;

- Deficit/Pil: 2,9% nel 2013. Peggioramento ciclo economico Imu, Iva, Tares, Cassa integrazione in deroga lo portano ben oltre la soglia del 3%.Per la Bce ci sono rischi crescenti su obiettivi deficit 2013, peggiora disavanzo, con sostegni a banche e rimborso debiti PA;

- Depositi: nelle banche italiane in totale sono scesi nel luglio 2013 a 1.110 miliardi di euro contro i 1.116 miliardi di giugno. I depositi delle famiglie sono stabili a 918,5 miliardi, quelli delle società sono scesi da 198,4 a 191,6 miliardi (fonte: Bce);

- Disoccupazione: Il tasso di disoccupazione a gennaio 2014 è balzato al 12,9%. I disoccupati sfiorano i 3,3 milioni (fonte: Istat). E' il tasso più alto sia dall'inizio delle serie mensili, gennaio 2004. Disoccupazione giovanile: e' record anche il tasso di disoccupazione dei 15-24enni: a gennaio 2014 è pari al 42,4%. Nell'Eurozona per il 2013 le stime confermano una disoccupazione al 12,3%, e per il 2014 al 12,4% (fonte Bce);

- Entrate tributarie: nei primi 10 mesi dell'anno si sono attestate a 307,859 miliardi di euro, in calo di circa 1,4 miliardi rispetto ai 309,301 miliardi di euro dello stesso periodo del 2012. A ottobre sono state pari a 29,266 miliardi di euro, in lieve ribasso rispetto ai 29,601 miliardi dello stesso mese del 2012.

- Evasione: Nel 2013 5mila evasori totali e 17,5 miliardi nascosti. Secondo le stime elaborate dall'Istat l'imponibile sottratto al fisco si aggira ogni anno attorno ai 275 miliardi di euro;

- Export: a ottobre 2013 si registra una diminuzione sia dell'export (-0,5%) sia, in misura più rilevante, dell'import (-2,6%). (fonte: Istat); a ottobre 2013, il saldo commerciale è pari a +4,1 miliardi, superiore a quello registrato a ottobre 2012 (+2,3 miliardi). Al netto dell'energia, l'attivo è di 8,9 miliardi. Nei primi dieci mesi dell'anno, l'avanzo commerciale raggiunge i 23,7 miliardi e, al netto dei prodotti energetici,è pari a quasi 70 miliardi.

- Fabbisogno dello stato: sulla base dei dati preliminari del mese di dicembre, il fabbisogno annuo del settore statale del 2013 si attesta a 79,7 miliardi, rispetto ai 49,5 del 2012.

- Fallimenti: nel primo semestre 2013 si sono registrate 6.500 nuove procedure fallimentari, in aumento +5,9% rispetto allo scorso anno;

- Felicità: Italia depressa, il 'fu-Belpaese' è 45° nella classifica mondiale, stando al secondo Rapporto sulla Felicità dell'Onu;

- Fiducia aziende: l'indice composito sale da 79,8 di luglio a 82,2 di agosto.

- Fiducia consumatori: torna ai livelli massimi da due anni. Il clima di fiducia dei consumatori aumenta, ad agosto, a 98,3 da 97,4 del mese di luglio.

- Gettito Iva: nel periodo gennaio/aprile 2013 tra le imposte indirette prosegue l'andamento negativo dell'IVA (-7,8%) per effetto della flessione registrata dalla componente relativa agli scambi interni (-4,7%) e di quella relativa alle importazioni da Paesi extra UE (-21,4%) che risentono fortemente del deterioramento del ciclo economico;

- Immobiliare: nel primo trimestre 2013 l'indice dei prezzi delle abitazioni ha registrato una diminuzione dell'1,2% rispetto al trimestre precedente e del 5,7% nei confronti dello stesso periodo del 2012 (fonte: Istat);

- Imprese: in 6 anni sparite in Italia 134 mila imprese (Cgia);

- Inflazione. Nel 2013 in Italia il tasso d'inflazione medio annuo è stato pari all'1,2%, in decisa diminuzione rispetto al 3% del 2012. Si tratta del dato più basso dal 2009.

- Insolvenze bancarie: quelle in capo alle imprese italiane hanno sfiorato a maggio 2012 gli 84 miliardi di euro (precisamente 83,691 miliardi);

- Lavoro: da 2005 Italia fanalino di coda classifica occupazione Ue15 (fonte Istat); Lavoro, 6 milioni in cerca e 7 su 10 temono di perderlo (fonti: Istat e Coldiretti);

- Manifattura: l'indice Pmi è salito a 51,3 punti ad agosto, dai 50,4 del mese precedente, segnando il livello massimo da 27 mesi a questa parte. Secondo Markit alla base dell'espansione della produzione c'è stato un incremento dei nuovi ordini, il più marcato in oltre due anni, in particolare dall'estero.

- Neet: 2,2 milioni nella fascia fino agli under 30, ragazzi che non studiano, non lavorano, non imparano un mestiere, i totalmente inattivi sono il 36%;

- partite Iva: crollate -400.000 (-6,7%) dal 2008 (fonte Cgia Mestre);

- poveri: per la crisi sono raddoppiati dal 2007 al 2012 a quasi 5 milioni (fonte Istat);

- Prezzi produzione: l'indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali è aumentato a luglio dello 0,1% rispetto al mese precedente e diminuito dello 0,9% nei confronti di luglio 2012. Lo ha comunicato l'Istat.

- Pil: il Prodotto interno lordo dell'Italia, ovvero la ricchezza complessiva del paese, alla fine del 2012 era di 2.013,263 miliardi di dollari (dati Ocse) o 1.565,916 miliardi di euro (fonte: relazione del governo al Parlamento - 31 marzo 2013). Nel secondo trimestre il Pil Italia è stato confermato in contrazione -0,2% dopo il -0,6% nei primi tre mesi dell'anno. Comparando il secondo trimestre del 2013 con gli stessi mesi dell'anno precedente il calo è -2,0% (fonte: Eurostat). S&P ha abbassato la sua previsione di crescita 2013 per l'Italia, a -1,9% rispetto al -1,4%previsto a marzo 2013 e al +0,5% stimato a dicembre 2011. L'ultima previsione dell'Istat per il 2013 e' -2,1%. Il Fmi ha tagliato le stime del pil Italia 2013 a -1,8%. Anche l'Ocse prevede una contrazione di -1,8%, unico paese in recessione del G7. Nel 2012 il Pil ha subito una contrazione di -2,4%. E un crollo senza precedenti di -8,8% dall'inizio della crisi nel secondo trimestre del 2007 (fonte Eurostat); - Potere d'acquisto delle famiglie: -2,4% su base annua, -94 miliardi dall’inizio della crisi, circa 4mila euro in meno per nucleo;

- Povertà: nel 2012 ha colpito il 6,8% delle famiglie e l'8% degli individui. I poveri in senso assoluto sono raddoppiati dal 2005 e triplicati nelle regioni del Nord (dal 2,5% al 6,4%). E' quanto emerge dal quarto Rapporto sulla Coesione sociale presentato da Inps, Istat e ministero del Lavoro.

- Precariato: contratti atipici per il 53% dei giovani (dato Ocse);

- Produzione industriale: crollata -17,8% negli ultimi dieci anni. La produzione industriale e' calata -1,1% a luglio 2013 e -4,3% rispetto a luglio 2012 (fonte Istat);

- Reddito famiglie: nel 2013 e' tornato ai livelli di 25 anni fa, oggi 1.032 miliardi di euro, rispetto ai 1.033 del 1988 (fonte: Confcommercio); il reddito annuale della famiglia media italiana è calato di 2.400 euro tra il 2007 e il 2012, quasi il doppio della media della zona euro (fonte:Ocse);

- Ricchezza: dall'inizio della crisi nel secondo trimestre del 2007 il pil e' crollato -8,8% (fonte: Eurostat), pari a una perdita di oltre 150 miliardi di euro. L'Italia comunque e' il paese piu' ricco in Europa per via del patrimonio immobiliare dei cittadini ma tra quelli a minor reddito e con il piu' alto tasso di poverta': la ricchezza netta pro-capite, pari a 108.700 euro, supera di poco quella dei francesi (104.100 euro) e dei tedeschi (95.500 euro) (Fonte Bce-Bankitalia);

- Servizi: il fatturato delle aziende che operano nel settore servizi (80% del Pil Italia) nel secondo trimestre 2013 risulta in calo -2,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente; l'indice Pmi relativo alle imprese dei servizi in Italia resta sotto i 50 punti (che indica contrazione): 48,8 ad agosto (fonte: Markit);

- Sofferenze bancarie: a dicembre 2013 ammontavano a 155,8 miliardi, nuovo record, e ben 30,9 in più rispetto ai 124,9 miliardi di fine 2012 (fonte: Bankitalia).

- Spesa famiglie: prosegue il calo della spesa delle famiglie italiane, nel secondo trimestre del 2013 si contrae -3,2%, e per i beni durevoli -7,1% (fonte: Istat);

- Tasse: 262 scadenze per i cittadini italiani dall'Irpef, all'Iva, all'Irap, etc. Il livello eccessivo di tassazione provoca un effetto negativo, noto come curva Laffer e non e' compatibile con la crescita;

- Spesa pubblica: in 15 anni e' salita +69% a 727 miliardi. Rispetto a una ricchezza di 1.565 miliardi di euro, lo stato spende il 48% del pil. E con gli interessi sul debito pubblico supera il 52%;

- Vendite al dettaglio: in calo a giugno 2013 -3% su base annua, -0,2%. Nel trimestre aprile-giugno 2013 l'indice è calato -0,3%.

Natale Ventrella

Page 16 of 16
© 2022 FlipNews All Rights Reserved